“E mò senza di te, Matteo Marolla, con chi parleremo di musica e di vita?”

Stato Donna, 16 settembre 2022. Paola Marino e Giovanni Cera, entrambi di S. Severo,  ricordano il cantautore Matteo Marolla scomparso stamattina, un simbolo della città ma di tutta la Capitanata visti i messaggi di cordoglio che da ogni parte si leggono sui social, parole di amici, musicisti, sindaci e amministrazioni.

Di seguito il testo scritto da Paola Marino con la collaborazione di Giovanni Cera.

“Non ci posso pensare, non mi sembra vero, non è possibile, sono le frasi che si alzano intorno a lui, intorno al suo nome, intorno alla città di S. Severo, perché va via un simbolo di questa città, l’eterno ragazzo che con la sua chitarra girava i locali, le piazze. Matteo Marolla è stato in realtà un incompreso, un genio delle parole e della musica, un cantautore lento e buono, a volte troppo buono.

Stamattina avevi la serenità di ciò che si è fatto senza pentimenti. Forse qualcosa poteva essere fatto meglio, persino certi sbagli. Freschezza e raggi di sole dolci come uva piena. Così ci si lascia guardare, come hai fatto tu. Siamo fatti per pochi, e pochi sono fatti per noi. Ma in quella ‘pochezza’ c’è tutta l’immensità. Ed oltre. Il cuore è quell’organo vitale e prezioso che non si può aprire a tutti. Dietro la facciata e la soglia, le stanze riservarle solo a pochi. Queste sono state le nostre chiacchierate piene di arte, di sogni e di paure.

Matteo è stato uno degli uomini più buoni che io abbia conosciuto, con la sua risata netta, quella che ho e rimarrà nella mia testa. Il passo silenzioso e l’approccio quasi a chiedere scusa per il disturbo anticipava quasi ogni incontro, ogni colloquio, le chiacchiere su tutto ma mai banali hanno accompagnato intere serate. E mo’ con chi parleremo di musica, di parole e di vita. Matteo ne aveva da raccontare, torti subiti e resistenza nel mestiere di autore, musicista, cantante.

Durante la pandemia poi era stato uno dei pochi a continuare a scrivere fino a produrre uno dei suoi pezzi più belli. Dedicato a chi non solo è stata la sua compagna di questi anni ma il supporto più forte al suo lavoro. Una chitarra e il tempo sospendeva il suo corso, fosse uno dei suoi artisti preferiti De André o il suo amore per Matteo Salvatore.  E le tante canzoni scritte che accompagnano alcuni decenni segnati dai sogni, come quelli che accompagnarono il suo primo successo “Enrica…” e poi le altre.

 

Quasi una colonna sonora che ha incrociato le diverse generazioni di una città dove la cultura artistica serpeggia in maniera clandestina, mai riconosciuta nella sua potenzialità. Matteo è il testimone di una generazione mancata, in una città dove si ama solo dopo, quando è troppo tardi. Avremo modo di raccontare la poesia e la musica di un giovane artista che ci lascia in maniera improvvisa e inaspettata, ora è tempo di lacrime e dolore insopportabile”.

Paola Marino e Giovanni Cera

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Capacità di intendere e volere per l’analisi psichiatrica: i casi Cecchettin e Pifferi

Il fatto: chiusa l'indagine Cecchettin (16/5) e condannata la madre Pifferi della bimba Diana (13/5). 3 domande per scoprire  quanto è importante l'analisi psichiatrica forense...

ULTRAMINIMAL. Così Alessandra Celletti festeggia Satie

Roma. Alessandra Celletti torna al Teatro "Miela" per omaggiare Erik Satie portando per la prima volta dal vivo il suo nuovo album ULTRAMINIMAL. L'artista romana...

“Delay”, il nuovo singolo di Carla Schiavano in collaborazione con Katia De Lorenzis

Lecce, Italia – Oggi 13 Maggio 2024, il panorama musicale accoglie un nuovo e avvincente Inedito firmato Carla Schiavano, talentuosa cantautrice salentina. Il singolo,...

Bellissima. A Sveva Alviti le serate di apertura e chiusura di Venezia 81

Sveva Alviti aprirà l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione...

Festa a Foggia per il “Welcome day per gli specializzandi di Area medica dell’Università”

Foggia, 6 maggio 2024. Si è svolta questa mattina presso l'Aula Turtur del Policlinico Riuniti la prima edizione del Welcome day dedicato agli specializzandi di...