Luci e sogni di Martina: “Vorrei vincere un torneo dello Slam”

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

STATOQUOTIDIANO.IT, Manfredonia 21 ottobre 2021. Una baby carriera da ragazzina prodigio e un futuro nel tennis che sembrava già scolpito nella pietra. Questa era Martina Zerulo che iniziava per divertimento con la racchetta in mano presso gli impianti sportivi Salvemini, sotto la sapiente guida del maestro La Forgia.

Entrata all’Angiulli Bari fa passi da gigante, i primi tornei, i primi successi, la voglia di impegnarsi per raggiungere importanti risultati nello sport, tanto amato da papà Enzo, che le trasmise la voglia di approcciarsi al tennis. Comincia a vincere da piccola, cinque campionati italiani e diversi tornei internazionali, in una regione come la Puglia, da sempre ricca di talenti tennistici.

A 14 anni un problema al piede la tiene lontana dai campi per circa due anni. Grazie alla determinazione che l’ha sempre contraddistinta torna a giocare e a crescere a vista d’occhio. Dopo il diploma, la grande possibilità di trasferirsi negli States, con qualche titubanza iniziale e le potenzialità di unire con profitto studi universitari e allenamenti sportivi di alta professionalità. Martina, ormai, all’età di 23 anni (classe 98) è ad un passo dalla laurea, e dopo aver vissuto tre anni a Lafayetteville, in Arkansas, dove ha giocato per la squadra americana Razorback, nel settembre del 2020 decide di trasferirsi in Oklahoma, accettando sfide e stimoli più importanti e dove tuttora risiede. uestoMarCo

Archiviato l’ultimo torneo Open disputato e vinto in Italia a Latiano (BR) in finale su Andreina Pino, è arrivato anche il momento di cogliere il frutto di tanti sacrifici e tanta passione. Notizia di questi giorni, è infatti, il suo primo titolo conquistato in un ITF, dove la tennista sipontina è riuscita a cogliere un’importante Semifinale nel torneo di Singolo $ 15.000 di Norman, battuta dalla canadese Xu con il punteggio di 6-4,6-4 e vincere, nello stesso torneo, il torneo di Doppio in coppia con la finlandese Ooana Nicole Orpana, imponendosi sul duo Williford-Schaefbauer in tre set 6-2,5-7,10-6.

Stato Quotidiano ha raggiunto Martina Zerulo per una piacevole intervista verbale, per capirne sensazioni, progetti futuri privati e sportivi dell’atleta manfredoniana, così amata dai suoi concittadini.

  • Dopo lo stop delle attività del college, in seguito agli effetti pandemici, è stata dura riprendere o comunque hai potuto allenarti costantemente?

 

“All’inizio nessuno si poteva allenare. Io sono stata qui in America, non potevo partire per via del virus, il volo era stato cancellato e quindi era tutto chiuso anche i campi dell’Università. Non si poteva uscire di casa per un mese. Poi sono riuscita ad allenarmi sia fisicamente che a livello tennistico. Chiaramente è stata molto dura, perché stare così tanto lontano dai campi non è mai facile”.

 

  • È arrivato il 1°titolo Itf a Norman, dopo tanti Open vinti. Quali tornei conti di disputare nel breve- medio periodo?

 

Sì primo titolo a Norman di doppio e semifinale di singolare. La prima volta che sono arrivata così in fondo in un torneo pro e ora sono in uno stato dell’America che si chiama Iowa. Sto giocando un campionato del College e poi penso di andare a Cancun per disputare due altri tornei da 15000 dollari. Rientrerò in Italia e poi a gennaio ricomincerò a giocare in altri tornei del college”.

 

  • Giochi prevalentemente sul cemento o la struttura ti permette di allenarti ed adattarti a tutte le superfici? Quale preferisci?

 

Qui in America si gioca prevalentemente sul cemento, perché in realtà non ci sono campi in terra o meglio veramente pochi. Tutte le università hanno campi in cemento, 20-30, e purtroppo non si riesce a giocare sulla terra, anche perché il 98% dei tornei è su questa superficie e non c’è bisogno di allenarsi sulla terra”.

 

  • Tanti sono i concittadini che sono orgogliosi della ragazzina che iniziava alla Salvemini. Cosa porti con te di Manfredonia in giro per il mondo?

