Nella comunità di recupero fra adolescenti perduti e non voluti

Stato Donna, 16 ottobre 2022. Da vent’anni mi occupo di adolescenze perdute. Di quelle adolescenze che si dipanano tra i corridoi di un carcere minorile, tra le righe di una sentenza che decreta una messa alla prova, tra le lacrime di una madre che vede il proprio figlio partire per andare in un posto dove per abbracciarlo dovrà chiedere il permesso, tra i fogli di un diario che solo i più coraggiosi riusciranno a scrivere, non piegandosi alla vergogna per qualcun altro che ti dice “femminuccia”.

Sono quelle adolescenze di ragazzi spesso non amati, o amati male. Amati senza pazienza, senza strumenti, senza tempo, senza soldi. Sono quelle adolescenze di ragazzi spesso non voluti, per i quali in certe case non c’era neanche lo spazio per un lettino, figuriamoci per un abbraccio o una condivisione o una carezza. Forse, un piatto di pasta.

Leggi anche L’estate con quei ragazzi che giocano ai gangster, di peso per la famiglia

Sono quelle adolescenze di ragazzi che hanno perso il tempo giusto e che non sono neanche buoni per essere adottati perché troppo grandi, e non abbastanza teneri o belli da soddisfare il bisogno di genitorialità di certe persone. L’egoismo di genitorialità.

È cominciata così. Mi aveva chiamata un amico. Mi aveva chiesto di riorganizzare un armadio farmaceutico all’interno di una comunità di recupero. Ragazzi, tutti maschi, dai quattordici anni fino ai diciotto. Ne avevo paura all’inizio. Mi irritava quel desiderio assoluto che avevano di compiacere l’adulto, e la perfetta consapevolezza dell’autorità che rappresentavo mi infastidiva. Avrei preferito un rapporto più autentico e mi pesava molto dover rispettare un ruolo e necessariamente mantenere le distanze, per la mia sicurezza mi avevano spiegato, perché erano ragazzi di un’età pericolosa, un’età focosa, un’età priva di limiti e confini ma piena di desideri tutti inespressi e, anzi tutti frustrati.

Ci andavo una volta alla settimana portando con me chili di cioccolatini perché il cibo è un linguaggio universale, e la cioccolata ne è la punteggiatura. Li riconoscevo da come bussavano alla porta. Capivo se, da lì a qualche minuto, avrei dispensato fermenti lattici per mali di pancia che non avevano mai fine pur non avendo un’apparente motivazione, asciugato lacrime, rimproverato, scritto una lettera, o accorciato capelli, anche. Per tutti, una carezza e un cioccolatino. A nessuno ho mai chiesto perché fosse lì e, quando me lo hanno voluto raccontare, mai ho espresso un giudizio.

Quell’armadio era diventato come la tela di Penelope. Lo riempivo e lo svuotavo continuamente, guadagnando giorni, preziosi per condividere emozioni e risate. Fino a quando non è arrivato il momento di partire, un trasferimento per lavoro, su al Nord. La festa, la torta, altre lacrime stavolta senza pudore. E il “capo” che dice: “Dottore’… grazie che ci hai trattato normale”.

Simonetta Molinaro, 16 ottobre 2022

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Stornara, Martina Totaro: A Rimini proclamata Campionessa nazionale di Latin Style Show

Statoquotidiano.it, 19 luglio 2024 - Stornara. Un’eccellenza locale nella danza  conquista il titolo di campionessa a livello nazionale: è Martina Totaro, 21 anni, concentrato di...

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....