Nascite in Italia, sempre più papà in sala parto esclusi i cesarei

Stato Donna, 10 ottobre 2022. L’88% delle donne partorisce in Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’età media delle madri è di 33,1 anni per le italiane e di 31 anni per le cittadine straniere. Questi alcuni dei dati rilevati per l’anno 2021 dal flusso informativo del Certificato di Assistenza al Parto (CeDAP).

La rilevazione – istituita dal Decreto del Ministro della sanità 16 luglio 2001 – costituisce a livello nazionale la più ricca fonte di informazioni sanitarie, epidemiologiche e socio-demografiche relative all’evento nascita, rappresentando uno strumento essenziale per la programmazione sanitaria nazionale e regionale.

La rilevazione 2021, con un totale di 364 punti nascita, presenta un elevato livello di completezza.

Dove partoriscono le donne in Italia

L’ 88,0% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’11,4% nelle case di cura e solo lo 0,2% altrove (altra struttura di assistenza, domicilio, etc.).

Le caratteristiche delle madri: provenienza, età e livello di istruzione

Nel 2021, circa il 19,9% dei parti è relativo a madri di cittadinanza non italiana. Tale fenomeno è più diffuso nelle aree del Paese con maggiore presenza straniera, ovvero al Centro-Nord, dove più del 26% dei parti avviene da madri non italiane; in particolare, in Emilia Romagna, Liguria e Marche oltre il 30% delle nascite è riferito a madri straniere.
Le aree geografiche di provenienza più rappresentate, sono quella dell’Africa (28,0%) e dell’Unione Europea (21,4%). Le madri di origine Asiatica e Sud Americana costituiscono rispettivamente il 19,0% ed l’8,7% delle madri straniere.

L’età media della madre è di 33,1 anni per le italiane mentre scende a 31 anni per le cittadine straniere. L’età media al primo figlio è per le donne italiane, quasi in tutte le Regioni, superiore a 31 anni. Le donne straniere partoriscono il primo figlio in media a 29,2 anni.

Delle donne che hanno partorito nell’anno 2021 il 42,4% ha una scolarità medio alta, il 23,4% medio bassa ed il 34,2% ha conseguito la laurea.

La gravidanza

Nel 91,0% delle gravidanze il numero di visite ostetriche effettuate è superiore a 4 mentre nel 75,9% delle gravidanze si effettuano più di 3 ecografie. Nell’ambito delle tecniche diagnostiche prenatali invasive sono state effettuate in media 3,4 amniocentesi ogni 100 parti.

Il parto

La donna ha accanto a sé al momento del parto (esclusi i cesarei) nel 95,4% dei casi il padre del bambino, nel 3,4% un familiare e nell’1,2% un’altra persona di fiducia.
In media, nel 2021 il 31,2% dei parti è avvenuto con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali che comunque evidenziano che in Italia vi è un ricorso eccessivo all’espletamento del parto per via chirurgica. I dati denotano comunque una tendenza alla diminuzione, in linea con le indicazioni delle “Linee di indirizzo per la promozione e il miglioramento della qualità, della sicurezza e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel percorso nascita e per la riduzione del taglio cesareo”.

I neonati

Lo 0,8% dei nati ha un peso inferiore a 1.500 grammi ed il 6,0% tra 1.500 e 2.500 grammi. Nei test di valutazione della vitalità del neonato tramite indice di Apgar, il 98,6% dei nati ha riportato un punteggio a 5 minuti dalla nascita compreso tra 7 e 10.

La procreazione medicalmente assistita (PMA)

Il ricorso ad una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA) risulta effettuato in media in 2,9 gravidanze ogni 100. La tecnica più utilizzata è stata la
fecondazione in vitro con successivo trasferimento di embrioni nell’utero (FIVET), seguita dal metodo di fecondazione in vitro tramite iniezione di spermatozoo in citoplasma (ICSI).

Alcuni grafici

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

A metà fra lady Oscar e l’uomo perfetto, altro che cultura di genere

StatoDonna, 3 febbraio 2023. Sono una donna di cinquantatré anni e sono arrabbiata. Lo devo dire. Sono arrabbiata con questa cultura nella quale siamo...

Miss Italia Lavinia Abate sceglie il Carnevale pugliese a Sammichele di Bari

StatoDonna, 2 febbraio 2023. L’edizione 2023 del Carnevale di Sammichele di Bari è nel vivo dei festeggiamenti. Come da tradizione, protagonisti sono i festini,...

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...