 

Porto tanto, in realtà. Non mi dimentico le origini. Sono di Manfredonia, mi sono allenata lì per tantissimi anni e mi manca quando sono qui in America. Ho iniziato a giocare a tennis ad 8 anni al circolo della Salvemini con il maestro Silvio La Forgia, con papà e queste cose le porto con me e non le dimenticherò mai. Allenamenti fatti con il vento, con la pioggia, con -2 gradi. Tornare a Manfredonia è sempre bellissimo. Ogni volta che cammino in giro per il Corso, o per la città, c’è sempre in giro gente che mi dice “forza campionessa”, siamo con te. Il supporto dei cittadini è incredibile e mi dà veramente la forza di andare avanti. Mi scrivono anche qui e questa cosa mi fa veramente piacere. Non avrei mai immaginato che tanta gente mi seguisse e mi supporta giorno per giorno. In giro per il mondo mi porto l’amore che mi dimostrano ogni giorno”.

  • I college americani sono noti per la loro rigorosità e la loro organizzazione per gli atleti. Ci descrivi la tua giornata tipo?

“La giornata tipo è sveglia alle 5.45. Alle 6.30 abbiamo allenamento fisico in palestra per un’ora, poi università, poi allenamento tennistico per circa due ore e mezza. Dopo pranzo, un nuovo allenamento tennistico per altri 90 minuti, nuovamente università, cena, studio e riposo”.

  •  Dopo la laurea, hai già un’idea di futuro definita? Conti di passare professionista nel Wta, sperando in sponsor che possano aiutarti o di proseguire nella tua formazione professionale?

“Le opzioni sono tante. Dopo la laurea a dicembre di quest’anno, inizierò la specialistica in marketing che credo durerà 1 anno e mezzo o due. Subito dopo di questa, le opzioni sarebbero rimanere qui e trovare lavoro, fare da coach o tornare in Italia, allenarmi con Gianluca Pozzi, che è il maestro che mi sta seguendo al momento e provare a passare professionista. Al momento, però, è un pochino presto per pensarci visto che mancano 2 anni per tale decisione. Il sogno, però, c’è.

  • Qual è la tua aspirazione e il tuo sogno tennistico più importante?

“Il sogno tennistico è competere al livello professionista e diventare una top 25-50 al mondo. Il sogno nel cassetto è vincere un torneo dello Slam. Mi piacerebbe vincere Wimbledon, il torneo più bello al mondo, però chiaramente, ci sono tanti step da superare, tanto lavoro da fare e bisogna mantenere testa bassa, restare umili e continuare a lavorare. Voglio ringraziare la mia famiglia, papà, mamma, mio fratello Giovanni, mia sorella Sonia che mi supportano costantemente, non lasciandomi un secondo. Sono Incredibili. Ringraziare anche Gianluca Pozzi, nonostante lui sia in Italia ed io in America perché restiamo sempre in contatto e tutti i cittadini manfredoniani che mi supportano”.

A cura di Antonio Monaco, ottobre 2021 – www.statoquotidiano.it

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Capone: “Mi prende il cuore la storia di Yvonne, conosco quelle emozioni”

Stato Donna, 28 novembre 2021.“Quanti ricordi con la bellissima storia di Ivonne, che a pochissime ore dalla nascita della sua piccola Lavinia, dal letto...

La felicità al tramonto e tutto quello che girava intorno alla miniera

Stato Donna, 28 novembre 2021. Le sono rimasti due denti soltanto. E nemmeno in corrispondenza l'uno dell'altro così, quando deve masticare, è una gran...

“Ti mangio il cuore” nel Gargano. “Elodie è una donna fantastica”

StatoQuotidiano.it, Manfredonia 26 novembre 2021. Breve pausa dalla lavorazione del film "Ti mangio il cuore" di Pippo Mezzapesa, con protagonisti Elodie, al suo esordio...

Isa, Cristina, Alessandra: “La nostra filosofia di vita? Quella del buon cibo”

StatoDonna - RadioManfredoniaCentro - StatoQuotidiano.it, Manfredonia 27 novembre 2021. "Noi siamo quello che mangiamo", è un vecchio detto, difficile confutare. Ed è proprio della...

Consigliera di Parità designata ma ancora senza nomina, il caso

Stato Donna, 27 novembre 2021. Ed è passata anche la data del 25 novembre senza la nomina della consigliera di parità della Provincia di...