Gabriella Genisi alla Ubik di Foggia racconta il nuovo spazio delle donne

Gabriella Genisi alla Ubik di Foggia ieri sera per presentare il suo libro “L’angelo di Castelforte”. Come trova i luoghi e quanto questi influenzino la sua narrazione è stato uno dei temi affrontati. La scrittrice parte dal territorio, protagonista fondamentale dei suoi romanzi, con una particolare attrazione per ambienti abbandonati, fatiscenti che esercitano su di lei una fascinazione.

Tramite contatti salentini ha trovato Castelforte, un borgo costruito da un filantropo come residenza per vedove di guerra con bambini piccoli. Il suo progetto naufragò per la sua morte. “Io ho pensato di farne una residenza per scrittori, scrivendo gialli e noir…qualcosa deve succedere”.

Gabriella Genisi torna alla Ubik di Foggia con “L’angelo di Castelforte”

Le domande sono state poste dai lettori del gruppo “A qualcuno piace…giallo”, una di queste è stata incentrata sulle donne e la loro rappresentazione nei romanzi.

Chicca e Lolita- ha detto la lettrice- sono personaggi che hanno cambiato la narrazione della donna nel sud, la seconda in particolare ci è stata restituita com’era dalla tv. Sono frutto di ispirazione oppure hai voluto rappresentare una donna nuova che non era stata raccontata?

Genisi ha parlato di un saggio che sta leggendo “Lo spazio delle donne”, di Daniela Brogi edito da Einaudi. La tesi è che nei libri lo spazio delle donne è sempre stato ristretto, ridotto. È l’angelo angelo del focolare, doveva imparare a ritagliarsi un suo luogo, il giardino segreto, lo studiolo la famosa stanza tutta per sé di Virginia Woolf.

“Da questa narrazione che non ci rappresentava più volevo sfuggire- ha risposto Genisi- Nella lettura poliziesca italiana, per esempio, nonostante nella vita reale esistessero da venticinque anni le commissarie, noi continuavamo a essere rappresentate come sottoposte. Io racconto una donna reale, l’affermazione di un modello nuovo in ruoli pubblici che parte dalla seconda metà del ‘900 in cui la rivoluzione femminile è stata una delle più importanti. Il ‘900 è il secolo delle donne”.

Lolita Lobosco nei libri è come in tv? “No, perché i lettori sono diversi dagli spettatori, c’è necessità di un altro linguaggio, com’è stato. Ma tutto il mondo che ho creato intorno a lei, la rete, i legami, sono rimasti tali”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Stornara, Martina Totaro: A Rimini proclamata Campionessa nazionale di Latin Style Show

Statoquotidiano.it, 19 luglio 2024 - Stornara. Un’eccellenza locale nella danza  conquista il titolo di campionessa a livello nazionale: è Martina Totaro, 21 anni, concentrato di...

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....