“Storie di sapori”: il pacco di Natale che parla di terra, giustizia, inclusione

Lucera – Ci sono le storie di Luciano, Pasquale, Antonio. Storie da ascoltare, condividere, assaggiare. Perché “Storie di sapori” è un pacco di Natale che contiene prodotti agroalimentari del nostro territorio che parlano di Terra, Giustizia, Inclusione, che raccontano molto di più dei sapori che si portano dentro. Sono prodotti realizzati sui terreni confiscati alla mafia di “Terra Aut” e “Michele Cianci”, nel territorio di Cerignola, gestiti dalla cooperativa sociale Altereco che fa parte del consorzio Oltre / la rete di imprese.

Sapori che parlano delle storie degli uomini e delle donne impegnati a coltivarli, a raccoglierli, a trasformarli, a portarli sulle nostre tavole.

Uomini e donne inseriti nei progetti di inclusione socio-lavorativa che vengono da percorsi di vita difficili, complicati, ma che attraverso il lavoro della terra stanno avendo l’occasione di riscoprire sé stessi, i loro talenti, delle professionalità che prima non credevano di avere. Hanno l’opportunità di raccontare una nuova storia, che ha il sapore della bellezza ed il profumo dell’opportunità.

Nel pacco “Storie di sapori” è possibile trovare la passata di pomodoro a marchio centonove/novantasei, la confettura di ciliegie, le zucchine grigliate e la pasta di Altereco, il vino “Rosso Libero – Michele Cianci”.

Ci sono anche i pacchi più piccoli, in cui è possibile scegliere tra passata di pomodoro o datterini gialli, zucchine grigliate e confettura di ciliegie, con il vino “Rosso Libero – Michele Cianci“.

«Attraverso l’inserimento lavorativo ogni anno accogliamo persone che vengono ammesse alle misure alternative al carcere le quali attraverso un periodo di affiancamento imparano a lavorare la terra, scoprendo con la cura delle piante la gioia di vedere i frutti preziosi che attraverso la passione ed il sacrificio permettono di vivere con dignità» spiegano dalla cooperativa Altereco, il cui sogno di agricoltura sociale è reso più forte grazie al progetto “Il fresco profumo della libertà“, tra gli interventi selezionati nell’ambito della quarta edizione del Bando Beni Confiscati alle mafie 2019, promosso dalla Fondazione CON IL SUD insieme alla Fondazione Peppino Vismara.

I Pacchi di Natale «contengono tutti prodotti liberi, buoni ed etici – concludono da Altereco – perché rispettano tutta la filiera agroalimentare dalla lavorazione alla trasformazione. Inoltre, rappresentano i sogni di tanti che continuano a lottare per la propria terra, perché per loro è la cosa più preziosa da proteggere e valorizzare». Per avere informazioni o effettuare gli ordini, si può scrivere alla mail coop.altereco@yahoo.it o chiamare al numero 340/2437226.

A Foggia i prodotti si trovano presso la bottega centonove/novantasei, in piazza Cavour n. 3, mentre a Cerignola presso la bottega solidale di “Terra Aut”.

Fonte image Esperienze CON IL SUD

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...