La memoria? Sì, d’accordo ma ai giovani dobbiamo speranza di futuro

Stato Donna, 18 settembre 2022. Li guardo, belli e teneri e vorrei dire delle cose senza retorica e paternalismo su quello che saranno chiamati a fare. Che io non so ancora, e nessuno lo sa, ma la speranza gliela dobbiamo, a loro e a tutti i ragazzi come loro. È troppo facile iniziare con “Non c’è futuro senza passato”. Lo recitano aforismi e forse prima filosofi interpretati ed adattati per diventare frasi da virgolettare e poi pubblicare su feed social. Ed è vero, certamente.

La memoria, indispensabile. Quella storica, e quella personale. A noi raccontavano la favola della formica e della cicala e poi quella della volpe e l’uva, ma noi forse ci vergogniamo di trasmetterle ai nostri figli, con tutte quelle morali anche un po’ ansiogene, se vogliamo. Belle, però. Io le andavo a leggere nello studio di nonno Giuseppe. Libri bellissimi, rilegati in pelle marrone, e non era consentito portarli fuori dallo studio.

E allora, seduta sulla sua poltrona, con la porta chiusa e la luce della lampada verde con la catenella, mi perdevo tra quelle pagine di carta grossa, già allora quasi gialla e leggevo quelle storie che poi venti anni dopo ho raccontato a Francesco, cresciuto con Topolino e la Melevisione e Dragon Ball, che mi è andata bene, comunque.

Ancora non eravamo invasi da youtuber e Instagram non esisteva, e non ne sentivamo la mancanza. Poi, dopo undici anni, è nata Ludovica, che non è mia figlia ma è come se, perché i figli di mio fratello sono i miei figli. E quando è nata, aveva la stessa faccina tonda di Francesco, identica, e il deja vu è un’immagine potente ed evocativa, e l’imprinting anche e dopo sua madre e suo padre ha visto me e da quel giorno siamo come Conrad e il suo pennutino. Zietta mi chiama, una specie di crasi che adoro.

In pochi anni è cambiato il mondo e Topolino anche, e Chiara Ferragni e Clio Make-up fanno proseliti e dettano legge, quantomeno quella del mercato con buona pace dei duri e puri che vivono nel passato demonizzando il presente e facendosi il segno della croce davanti ad Achille Lauro e sono già perdenti davanti ai giovani che non vogliono essere giudicati.

Che poi neanche noi volevamo esserlo e da che mondo è mondo le nuove generazioni si ribellano e manifestano contro quelle vecchie, però noi non tanto lo accettiamo, anche se mitizziamo Woodstock e facciamo la stessa faccia che facevano i miei quando tornavo a casa con i poster dei Kiss e non hanno mai saputo che il pomeriggio, a casa di Gabriella, nome e sembianze angeliche, ascoltavamo Alice Cooper e i Led Zeppelin, incuriositi dalle cose che di quella musica si diceva. Ma siamo qui.

E non ci siamo mai drogati e lavoriamo come matti e alleviamo figli ai quali trasmettiamo valori e che non hanno paura di uomini con lo smalto e non giudicano le diversità e sono inclusivi e credono nella sostenibilità che per loro non è una moda, ma uno stile di vita e rimpiangono Greta, non per lei, ma perché ha smosso coscienze e non guardano chi c’è dietro, perché gli interessa altro, al momento. Avranno tempo per capire.

Io quello che vorrei dir loro, adesso, è che la memoria è importante, certo. Ma il presente va vissuto al meglio e carpe diem proclamiamo da bravi ed illuminati educatori, e lo diciamo convinti mentre li invitiamo a consapevolezza e responsabilità. E dobbiamo essere certi e dobbiamo dirglielo che queste siano le basi sulle quali costruire il futuro, perché il fiore quando decide di fare capolino spera nella luce e nel sole, e nella pioggia. E se non avesse questa speranza che poi è anche una certezza rimarrebbe chiuso, e noi ci perderemmo la sua bellezza.

(Simonetta Molinaro, Francesco e Ludovica nella foto di copertina scattata a Foggia)

Simonetta Molinaro, 18 settembre 2022

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...

Il “governo delle donne” da nord a sud, l’assessora di Bari: “Un bel regalo”

StatoDonna, 31 gennaio 2023. “Ho ricevuto un bel dono. Sono stata contattata per raccontare la mia storia professionale, politica e umana, come amministratrice per...

La forza di una madre con la figlia in carrozzella, fino all’ultimo istante

StatoDonna, 29 gennaio 2023. La guardavo dalla vetrina mentre spingeva la carrozzina. Solo la pioggia le fermava, ma purtroppo e per fortuna, come si...