Lacrime di pioggia fra i ruderi di Castelpagano dove campeggia una croce

Stato Donna, 6 novembre 2022. É da ieri  sera che ho in mente  “Lacrime di pioggia” di Antonello Venditti. Quasi senza accorgermene. Si, perché ieri mattina tutto piangeva a dirotto. Senza fine, come pianto inconsolabile di bambino. Triste, accorato, vano presentimento. Cassandra, di anima inascoltata. Vado con la mente, alla strada che conosco da sempre. Ieri, su quei tornanti, scuri di verde, di giallo, di poesia che mi prende ogni volta, incredibile movimento di forze dell’Ordine. Carabinieri. Elicottero. Qualcosa di disturbante. Non torna. C’è nell’aria qualcosa.

Penso a un’altra operazione contro la criminalità organizzata. Strana l’ora, però, verso le tredici. Poi, mi dico… Il Male e il Bene, non hanno orari. Torno a casa e riprendo la vita quotidiana. Pranzo però guardo il cielo minaccioso, scuro, incombente e lattiginoso. Mi sovviene il racconto sul Maelstrom di Edgar Allan Poe. Vortice di mare che ingoia. Mi ha sempre affascinato. Sì, il mare. Le sue tempeste, i suoi gorghi oscuri. Allora, un impulso da intelligenza emotiva, mi fa andare a scorrere le notizie sul web. Agghiacciata, leggo. Sono sette vite, tante, distrutte per sempre. Qui, sulla mia montagna, su quella strada bellissima che mi prende l’anima inesorabile.

Venivano da quelle isole che vedo da sempre, i cui contorni, le cui luci, fanno parte del mio stupore quotidiano. Da quel paradiso terreno, di cui noi, con noncurante privilegio godiamo, immeritatamente. Erano padri, madre, figli. Fratelli e Volti sorridenti. Era un medico che, con gioia, entusiasmo  aveva finito il proprio turno, l’ennesimo, stancante ( so che significa!) ma felice, e torna a casa, da tutto ciò che ama. Erano due piloti, amanti del cielo, della libertà e dei suoi spazi infiniti. Erano una famiglia, una vacanza bellissima, nel mio mare di smeraldo. Foto, risate, bellezza di vita, futuro.

Sogni infranti e linee spezzate, tracce scomparse su un radar. Mayday mai ricevuto. Comunicazione assente. Presenza e assenza, eterna, la fine sulle rocce grigie di calcare, fra i ruderi di Castelpagano dove una croce campeggia da ieri. anche per loro.

Dona eis, Domine, lucem perpetuam. Requiescant in pacem.

(in copertina un panorama di Castelpagano, in agro di Apricena. Foto di Gino Marmorino)

Concetta Melchionda, 6 novembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

A metà fra lady Oscar e l’uomo perfetto, altro che cultura di genere

StatoDonna, 3 febbraio 2023. Sono una donna di cinquantatré anni e sono arrabbiata. Lo devo dire. Sono arrabbiata con questa cultura nella quale siamo...

Miss Italia Lavinia Abate sceglie il Carnevale pugliese a Sammichele di Bari

StatoDonna, 2 febbraio 2023. L’edizione 2023 del Carnevale di Sammichele di Bari è nel vivo dei festeggiamenti. Come da tradizione, protagonisti sono i festini,...

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...