Qualità della vita donne: Foggia ultima fra le pugliesi, al nord altra storia

Stato Donna, 13 dicembre 2022. Dallo scorso anno la classifica della qualità della vita del Sole 24 Ore include, nell’indicatore demografia e società, la qualità della vita delle donne. E’ redatta in base a 12 parametri tra cui occupazione, imprese, quote rosa, sport e competenze Stem (2022).

Ad offrire maggior benessere alle donne è la provincia di Monza e Brianza, seguita da Treviso (vincitrice della prima edizione, nel 2021) e Cagliari. È il lavoro a fare la differenza per la provincia lombarda. Monza e Brianza registra il gap occupazione di genere più basso in Italia (pari al 7,1% contro una media nazionale del 19,4%) e ottiene due secondi posti negli altri indici occupazionali: il livello di occupazione femminile e le giornate retribuite. Nella classifica, le prime dieci città si trovano nel centro-nord, tranne Cagliari.

“Il numero delle laureate nel corso del 2021 segna il riscatto per il Mezzogiorno, con Benevento, Avellino e Caltanissetta sul podio, e l’intera top ten dominata dal Sud Italia”., scrive il Sole 24 Ore. Dunque al sud più laureate ma c’è un’evidente difficoltà a trovare lavoro.

In questa classifica Foggia non si discosta da quella generale dove si piazza al 104° posto. In base all’indicatore al femminile è 101esima, ultima fra le province pugliesi.

La prima città del Mezzogiorno è Campobasso, 77esima, seguita da Potenza (80°), Avellino (81°), Bari (83°), Matera (84°), Lecce (86°), Brindisi (87°), Bat (95°), Isernia (90°), Taranto (96°). Chiudono Caltanissetta, Siracusa, Cosenza, Napoli e Vibo Valentia (107°).

“Con il Pnrr dovremo intervenire e alcuni elementi di gap dovranno essere colmati”. Lo ha detto Eugenia Maria Roccella, ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, in un’intervista al Sole 24 ore e lo riporta Agenzia Nova. “Non stupisce, neanche la ministra Roccella, il divario territoriale presente nella qualità della vita delle donne: a vincere l’indice sintetico è la provincia di Monza e Brianza che presenta, tra gli altri parametri, un gap occupazionale tra maschi e femmine intorno al 7 per cento contro una media nazionale che si aggira intorno al 20 per cento. Bisognerà investire, dunque, per ridurre queste differenze tra i diversi territori, anche attraverso la diffusione della certificazione della parità di genere nelle imprese italiane, da nord a sud. “Al momento riguarda una settantina di imprese – ha detto la ministra- ma dovremmo arrivare e arriveremo sicuramente in tempo a 800 imprese entro l’anno prossimo come da obiettivo del Pnrr”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....

MolFest: oltre 70.000 presenze a Molfetta. “Entusiasmo alle stelle per il Festival POP”

Si è conclusa domenica 30 giugno la prima edizione di MolFest, il festival della cultura POP a ingresso gratuito che ha animato le vie del centro storico...