Il “bottone blu” arrivato dagli oceani sempre più presente sulle coste garganiche

Stato Donna, 20 luglio 2022. È una specie delle acque superficiali degli oceani Pacifico, Atlantico e Indiano e del Mediterraneo occidentale che, fino al 2017, non era stata segnalata in Adriatico. Ma da allora la presenza della Porpita porpita, anche detta “bottone blu”, è sempre più evidente sul Gargano, osservata da bagnanti in scoperte personali soprattutto nei mesi di luglio e agosto. “Dipende dal fatto- dice la biologa marina Lucrezia Cilenti, responsabile del Cnr Irbim di Lesina– che è aumentata la temperatura delle acque per il riscaldamento globale, oltre il 30°C.  Un cambiamento nel numero e nella distribuzione spaziale degli idrozoi viene registrato giorno dopo giorno in altre aree mediterranee e atlantiche”.

La biologa marina Lucrezia Cilenti

L’aumento della temperatura dell’acqua del Mar Mediterraneo è una di quelle condizioni che ha consentito l’insediamento di molte specie tropicali introdotte negli anni attraverso le acque di zavorra come il famigerato granchio blu (Callinectes sapidus), di cui la biologa si è approfonditamente occupata.

Ma quali sono le caratteristiche della Porpita porpita? È un idroide coloniale della famiglia dei Porpitidae che vive vicino alla superficie del mare come un organismo galleggiante trasportato dalla corrente. Il suo corpo è costituito da due parti, quella galleggiante e la colonia idroide. La prima è in grado di affondare o far galleggiare l’animale grazie a piccole camere che producono aria e con piccoli tentacoli, armati di nematocisti urticanti che viene utilizzata per la difesa e la cattura delle prede.  Le nematocisti presenti sui tentacoli di Porpita porpita possono causare una leggera irritazione a contatto con la pelle umana.

“La distribuzione spaziale della specie può avere un impatto considerevole sulla pesca e sulle risorse costiere- aggiunge Cilenti- perché si nutre di zooplancton, copepodi, pesci allo stadio larvale e uova di pesce, una questione, quella della ‘fioritura’ di Porpita porpita che andrebbe approfondita come quella di nuove specie o di meduse che agiscono sull’ecosistema”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Dal Conservatorio di Foggia a Bergamo: la ‘favola bella’ di Daniela Giordano

Foggia, 27 maggio 2023. Daniela Giordano, pianista di Foggia ed ex docente del Conservatorio, sarà la nuova direttrice del Politecnico delle Arti di Bergamo...

“Grazie Tina Turner, un po’ di noi lo dobbiamo a te”

"Mamma, è morta Tina Turner". Il silenzio all'altro capo della fibra è eloquente. "Ho visto", mi dice, e intuisco un dispiacere oltre l'ammirazione per...

Pnrr a Ordona, incontro sui contenuti del bando Mic e Museo Herma

Foggia, 25 maggio 2023. Si terrà il prossimo 27 maggio dalle ore 15,30 presso la Biblioteca Comunale di Ordona l’evento partecipativo promosso dal Comune...

Amore e critica per Foggia, via Arpi brilla dei versi di Pasquale Oa

Foggia, 25 maggio 2023. “Temo che t’amo/Io solo/Che resto/Per quel che/ Non ancora/Accade”. Sono i versi di Pasquale Oda, presidente del collettivo Mediante, che...

Ospite di Ubik Foggia, Elisa Ruotolo con la sua favola per tutti

Foggia, 24 maggio 2023. Ugo Singer è nato dentro la scatola di una macchina per cucire – da qui il nome, anzi il cognome....