Giovani donne protagoniste, dal Poerio di Foggia Chiara Di Francesco

Stato Donna, 22 novembre 2022. Da osservatori a protagonisti. È questo il senso del progetto biennale, sostenuto e promosso dal consiglio regionale della Puglia e dall’ufficio scolastico regionale della Puglia, che prevede la presenza, all’interno degli spazi istituzionali, di giovani delle ultime classi delle scuole secondarie di secondo grado, per effettuare un percorso di cittadinanza attiva.

Quest’anno si sono tenute le elezioni per scegliere due rappresentanti delle scuole di Foggia. Sono stati eletti Emilio Casiello, dell’istituto “Giannone-Masi” e Chiara Di Francesco, del liceo “Poerio”.

Abbiamo chiesto a Chiara Di Francesco che frequenta il terzo anno del liceo linguistico, cosa l’abbia spinta a candidarsi. Questa la dichiarazione rilasciata anche al giornale scolastico Il diario di Carolina P.

“Mi sono candidata per essere parte attiva della società e non solo osservatrice, perché io credo che bisogna partire dalla nostra età e soprattutto dalla scuola, la nostra piccola comunità, per parlare di problemi anche grandi come la legalità, l’ambiente o il ruolo delle istituzioni, parlarne ma anche essere protagonisti del cambiamento a maggior ragione nel nostro territorio che purtroppo è noto non solo per le bellezze turistiche ma anche per fatti di mafia e delinquenza. Ringrazio tutti quelli che mi hanno votata e posso promettere che mi impegnerò in un luogo istituzionale a rappresentare al meglio il Poerio e tutta la mia città”.

Chiara e gli altri ragazzi eletti saranno impegnati circa una volta al mese presso la sede del Consiglio regionale della Puglia, a Bari, per svolgere attività di studio e approfondimento di temi relativi all’Agenda 2030, al Costituzionalismo, proponendo iniziative per coinvolgere maggiormente i giovani.La giovane neoeletta è una ragazza studiosa, che raggiunge risultati importanti grazie al suo impegno e che ha deciso di finalizzare e di ampliare le sue competenze anche nel campo della partecipazione attiva su temi contemporanei, che possano fare da ponte tra i suoi coetanei e le istituzioni.

Non è vero (almeno non sempre) che i giovani assistono passivamente alla realtà. Ci sono casi in cui le giovani donne e i giovani uomini decidere di credere ancora che con la partecipazione il corso degli eventi possa prendere la direzione che si vuole. E Chiara ne è un esempio.

Valeria Mazzeo, 22 novembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....

MolFest: oltre 70.000 presenze a Molfetta. “Entusiasmo alle stelle per il Festival POP”

Si è conclusa domenica 30 giugno la prima edizione di MolFest, il festival della cultura POP a ingresso gratuito che ha animato le vie del centro storico...