La figlia si laurea, il padre detenuto segue la seduta dal carcere online

Stato Donna, 7 ottobre 2022. Nell’ambito delle articolate attività promosse dal gruppo di lavoro per le azioni progettuali tra Università di Bari Aldo Moro e  Amministrazioni Penitenziarie, particolare emozione e risalto ha suscitato l’iniziativa di una studentessa dell’ateneo barese che ha deciso di laurearsi, chiedendo e ottenendo che il papà, ristretto un una delle strutture penitenziarie del nostro paese, partecipasse alla sua seduta di laurea in cui ha discusso la tesi, collegandosi on line con l’aula Don Tonino Bello del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

L’iniziativa si è potuta realizzare grazie ad un’ottima sinergia tra Università di Bari e Magistratura di Sorveglianza, Operatori penitenziari e direzione della struttura penitenziaria in cui il papà della studentessa è ristretto. Il gruppo di lavoro coordinato dal prof. Ignazio Grattagliano si occupa di favorire l’inclusione  nella vita universitaria di persone detenute attraverso seminari tenuti in carcere, ricerche e studi sul mondo penitenziario, iscrizione di detenuti a corsi universitari UNIBA, operatori penitenziari che svolgono attività seminariali per studenti universitari che si preparano a professionalità che hanno a che fare con il mondo penitenziario (magistratura, avvocatura, forze di polizia, mondo socio-sanitario ed assistenziale).

La tesi di laurea verte sul tema dell’importanza delle relazioni famigliari connesse alle condizioni di detenzione dei ristretti è stata discussa con la commissione Presieduta dalla Prof.ssa Loredana Perla (Direttrice del Dipartimento FORPSICOM UNIBA) e composta dai proff. Armando Saponaro (relatore della tesi) e Pasquale Musso con l’ausilio della dott.ssa Giustina Caprioli, dell’U.O. Didattica e servizi agli studenti del dipartimento.

“Quando dietro ad un detenuto si chiudono le porte del carcere, al di fuori rimangono gli affetti. Le conseguenze dell’esecuzione penale non si riversano, infatti, esclusivamente sul soggetto condannato o sottoposto a misure cautelari, ma riguardano indirettamente anche i familiari. Il tema del rapporto genitoriale in carcere, si presta ad essere esaminato sotto una pluralità di profili: dal diritto della persona, benché ristretta, a non essere lesa nella sua dignità e genitorialità, al diritto dei figli a conservare un rapporto con il genitore recluso, all’importanza, anche ai fini rieducativi e riabilitativi, nonché in prospettiva del loro reinserimento sociale, che soggetti, uomini e donne, ristretti in carcere continuino a percepirsi e ad essere vissuti come padri, madri, ma anche fratelli, sorelle, zii, nonni e si diano loro concrete opportunità di continuare a vivere ed esercitare tali ruoli”, si legge in una nota dell’Università.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

“Bukowski. A night with Hank” apre rassegna compagnie locali al Giordano

Foggia. Sarà “Bukowski. A night with Hank” ad aprire domenica prossima 25 febbraio ‘La Scena foggiana al Teatro Giordano’, il primo dei cinque appuntamenti riservati...

Xylella, ritrovati 6 alberi di mandorlo infetti in agro di Triggiano

Bari. I controlli effettuati dall'Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia sugli insetti vettori della Xylella fastidiosa hanno portato all'individuazione nell'agro di Triggiano in provincia di...

Turismo. BUYPUGLIA e BTM ITALIA per buyers esteri, formazione e crescita professionale

Per continuare a crescere e a consolidarsi, l'industria turistica pugliese punta tutto sulla crescita della filiera turistica imprenditoriale e dell'accoglienza attraverso il networking, il...

Giustina Rocca. Così sarà celebrata la prima avvocata della storia, antesignana della parità di genere

Giustina Rocca è considerata la prima avvocata della storia grazie a un lodo arbitrale reso l'8 aprile 1500 nell'ambito di una controversia che era...

Condizione femminile nel passato e nel mondo contemporaneo, speciale Arte.tv

Scienziate, artiste, operaie, madri. A più di un secolo dall'istituzione della giornata a loro dedicata, le donne sono ancora costrette a scontrarsi con diversi...