Yoga Space (XII). L’energia deve fluire nei suoi canali, “Nadi” in indiano

Stato Donna, 23 luglio 2022. Abbiamo adesso un’idea della condizione di calma costante e di serenità, in cui si può vivere se si coltivano alcune virtù. Senza dubbio, il modo in cui ho raccontato del sentiero per raggiungere il Samadhi è lungi dall’essere esaustivo. In primo luogo perché raccontando, ci si ferma al solo livello teorico, invece quella che serve è pratica costante. In secondo luogo, perché per raggiungere quella grazia perenne e calma interiore, che tutto pervade e conduce alla felicità, occorre conoscersi a livelli molto molto profondi.

Leggi anche Yoga Space (XI). Chi vive nel Samadhi ha capito e abbraccia i propri valori

Dunque, al di là del corpo e del concepirlo come la nostra casa, di cui è giusto prendersi cura nel rispetto verso sé stessi, di tutti e tutto quel che ci circonda, vi è la consapevolezza dell’esistenza delle cariche emotive che dall’esterno, ci pervadono. Tali cariche, spesso vengono anche definite come energie che “scorrono” lungo canali. Per concepire tali canali, si può pensare al complesso sistema arterioso che affianca la nostra struttura muscolo scheletrica. Bene, i canali energetici, nella letteratura indiana classica vengono chiamati “Nadi” e per la nostra salute prima psichica e poi fisica, tali canali non devono mai e poi mai ostruirsi.

L’energia cioè, deve sempre scorrere, quando i pensieri si fissano su qualcosa l’energia non scorre più e questo provoca dei blocchi che impediscono alla serenità di realizzarsi. Ecco che nel raccogliersi dei sensi verso l’interno e con l’esercizio yoga-asana noi abbiamo la possibilità di guidare le energie attraverso il respiro e l’impegno. Dunque, nelle varie pose/asana noi ci occupiamo in primis proprio di questo, poi con la consapevolezza realizzata nella pratica, portiamo anche fuori il tappetino, l’esercizio di osservare le nostre reazioni emotive, di cui ora abbiamo una consapevolezza già un po’ più profonda.

L’esistenza delle Nadi, non è stata provata empiricamente o in modo scientifico, però c’è stato un fotografo russo che ha reso possibile vedere i fasci energetici che attraversano ogni tipo di corpo. Avete già letto o sentito parlare della fotografia di Semjon (Семёр) Kirljan; ebbene la sua foto è stata poi utilizzata nelle medicine alternative e fatta oggetto di ricerca scientifica. In realtà antichi sistemi medici, quali l’ayurveda e la medicina cinese, per nominarne solo due, avevano già utilizzato l’ascolto delle Nadi per applicare cure e stimolare il benessere. Dove si incontrano poi tali flussi di energia all’interno del corpo?

Se non lo sapete ancora, presto potrete leggerlo.

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Renzo Arbore e Michele Placido nel comitato per Monte S. Angelo capitale cultura

Stato Donna, 12 agosto 2022. Monte Sant'Angelo comincia a lavorare per la propria candidatura a Capitale della cultura 2025 per cui ha presentato una...

Confagricoltura: “Negli agriturismi pugliesi più stranieri che italiani”

Stato Donna, 12 agosto 2022. Il bilancio di mezza estate di Confagricoltura Puglia conferma l’enorme interesse dei turisti per la regione ma anche l’aumento...

Anci Puglia chiede ai partiti di candidare i sindaci. La Torre: “Perché no?”…

Stato Donna, 12 agosto 2022. Il presidente Anci Puglia Ettore Caroppo ha chiesto in una nota alle segreterie regionali dei partiti di promuovere, e...

Savino e Augello su “Vita” fra i 100 top influencer dalla provincia di Foggia

Stato Donna, 11 agosto 2022. Sfogliando le pagine dell’ultimo numero di “Vita” – il magazine italiano dedicato al racconto sociale, al volontariato, alla sostenibilità...

Il racconto dell’estate e altre storie, sul filo delle parole e della musica

Stato Donna, 11 agosto 2022. Enza Moscaritolo, docente e giornalista freelance, scrive e si occupa di comunicazione. Ha lavorato in radio e collaborato con...