La distanza fra Carta dei diritti e Prassi: quanti secoli ancora per le donne?

Abbiamo appena festeggiato la Festa della Repubblica, alcuni quotidiani hanno ricordato ai cittadini italiani distratti da tante vicende, non ultime quelle della crisi mondiale energetica e politica, che le donne andarono a votare circa settanta anni fa con l’entusiasmo di essere state finalmente ammesse alla partecipazione attiva alla vita politica.

Tanto che le donne elette nella Costituente si possono definire giustamente Madri della Costituzione, accanto ai più citati Padri costituenti.

Tuttavia, nella cronaca, prendiamo atto che nell’arco di due soli giorni sono state assassinate due donne, una ragazza con il suo bambino nel grembo e una poliziotta, il cui assassino si è a sua volta suicidato.

Nel nostro Occidente le donne vivono una stagione di libertà inimmaginabile in altri contesti geopolitici, fa notare un commentatore in tv. E questo non va certo dimenticato né trascurato. L’inarrestabile cammino verso la pari dignità in ogni settore della vita sociale trova riferimento nel diritto e nelle sue applicazioni concrete, laddove richieste ed accertate.

Ma altrettanto concretamente occorre ammettere che la prassi nella vita quotidiana vede ancora l’incompleta affermazione di quei diritti.

Non si può ancora dire una parola definitiva delle ultime due generazioni, se cioè sono riuscite a colmare la distanza nella libertà dei comportamenti fra maschi e femmine.

Certo esistono ancora delle limitazioni potenti ai movimenti delle donne. Ci si muove da sole, perché no? ma sempre con la fiducia guardinga che non capiti nulla di nuovo se si attraversa una via poco frequentata, se si esce da un locale a mezzanotte senza compagnia. Nei piccoli centri le ragazze in giro la sera sono le più giovani, in compagnia di una comitiva composita, dove sembra essersi azzerata la tradizionale divisione fra amici maschi e amiche femmine.

Tutto questo è vero. Ma che cosa avviene a una donna sola nel concreto? Una rischiosa libertà di spostamenti e di movimenti che volessero essere in piena autonomia.

La maldicenza, che spesso accompagna il semplice prendere aria, soprattutto nei piccoli centri, dove il maschio occupa la piazza, l’agorà, lo spazio pubblico, con quelle sedie che delimitano il territorio nel più elementare schema antropologico, e dove alle donne è dato solo di passare, per raggiungere le sedi che maggiormente le si confanno, una per tutte, la chiesa, ridotta spesso a pratica di incontri sociali molto più che spirituali.

E allora diventa difficile stupirsi se dall’inizio di questo 2023, in non troppi mesi, più di quaranta donne sono state uccise dai loro compagni di vita.

I quali non accettano la parità nel campo affettivo, dimostrando che persiste, invasivo anche nelle più giovani generazioni, il concetto del possesso del corpo e dell’anima femminile.

Se l’uomo è stato nei secoli ed è ancora considerato cacciatore, alla donna spetta solo il diritto di essere una preda. Con l’inevitabile sgozzamento finale. Nonostante tutte le leggi questa è la realtà empirica per chi osserva da vicino la morale vigente.

Il ‘secolo breve’ – come è stato definito il Novecento – ha visto nella sua seconda metà una accelerazione in tutte le manifestazioni della vita sociale e nei primi anni del terzo millennio l’accelerazione è diventata quasi spaventosamente incontrollabile e tuttavia occorreranno molte generazioni ancora prima che gli omicidi al femminile – i femminicidi, che sono la cartina di tornasole dei cambiamenti nei rapporti fra i due sessi –  affronteranno una parabola discendente, come dimostrazione di una reale raggiunta parità.

Maria Teresa Perrino, 3 giugno 2023

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...