Amalia De Paola: “L’istinto perduto delle donne nel parto e allattamento”

Stato Donna, 9 novembre 2022. Ha lavorato nei primi anni in maternità come ostetrica, successivamente ha vinto un concorso alla Asl di Troia e si è trasferita a Foggia presso il consultorio che alla fine del 1995 era ubicato al quartiere Cep, oggi in via Grecia. Amalia De Paola, arrivata al finale della sua carriera, ha deciso di dedicarsi alla libera professione.

Com’è nata l’idea della libera professione?

Ho cominciato a lavorare molto giovane, riscattando anche gli anni di studio. Una collega mi ha offerto spunti di riflessione e quindi ho deciso di percorrere anche quest’ esperienza. Non è semplice nel nostro territorio perché non siamo abituati ad avere l’ostetrica come figura privata. Mi occupo prevalentemente di gravidanza e di assistenza al puerperio, quello di cui mi occupavo anche in consultorio.

Che realtà hai trovato?

La stessa che conoscevo già cioè, esiste un vuoto assistenziale per una donna nel dopo parto, un vuoto che nel suo profilo professionale un’ostetrica può coprire ampiamente.

Il territorio risponde a questi bisogni?

Sì, in parte, perché c’è un progetto con l’ azienda ospedaliera che prevede la possibilità di ricevere una telefonata dagli operatori del consultorio nell’immediato dopo parto. Ma il numero dei consultori è insufficiente, anche in base a quello che prevede la legge. Dovrebbero essere uno ogni 20mila abitanti, e a Foggia ne abbiamo tre, quindi l’offerta è insufficiente.

Molte donne sono in difficoltà, in questa fase dopo parto

Le donne si trovano spiazzate, con una mole di impegni, stanchezza, carico di lavoro nel ritorno a casa. Mi chiamano  quando sono in difficoltà o perché mi conoscono direttamente o per passaparola. Le difficoltà si riscontrano prevalentemente nell’allattamento.

Che consigli dai nei tuoi corsi?

L’allattamento, pur essendo naturale, non significa che sia facile, è un’arte che si apprende. Oggi non abbiamo più i modelli culturali di una volta, quelli delle famiglie numerose per cui i grandi seguivano i piccoli, le vicine davano una mano, l’allattamento con i suoi consigli si tramandava.

Oggi la medicalizzazione dell’evento nascita ha tolto competenza alle donne, quindi partecipare a un corso di accompagnamento alla nascita è una tappa del percorso di cura della gravidanza stessa.

In che senso ha tolto competenza?

Ci si fida solo di ciò che dice il medico, o del “dott. Google”. Per altro verso, si fa formazione nei negozi di abbigliamento, con la pubblicità, nulla si ferma di fronte a una donna e a una mamma incinta, in una visione più commerciale che altro. Non che non dobbiamo far girare l’economia, ma non è quella la base della formazione. La donna dovrebbe fare un lavoro di introspezione su stessa, aumentare la consapevolezza. Noi lavoriamo sull’empowerment, quindi i corsi servono a fortificarle.

Sono più fragili oggi le donne incinta?

Innanzitutto la gravidanza è un evento fisiologico, e questo non sempre è chiaro. Da appena si fa il test il primo pensiero è andare dal medico, come se fossimo “malate di gravidanza”. È  un male pensare la gravidanza come malattia, non credere nella propria forza, nel proprio istinto innato, tutto questo fa perdere competenza alla donna sulla propria capacità di partorire e genera dubbi, anche sulle competenze del figlio.

Cioè?

Il bambino quando nasce sta con la persona con cui è sempre stato, poi si abitua a staccarsene, molte donne considerano questo attaccamento una “patologia”, diciamo che si è perso il sapere della nascita secondo natura, ecco, con una serie di stravolgimenti che creano ostacoli al percorso di crescita della mamma e del bambino.

Anche il padre fa parte integrante dell’evento, non è ospite o visitatore, anche a loro sono aperti i corsi di accompagnamento alla nascita, è sostegno, filtro, protezione.

Sta tornando la richiesta del parto in casa. È vero?

Sì, ma il parto in casa non è il ritorno al passato che molti pensano, ma uno sguardo sul futuro. Le ostetriche li supportano e li realizzano solo se a basso rischio ostetrico, cioè se ci sono le condizioni di realizzare l’evento in sicurezza. Si selezionano le donne che possono realizzare questo desiderio, non per tutte è possibile.

E a proposito dell’alto numero dei cesari negli ospedali, che idea hai?

La situazione è migliorata rispetto a dieci anni fa quando l’Oms pose un limite al numero di cesari praticati. La maternità di Foggia è sempre stata virtuosa rispetto al resto della Puglia, abbassando la media regionale. Di solito, un ginecologo, alla richiesta della donna per un cesareo senza indicazioni mediche, cerca di dissuaderla. Ogni nascita può essere un rischio, il cesareo, in quanto intervento chirurgico, lo aumenta. Alcune donne, nei miei gruppi di accompagnamento alla nascita, sono partite con questo proposito e poi si sono innamorate dell’idea del parto naturale. Dopo aver fatto un percorso di esperienza e conoscenza, hanno cambiato idea.

Che cosa ti raccontano le donne della loro esperienza in maternità?

Dal punto di vista dell’assistenza, la percezione che mi arriva è che la situazione migliorata. Anche il Covid ha favorito l’arrivo di nuovo personale giovane in maternità. Le donne assistite investono molto sulla relazione personale e non solo su quella tecnica. Alcune, inoltre, scelgono il ginecologo sperando di ritrovarlo al momento del parto, e quando non si realizza è motivo di delusione. Ma devono lavorare sul proprio corpo, sulla loro responsabilità, come tutti del resto, e dobbiamo un po’ riagganciarci alla natura perché ci aiuta a traghettare meglio la nostra vita, e soprattutto quella dei bambini.

C’è tutto un modo intorno alla nascita…

Proprio così, ma non sempre le varie figure parlano la stessa lingua e magari non si conoscono neanche. È più facile lavorare insieme nell’ambito del consultorio. Negli ultimi anni sono venute fuori figure complementari in questo settore, l’osteopata, per esempio, il chinesiologo. Integrarle e farle comunicare fra loro sarebbe un bellissimo obiettivo da raggiungere. Il nostro territorio ha tante offerte che vanno però integrate nella nostra cultura.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Anna Capitano in Puglia per un film: “Nuovo traguardo nella mia carriera”

Stato Donna, 2 dicembre 2022. Organizzare eventi è la sua passione e  il suo mestiere. Tiene molto alle persone, le piace la comunicazione,...

Baguette patrimonio Unesco, si scatenano i fan del pane pugliese

Stato Donna, 1 dicembre 2022. La baguette, pane tipico della Francia, è stata inserita nella lista del patrimonio immateriale dell'umanità dell'Unesco. Sono le competenze...

Irene Cara simbolo anni ’80 quando a Foggia impazzavano i giardinetti

Stato Donna, 1 dicembre 2022. Che poi cadere nella nostalgia è un attimo e di solito avviene per caso. Ad esempio perché senti una...

Confcommercio Foggia: consigli per le vetrine dello shopping natalizio

Stato Donna, 30 novembre 2022. “Vetrine ed interni devono essere abbinati, perché il cliente deve ritrovare all’interno del negozio una coerenza di messaggio con...

Gli allarmi di Ischia e il mito del titano Epimeteo incurante dei segnali

Stato Donna, 30 novembre 2022. Come tutte le mattine, anche oggi, 30 novembre 2022, c’è stata la rassegna stampa televisiva. Per Skytg24, nella rubrica...