Saper ascoltare è il segreto per conoscere l’altro

I filari sulla destra scorrono veloci. Così veloci che non riesco a distinguere quali alberi siano. Se peri o albicocchi o viti, che un tempo le riconoscevi perché erano maritate e invece oggi sono sole anche loro e si confondono, da lontano. Miope sono sempre stata e la velocità di questa Freccia che deve anche recuperare un po’ di ritardo non mi aiuta di certo. Tutto è verde, e metamerico. Scandito dal rumore del treno che oggi è moderno, meno forte, ma ritmico e cadenzato se lo sai sentire.

L’udito ce l’ho migliore della vista e mentre mi concentro su questo suono che mi fa un po’ da ninna nanna considerato che mi sono alzata alle cinque per andare a fare questa consulenza, mi appisolo in un dormiveglia vigile che mi fa recuperare la levataccia ma non mi fa dormire di certo.

Anche perché di fianco due amiche continuano a raccontarsi. Parlandosi sopra, ciascuna ansiosa di dire e di ascoltare, nell’urgenza perché sono così poche le occasioni di sfogarsi senza sembrare lagnose o vittime. E avere qualcuno lì che ti ascolti è un dono da non sprecare. Perché saper ascoltare è un’arte, più di quella di domandare. Ascoltare e osservare sono il segreto per conoscere l’altro.

Ascoltare è la capacità di interpretare i silenzi che parlano e certe volte gridano che per questo li chiamiamo assordanti. È la capacità di leggere tra le righe composte di una frase ben costruita con i soggetti e i predicati al posto giusto ma che in realtà sono sbagliati perché non è là che vuoi stare.

È la capacità di scompaginare rime baciate che ormai sono l’unica cosa che si bacia nella tua vita. È la capacità di trasportare quel racconto nel mondo come una piccola sineddoche, un particolare che racchiuda l’universale, capace di creare comunione e comunanza, senza solitudini feroci a ferire sentimenti già feriti e dove lei aiuta lui che aiuta lei che aiuta me.

E ci viene da sorridere anche perché sentirsi vittime non piace a nessuno e allora si aggiusta sempre un po’ il tiro, rivendicando un proprio ruolo attivo nel fatto, così da recuperare scampoli di dignità.

 

Come se ce ne fosse bisogno, e forse ce n’è in questo mondo che ci vuole perfetti. In questo mondo che ci induce, noi conniventi, a comportarci come se dalla mattina alla sera dovessimo star lì a giudicare gli altri, chissà con quale autorizzazione, autorevolezza e autorità, o ad essere giudicati e quando non lo facciamo è solo perché non vogliamo che qualcuno ricambi nei nostri confronti.

 

Un do ut des funzionale, un altruismo de’ noantri o sui generis, se vogliamo continuare con il latino. Invece giudicare è un pessimo esercizio che più che altro racconta di chi giudica, se non è il suo mestiere.

Racconta di chi sposta l’attenzione per non parlare di sé perché è più gustoso parlare degli altri, è più facile individuare le pagliuzze delle travi. È meno doloroso analizzare le ferite degli altri indossando vesti da prefiche piuttosto che leccarsi le proprie rischiando di sembrare deboli.

 

E poi, osservare. Con attenzione e discrezione, piccolo esercizio di poesia e di grazia, senza necessariamente scavare dentro occhi che sappiamo essere lo specchio dell’anima e nelle anime si guarda con rispetto e si entra in punta di piedi, ma solo se si è ricevuto il permesso. Osservare ci permette di comprendere i sentimenti veri dell’altro, cercando la congruenza rispetto a quello che ci dice.

Ci permette di tradurre in emozioni quello che appare, andando oltre quello che appare, cercando essenze e verità senza che l’altro si senta costretto a confidare cose che magari non trova le parole ma vorrebbe che qualcuno capisse da solo. Perché certe volte parlare è davvero fatica.

E queste due amiche sembrano sapere tutto questo e parlano e si rispondono e dicono e tacciono ascoltando. E si toccano, si avvicinano, una tocca i capelli all’altra e poi ridono e guardano lo stesso telefono e condividono una cuffietta per ascoltare della musica forse, ciascuna un auricolare.

E tra qualche anno non ricorderanno il narcisista manipolatore di cui una delle due si lamenta, ma le loro mani intrecciate sul tavolino della Freccia, che ha recuperato il ritardo e mi ha regalato questo pezzettino di bellezza.

Simonetta Molinaro, 11 giugno 2023

 

1 commento

  1. Sottoscrivo ciò che ha scritto e sono un’uomo molto ma molto vicino alla donna.
    Che come provocazione se una giovine donna decidesse di togliere le tubu le chiederei io nel mio corpo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

ULTRAMINIMAL. Così Alessandra Celletti festeggia Satie

Roma. Alessandra Celletti torna al Teatro "Miela" per omaggiare Erik Satie portando per la prima volta dal vivo il suo nuovo album ULTRAMINIMAL. L'artista romana...

“Delay”, il nuovo singolo di Carla Schiavano in collaborazione con Katia De Lorenzis

Lecce, Italia – Oggi 13 Maggio 2024, il panorama musicale accoglie un nuovo e avvincente Inedito firmato Carla Schiavano, talentuosa cantautrice salentina. Il singolo,...

Bellissima. A Sveva Alviti le serate di apertura e chiusura di Venezia 81

Sveva Alviti aprirà l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione...

Festa a Foggia per il “Welcome day per gli specializzandi di Area medica dell’Università”

Foggia, 6 maggio 2024. Si è svolta questa mattina presso l'Aula Turtur del Policlinico Riuniti la prima edizione del Welcome day dedicato agli specializzandi di...

L’infinito fra le nuvole, primo singolo dell’artista Valentina Mazza, “Musa”

L'infinito fra le nuvole, il primo singolo dell'artista Valentina Mazza, in arte Musa, è un brano pop da lei scritto e composto, dedicato all'uomo più importante della...