La memoria? Sì, d’accordo ma ai giovani dobbiamo speranza di futuro

Stato Donna, 18 settembre 2022. Li guardo, belli e teneri e vorrei dire delle cose senza retorica e paternalismo su quello che saranno chiamati a fare. Che io non so ancora, e nessuno lo sa, ma la speranza gliela dobbiamo, a loro e a tutti i ragazzi come loro. È troppo facile iniziare con “Non c’è futuro senza passato”. Lo recitano aforismi e forse prima filosofi interpretati ed adattati per diventare frasi da virgolettare e poi pubblicare su feed social. Ed è vero, certamente.

La memoria, indispensabile. Quella storica, e quella personale. A noi raccontavano la favola della formica e della cicala e poi quella della volpe e l’uva, ma noi forse ci vergogniamo di trasmetterle ai nostri figli, con tutte quelle morali anche un po’ ansiogene, se vogliamo. Belle, però. Io le andavo a leggere nello studio di nonno Giuseppe. Libri bellissimi, rilegati in pelle marrone, e non era consentito portarli fuori dallo studio.

E allora, seduta sulla sua poltrona, con la porta chiusa e la luce della lampada verde con la catenella, mi perdevo tra quelle pagine di carta grossa, già allora quasi gialla e leggevo quelle storie che poi venti anni dopo ho raccontato a Francesco, cresciuto con Topolino e la Melevisione e Dragon Ball, che mi è andata bene, comunque.

Ancora non eravamo invasi da youtuber e Instagram non esisteva, e non ne sentivamo la mancanza. Poi, dopo undici anni, è nata Ludovica, che non è mia figlia ma è come se, perché i figli di mio fratello sono i miei figli. E quando è nata, aveva la stessa faccina tonda di Francesco, identica, e il deja vu è un’immagine potente ed evocativa, e l’imprinting anche e dopo sua madre e suo padre ha visto me e da quel giorno siamo come Conrad e il suo pennutino. Zietta mi chiama, una specie di crasi che adoro.

In pochi anni è cambiato il mondo e Topolino anche, e Chiara Ferragni e Clio Make-up fanno proseliti e dettano legge, quantomeno quella del mercato con buona pace dei duri e puri che vivono nel passato demonizzando il presente e facendosi il segno della croce davanti ad Achille Lauro e sono già perdenti davanti ai giovani che non vogliono essere giudicati.

Che poi neanche noi volevamo esserlo e da che mondo è mondo le nuove generazioni si ribellano e manifestano contro quelle vecchie, però noi non tanto lo accettiamo, anche se mitizziamo Woodstock e facciamo la stessa faccia che facevano i miei quando tornavo a casa con i poster dei Kiss e non hanno mai saputo che il pomeriggio, a casa di Gabriella, nome e sembianze angeliche, ascoltavamo Alice Cooper e i Led Zeppelin, incuriositi dalle cose che di quella musica si diceva. Ma siamo qui.

E non ci siamo mai drogati e lavoriamo come matti e alleviamo figli ai quali trasmettiamo valori e che non hanno paura di uomini con lo smalto e non giudicano le diversità e sono inclusivi e credono nella sostenibilità che per loro non è una moda, ma uno stile di vita e rimpiangono Greta, non per lei, ma perché ha smosso coscienze e non guardano chi c’è dietro, perché gli interessa altro, al momento. Avranno tempo per capire.

Io quello che vorrei dir loro, adesso, è che la memoria è importante, certo. Ma il presente va vissuto al meglio e carpe diem proclamiamo da bravi ed illuminati educatori, e lo diciamo convinti mentre li invitiamo a consapevolezza e responsabilità. E dobbiamo essere certi e dobbiamo dirglielo che queste siano le basi sulle quali costruire il futuro, perché il fiore quando decide di fare capolino spera nella luce e nel sole, e nella pioggia. E se non avesse questa speranza che poi è anche una certezza rimarrebbe chiuso, e noi ci perderemmo la sua bellezza.

(Simonetta Molinaro, Francesco e Ludovica nella foto di copertina scattata a Foggia)

Simonetta Molinaro, 18 settembre 2022

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...