Da Palazzina Laf a Bangarang, Puglia protagonista alla festa del cinema di Roma

Anche quest’anno la Fondazione Apulia Film Commission e la Regione Puglia, saranno presenti alla Festa del Cinema di Roma, in programma nella Capitale da domani, mercoledì 18, a domenica 29 ottobre 2023.

Per la diciottesima edizione, infatti, sono stati scelti tre film girati in Puglia: due storie diverse ambientate entrambe nella città di Taranto e la terza girata principalmente a Lecce e nel Salento. Si tratta del lungometraggio “Palazzina Laf” di Michele Riondino, opera prima da regista di lungometraggi dell’attore pugliese, sarà proiettata sabato 21 ottobre alle 19 nella sala Petrassi per la sezione Grand Public; il documentario “Bangarang” diretto dal regista pugliese Giulio Mastromauro, che sarà proiettato giovedì 26 alle 19 all’Auditorium Conciliazione in concorso nella sezione Panorama Italiano per “Alice nella città“; infine, Shukran” di Pietro Malegori, è in programma domenica 29 alle 17 nell’Auditorium Conciliazione, una Proiezione Speciale all’interno di “Alice nella città“.

 

Girato quasi esclusivamente a Taranto, con riprese anche a Massafra, “Palazzina Laf“, prodotto da PalomarBravo e Bim Distribuzione con Rai Cinema e in coproduzione con la francese Paprika Films e il sostegno di Apulia Film Commission e Regione Puglia, vede come protagonisti Michele Riondino, in duplice veste di regista e attore, e gli attori Elio GermanoVanessa ScaleraDomenico FortunatoGianni D’AddarioMichele SinisiFulvio PepeMarina LimosaniEva Cela e con Anna Ferruzzo con la partecipazione di Paolo Pierobon.

Palazzina Laf” è un film ambientato nel 1997 e racconta la vicenda di Caterino, uomo semplice e rude è uno dei tanti operai che lavorano nel complesso industriale dell’Ilva di Taranto. Vive in una masseria caduta in disgrazia per la troppa vicinanza al siderurgico e nella sua indolenza condivide con la sua giovanissima fidanzata il sogno di trasferirsi in città.

Quando i vertici aziendali decidono di utilizzarlo come spia per individuare i lavoratori di cui sarebbe bene liberarsi, Caterino comincia a pedinare i colleghi e a partecipare agli scioperi solo ed esclusivamente alla ricerca di motivazioni per denunciarli.

Ben presto, non comprendendone il degrado, chiede di essere collocato anche lui alla Palazzina Laf, dove alcuni dipendenti, per punizione, sono obbligati a restarvi privati delle loro consuete mansioni. Questi lavoratori non hanno altra attività se non quella di passare il tempo ingannandolo giocando a carte, pregando o allenarsi come fossero in palestra. Caterino scoprirà sulla propria pelle che quello che sembra un paradiso, in realtà non è che

una perversa strategia per piegare psicologicamente i lavoratori più scomodi, spingendoli alle dimissioni o al demansionamento. E che da quell’inferno per lui non c’è via di uscita.

Bangarangdi Giulio Mastromauro, prodotto da Zen Movie e Nuovo Imaie con il supporto di Apulia Film Commission, Pugliapromozione, Regione Puglia e con la partecipazione di Dispàrte, è un documentario girato a Taranto che entra nel mondo dell’infanzia. I bambini sanno essere chiassosi, spensierati, giocosi, inconsapevoli, violenti. Anche a Taranto, una città industriale del Sud Italia che ospita dagli anni Sessanta la più grande acciaieria in Europa. Osservandone i gesti e ascoltandone le emozioni, entriamo nel mondo dell’infanzia e allo stesso tempo ci immergiamo nel presente di questo territorio, teatro di uno dei più gravi disastri sanitari e ambientali della storia italiana ed europea. Bangarang è una parola giamaicana e significa tumulto, disordine, caos.

Con “Shukran” di Pietro Malegori, infine, la Puglia diventa la Siria devastata dalla guerra. Le riprese si sono svolte a Lecce, Nardò, Melendugno, Otranto Gallipoli, Campi Salentina, San Pietro in Lama, Maglie, Altamura, Ginosa e Torre Colimena. La vicenda, ispirata al romanzo di Giovanni Terzi, racconta la storia di un cardiochirurgo che deve operare urgentemente un bambino, ma entra in crisi quando scopre che il suo paziente è figlio del terrorista responsabile della morte di suo fratello. L’evento cambierà per sempre la sua vita.

Protagonista della storia è l’attore iraniano Shahab Hosseini, migliore attore nel 2011 a Berlino per “Una Separazione” e nel 2016 a Cannes per “Il Cliente”, entrambe pellicole premiate con l’Oscar per migliore film in lingua straniera. Nel cast, tra gli altri, Abdelhafid MetalsiAntonio Folletto, Syrus Shahidi, Camélia Jordana, Hania Amar, Slimane Dazi, Husam Chadat, Kassem Al KhojaMustafa Sardan Safin e Shahrayar Sardan Safin.

Prodotto da Addictive IdeasRosebud Entertainment Pictures con la produzione esecutiva di Scirocco Films, il film è stata realizzata con il contributo di Apulia Film Fund di Apulia Film Commission e Regione Puglia a valere su risorse del POR Puglia FESR-FSE 2014/2020.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

“Bukowski. A night with Hank” apre rassegna compagnie locali al Giordano

Foggia. Sarà “Bukowski. A night with Hank” ad aprire domenica prossima 25 febbraio ‘La Scena foggiana al Teatro Giordano’, il primo dei cinque appuntamenti riservati...

Xylella, ritrovati 6 alberi di mandorlo infetti in agro di Triggiano

Bari. I controlli effettuati dall'Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia sugli insetti vettori della Xylella fastidiosa hanno portato all'individuazione nell'agro di Triggiano in provincia di...

Turismo. BUYPUGLIA e BTM ITALIA per buyers esteri, formazione e crescita professionale

Per continuare a crescere e a consolidarsi, l'industria turistica pugliese punta tutto sulla crescita della filiera turistica imprenditoriale e dell'accoglienza attraverso il networking, il...

Giustina Rocca. Così sarà celebrata la prima avvocata della storia, antesignana della parità di genere

Giustina Rocca è considerata la prima avvocata della storia grazie a un lodo arbitrale reso l'8 aprile 1500 nell'ambito di una controversia che era...

Condizione femminile nel passato e nel mondo contemporaneo, speciale Arte.tv

Scienziate, artiste, operaie, madri. A più di un secolo dall'istituzione della giornata a loro dedicata, le donne sono ancora costrette a scontrarsi con diversi...