Lacrime di pioggia fra i ruderi di Castelpagano dove campeggia una croce

Stato Donna, 6 novembre 2022. É da ieri  sera che ho in mente  “Lacrime di pioggia” di Antonello Venditti. Quasi senza accorgermene. Si, perché ieri mattina tutto piangeva a dirotto. Senza fine, come pianto inconsolabile di bambino. Triste, accorato, vano presentimento. Cassandra, di anima inascoltata. Vado con la mente, alla strada che conosco da sempre. Ieri, su quei tornanti, scuri di verde, di giallo, di poesia che mi prende ogni volta, incredibile movimento di forze dell’Ordine. Carabinieri. Elicottero. Qualcosa di disturbante. Non torna. C’è nell’aria qualcosa.

Penso a un’altra operazione contro la criminalità organizzata. Strana l’ora, però, verso le tredici. Poi, mi dico… Il Male e il Bene, non hanno orari. Torno a casa e riprendo la vita quotidiana. Pranzo però guardo il cielo minaccioso, scuro, incombente e lattiginoso. Mi sovviene il racconto sul Maelstrom di Edgar Allan Poe. Vortice di mare che ingoia. Mi ha sempre affascinato. Sì, il mare. Le sue tempeste, i suoi gorghi oscuri. Allora, un impulso da intelligenza emotiva, mi fa andare a scorrere le notizie sul web. Agghiacciata, leggo. Sono sette vite, tante, distrutte per sempre. Qui, sulla mia montagna, su quella strada bellissima che mi prende l’anima inesorabile.

Venivano da quelle isole che vedo da sempre, i cui contorni, le cui luci, fanno parte del mio stupore quotidiano. Da quel paradiso terreno, di cui noi, con noncurante privilegio godiamo, immeritatamente. Erano padri, madre, figli. Fratelli e Volti sorridenti. Era un medico che, con gioia, entusiasmo  aveva finito il proprio turno, l’ennesimo, stancante ( so che significa!) ma felice, e torna a casa, da tutto ciò che ama. Erano due piloti, amanti del cielo, della libertà e dei suoi spazi infiniti. Erano una famiglia, una vacanza bellissima, nel mio mare di smeraldo. Foto, risate, bellezza di vita, futuro.

Sogni infranti e linee spezzate, tracce scomparse su un radar. Mayday mai ricevuto. Comunicazione assente. Presenza e assenza, eterna, la fine sulle rocce grigie di calcare, fra i ruderi di Castelpagano dove una croce campeggia da ieri. anche per loro.

Dona eis, Domine, lucem perpetuam. Requiescant in pacem.

(in copertina un panorama di Castelpagano, in agro di Apricena. Foto di Gino Marmorino)

Concetta Melchionda, 6 novembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...