“Caminito”, il romanzo coinvolgente come un tango e un gioco di specchi

StatoDonna, 9 gennaio 2023. Sinceramente mi sono avvicinata alla lettura di questo romanzo, con uno spirito un po’ bellicoso. Dal punto di vista critico, ovviamente. Parliamo di “Caminito”, di Maurizio De Giovanni (Einaudi editore). Infatti già avevo preannunciato di parlare apertamente dei libri che non mi piacciono, senza alcuna remora. Ebbene, vedere questo ai primi posti in classifica, tra i più venduti, mi aveva fatto sorgere una, quasi, istintiva diffidenza. No, non è snobismo intellettuale. Questo non mi appartiene, e non mi apparterrà mai. Lungi da me, gli steccati e i pregiudizi. Però è scattato quasi un senso di sfida,  tipo: vediamo, è all’altezza? C’è qualità, o siamo alle solite. Mercato, senza sostanza?

Devo dire a questo punto che, nonostante i miei bellicosi intenti, questo romanzo è davvero bello, forse tra i migliori di De Giovanni della saga del commissario Ricciardi, a mio  parere, la migliore. Il titolo è molto evocativo. Vi consiglio di ascoltare “Caminito” cantata da Gardel. Suadente, e seducente nella sua malinconica poesia, perché… Il tango è un pensiero triste che diventa danza…cantata da una donna lontana che ama, nonostante tutto.

Nostalgia, amore, dolore. Sullo sfondo un aprile che tradisce tutto e tutti dove niente è come appare, per nessuno. Tutto è apparenza fuorviante, anche nella tragedia dell’omicidio brutale di due giovani nel momento culminante della loro passione. Fascisti. Antifascisti. Ricciardi. Il dottor Modo. Il brigadiere Maione. La piccola Marta. La contessa Bianca. Le leggi razziali. I tribunali speciali. Ventotene e chi va al confino. È questo l’orlo dell ‘abisso su cui si danza.

Vorticare intenso di un caleodiscopio umano denso di descrizioni bellissime. Di stati d’animo con pennellate di lirismo non melenso e stucchevole. Si nota un’introspezione acuta, male e bene che si mescolano. Ce lo ha insegnato, d’ altronde, drammaticamente Malaparte ne “La Pelle” con la sua Napoli, la sua anima più autentica, aristocratica e plebea, razionale e magica. Luca Giordano e i Quartieri Spagnoli.  De Giovanni  fa rivivere tutto brillantemente, quasi a livello sensoriale. Si  avverte il mare, il sole che scalda, il profumo delle sfogliatelle calde, quasi l’aroma di caffè. Fino ad un finale assolutamente magistrale. Spiazzante e poetico. Del tutto sorprendente.

Questi i sentimenti che guidano la narrazione. Permeano le vicende di tutti i personaggi. Non è esente, comunque da qualche difetto. Bisogna dirlo. Come una trama che, nel mezzo del racconto, ha qualche cedimento e anche un affastellamento di storie, un tantino esagerato. Tanti pop-up che si aprono, una sorta di Windows narrativo barocco in un gioco di specchi che disorienta e tende a stancare. Tutto questo frena il ritmo narrativo. Però, l’autore si smarca abilmente da questo impasse, fluendo e riuscendo a mantenere la tensione del lettore. Innegabile abilità, non c’è che dire. Si fa leggere fino alla fine, tutto d’ un fiato, molto coinvolgente come una corsa, anzi come un tango.

Concetta Melchionda, 9 gennaio 2023

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

ULTRAMINIMAL. Così Alessandra Celletti festeggia Satie

Roma. Alessandra Celletti torna al Teatro "Miela" per omaggiare Erik Satie portando per la prima volta dal vivo il suo nuovo album ULTRAMINIMAL. L'artista romana...

“Delay”, il nuovo singolo di Carla Schiavano in collaborazione con Katia De Lorenzis

Lecce, Italia – Oggi 13 Maggio 2024, il panorama musicale accoglie un nuovo e avvincente Inedito firmato Carla Schiavano, talentuosa cantautrice salentina. Il singolo,...

Bellissima. A Sveva Alviti le serate di apertura e chiusura di Venezia 81

Sveva Alviti aprirà l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione...

Festa a Foggia per il “Welcome day per gli specializzandi di Area medica dell’Università”

Foggia, 6 maggio 2024. Si è svolta questa mattina presso l'Aula Turtur del Policlinico Riuniti la prima edizione del Welcome day dedicato agli specializzandi di...

L’infinito fra le nuvole, primo singolo dell’artista Valentina Mazza, “Musa”

L'infinito fra le nuvole, il primo singolo dell'artista Valentina Mazza, in arte Musa, è un brano pop da lei scritto e composto, dedicato all'uomo più importante della...