La sostenibile leggerezza dei libri, i consigli natalizi di Concetta

StatoDonna, 24 dicembre 2022. Una cara amica mi ha chiesto dei consigli per i regali di Natale. Io, proprio in questi giorni ci stavo pensando. Sempre più spesso mi sorprendo a riflettere su un pensatore  mitteleuropeo poco conosciuto, ma dalla portata dirompente, Carlo  Michelstaedter. Ebbene, egli, ha scritto un testo stupendo “La Persuasione e la Retorica”, dove  insegna a liberarsi dal bisogno per ritrovare la vera libertà. Quella, appunto dal bisogno materiale. Mi si dirà che, sia il Cristianesimo che altre religioni, fanno proprio questo tema. Io, però, non intendo fare un discorso fideistico. Ma, un ragionamento più inclusivo. Anche verso il non credente. 

Concetta Melchionda

In un’epoca come la nostra, iperconnessa, poco o per niente  incline alla riflessione, tesa tutta al materialismo spinto (un eufemismo!) al consenso, alla performance fisica, intellettuale. Diciamola tutta, nauseante. Cosa c’è di più rivoluzionario che liberarsi dalla felicità narcisistica del possesso?

Solo, la felicità di possedere idee, relazioni, immaginazione, poesia. Magici antichi, logos. La leggerezza (non Insostenibile) dell’essere. Il bagaglio ineffabile  della bellezza interiore del sé. Quale dono più bello, intenso, da fare e farsi? (Si, anche a se stessi, anzi soprattutto), a quel sé, bistrattato, dimenticato, nel vortice di agende. Quello che va amato e coccolato, perché sia dono, a sua volta. Con quale mezzo? Parole, pensieri, emozioni, libri, solo loro. 

Ad esempio, l’indagine pre natalizia di Lolita Lobosco, con annesse ricette  super sfiziose, de”Lo scammaro avvelenato “di Gabriella Genisi, la bellezza fugace, intensa e originale dei mini racconti di “AmoreAmaro” di Piero Meli, la raccolta delle più belle pagine di “Amore” di Isabel Allende, la poesia senza tempo di Antologia di Spoon River di E. Lee Master, la sua potenza di epigrafi graffianti. 

Oltre alla spiritualità che si fa travolgente epifania, metamorfosi, rinascita, in “Jacopa, dei SetteSoli” di Lucia Tancredi, ma anche nel capolavoro di Greg Roberts “Shantaram”. Viaggi. Scoperte. Vite. Come  nello stupefacente, meraviglioso romanzo di Francesco Carofiglio “Due vite”. Il prima e il  dopo di ogni cosa, di ognuno. Giri di boa. Innumerevoli, infiniti mondi.

Alla fine, però reductio ad unum in una goccia, in una lacrima, in una vita intera, un universo intero. L’infinita, meravigliosa finitezza di anima, racchiusa però in  una piccola parola: Noi, il dono più grande.

Concetta Melchionda, 24 dicembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Capacità di intendere e volere per l’analisi psichiatrica: i casi Cecchettin e Pifferi

Il fatto: chiusa l'indagine Cecchettin (16/5) e condannata la madre Pifferi della bimba Diana (13/5). 3 domande per scoprire  quanto è importante l'analisi psichiatrica forense...

ULTRAMINIMAL. Così Alessandra Celletti festeggia Satie

Roma. Alessandra Celletti torna al Teatro "Miela" per omaggiare Erik Satie portando per la prima volta dal vivo il suo nuovo album ULTRAMINIMAL. L'artista romana...

“Delay”, il nuovo singolo di Carla Schiavano in collaborazione con Katia De Lorenzis

Lecce, Italia – Oggi 13 Maggio 2024, il panorama musicale accoglie un nuovo e avvincente Inedito firmato Carla Schiavano, talentuosa cantautrice salentina. Il singolo,...

Bellissima. A Sveva Alviti le serate di apertura e chiusura di Venezia 81

Sveva Alviti aprirà l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione...

Festa a Foggia per il “Welcome day per gli specializzandi di Area medica dell’Università”

Foggia, 6 maggio 2024. Si è svolta questa mattina presso l'Aula Turtur del Policlinico Riuniti la prima edizione del Welcome day dedicato agli specializzandi di...