Lavori socialmente utili per i bulli a scuola? Perché no, è una soluzione

Stato Donna, 26 novembre 2022. Suscita polemica la proposta del Ministro Valditara per chi compie atti di bullismo nella scuola. Lavori socialmente utili da svolgere all’interno della scuola stessa. All’interno della scuola, assolutamente dico io, perché è da qui che deve arrivare il segnale, è qui che va presa una posizione anche scomoda. E leggo le reazioni di chi si straccia le vesti, ma francamente chi lo fa non conosce il mondo scolastico forse, perché questa del Ministro è già presente come sanzione in molti istituti.

La scuola dove insegno io ad esempio, un istituto professionale, per chi assume atteggiamenti o agisce comportamenti sbagliati, aggressivi, violenti e comunque lesivi dell’altro (dove “l’altro” sono i compagni, i docenti, il personale non docente, la scuola stessa) prevede la pulizia delle aule a fine giornata scolastica, previa comunicazione alle famiglie del ritardo nel rientro a casa. E se ci sono problemi legati ai trasporti, ci si organizza nell’orario scolastico. Nessuno si è mai ribellato. Genitori e figli.

Questo perché le sanzioni previste dal regolamento scolastico non hanno ricadute sui ragazzi. Chi mette in atto certe azioni non può certo impressionarsi davanti alle (scarse) armi della scuola. E che siano scarse lo sanno perfettamente anche i ragazzi, perché il bullismo è un’altra di quelle cose che gli adulti fanno fatica a gestire, perdendosi tra il paternalismo giustizialista e il perdono cristiano.

Entrambe posizioni perdenti considerato che non si è stati capaci prima di intercettare malesseri, malumori, disagi e spesso non si riesce ad ascoltare dopo, né la vittima né il carnefice. E che ci sia una forte percezione di impotenza nell’affrontare il problema lo dimostra il fatto che periodicamente si proponga di formulare una legge contro il fenomeno, dopo aver colpito il cyberbullismo. Ricorrere alla giustizia è ammettere di non avere una soluzione alternativa, ma sappiamo bene che questo modo non è quello giusto, perlomeno nella percezione dei ragazzi.

Nel frattempo, ben vengano i pomeriggi passati a pulire i banchi, mentre magari si riflette. Con un’attenzione particolare poi al linguaggio utilizzato. Queste messe in atto sono misure conseguenti a determinate azioni, guai ad assimilare alla scuola e al lavoro il concetto di “punizione”. La scuola istruisce, insegna, educa. Il lavoro nobilita, restituisce dignità, fornisce consapevolezza. Ed è questo che dovremmo desiderare, per loro e per noi che spesso ci sentiamo impotenti.

Promuovere un’assunzione di responsabilità, vero obiettivo di una scuola matura e concreta che formi persone prima che studenti, una Scuola con la S maiuscola, intesa come istituzione che sia capace, essa stessa per prima, di essere protagonista consapevole e di non abdicare al ruolo fondamentale che è chiamata a svolgere nella vita di ciascuno e nella costruzione di una Società, anch’essa con la S maiuscola.

Simonetta Molinaro, 26 novembre 2022

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...