Flash mob a Roma: “Via il sessismo dai tribunali”

“Uno, due o nove secondi: una violazione della sfera sessuale di una donna è sempre violenza”.

Lo hanno scandito più volte, davanti a Montecitorio, le attiviste di un flash mob contro il sessismo nelle sentenze, in particolare dopo l’assoluzione di un collaboratore scolastico a Roma perché la cosiddetta “palpata breve” sotto i dieci secondi non è stata considerata reato.

L’iniziativa è stata organizzata dall’Intergruppo della Camera per le Donne, i Diritti e le Pari Opportunità, coordinato da Laura Boldrini, insieme all’associazione Differenza Donna.

Un anno fa l’Italia è stata condannata dal Cedaw (Comitato dell’Onu) per gli stereotipi sessisti nelle sentenze e nel 2021 era stata condannata dalla Corte europea dei Diritti umani di Strasburgo.

Dal momento che la violenza sulle donne ha anche una matrice culturale, con le parole di alcune sentenze “il rischio è quello della vittimizzazione secondaria, ovvero sminuire la portata degli atti violenti contro le donne e normalizzare la violazione del corpo femminile”,  spiegano gli organizzatori. Con la conseguenza che la donna avrà ancora più paura a denunciare.

“Palpeggiare è molestare e la molestia non è goliardia; dieci secondi sono un abuso sessuale”,

ha detto Laura Boldrini che ha parlato anche di una proposta di legge da portare presto in aula affinché le molestie sessuali siano un reato distinto, riducendone le interpretazioni. Nella proposta si pensa anche di allungare i tempi della denuncia, da uno a tre anni dopo la violenza.

Differenza Donna presenterà ricorso contro la sentenza sulla cosiddetta “palpata breve”:

è “inaccettabile, soprattutto perché la molestia è avvenuta in ambito scolastico, luogo che dovrebbe far sentire al sicuro”, afferma Elisa Ercoli, presidente di Differenza Donna. “Se passa il messaggio della sentenza, chiunque può abusare di una donna nell’impunità più totale”, ha detto dopo il flash mob l’ex presidente della Camera.

Boldrini ha commentato anche il caso Facci: “L’unica cosa che doveva fare la Rai l’ha fatta. Una persona che si è espressa più volte in modo misogino non può lavorare nella tv pubblica”.

E poi anche sul caso La Russa: “Penso sia vergognoso quello che ha fatto il presidente del Senato, incompatibile con la carica. Non ha preso le distanze ma ha difeso il figlio e ha umiliato la ragazza, creando un danno al figlio stesso. Perché se la ragazza era drogata, è un’aggravante”. Lo riporta l’Agenzia Ansa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Stornara, Martina Totaro: A Rimini proclamata Campionessa nazionale di Latin Style Show

Statoquotidiano.it, 19 luglio 2024 - Stornara. Un’eccellenza locale nella danza  conquista il titolo di campionessa a livello nazionale: è Martina Totaro, 21 anni, concentrato di...

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....