La Commissione femminicidi porta il dramma delle donne sul red carpet

l dramma dei femminicidi arriva sul red carpet a Venezia, con la presenza della Commissione bicamerale d’inchiesta per il contrasto degli omicidi e della violenza di genere.

La presidente Martina Semenzato, con le sen.D’Elia, Leonardo, Valente, e le deputate Zanella e Ravetto hanno sfilato sul red carpet con le donne dell’associazione ‘Dire’.

 

“La nostra iniziativa a Venezia è robusta – ha proseguito – , come robusta è la commissione femminicidio. Da questa legislatura la commissione è bicamerale, e quindi anche i numeri del coordinamento sono importanti”. Le rappresentanti della Commissione  indossano t-shirt bianche e scarpe rosse senza tacco, realizzate dalla stilista Antonia Sautter”.

“Il 1522, il numero d’emergenza anti-violenza, dovrebbe funzionare su tutto il territorio nazionale. Molte donne non lo conoscono. I 1522 non può essere promosso solo il 25 novembre, deve essere sostenuto 365 giorni l’anno. Solo così ci può essere una presa di coscienza”.

Lo ha detto la senatrice Valeria Valente, in occasione della presenza alla Mostra del Cinema di Venezia della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio.

All’iniziativa erano presenti anche le rappresentanti di Dire, l’associazione delle donne in rete contro la violenza. Uno dei temi affrontati nella conferenza stampa al Lido è stato quello dei percorsi giudiziari nei quali si trovano le donne che hanno denunciato una violenza, o episodi di stalking.

“I percorsi giudiziari – ha spiegato la vice presidente di Dire, Elena, Biaggion – devono accogliere le donne in maniera seria. Marisa Leo è stata uccisa tre anni dopo che aveva denunciato. Aveva l’affidamento condiviso, troppo spesso le donne sono costrette a mediare con gli uomini violenti”.

“Individuiamo benissimo le vittime – ha aggiunto – ma il violento non è mai tale finché le sentenze non passano in giudicato. Se una donna ha denunciato, il percorso di affidamento del figlio deve tenere conto di quella denuncia. Non significa privare i figli del padre, ma tutelare la madre. La commissione d’inchiesta aveva portato dei dati dolorosi per le donne che escono da situazioni di violenza”.

“Chiediamo alla commissione – ha concluso Biaggioni – di ascoltare le donne uscite dai percorsi di violenza che si trovano senza denaro, casa e prospettive. Questo non può succedere, perché così le donne rischiano di tornare sui propri passi”.

Lo riporta l’Agenzia Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...