Anna è “La Segnatrice” che toglie il male nel romanzo di Elena Magnani

Stato Donna, 12 settembre 2022. Di solito, non é il titolo che mi fa scegliere un romanzo. Devo “annusarne” le pagine, le parole, sentirne l’anima. Questa volta, invece, é stata attrazione immediata e l ‘istinto, come il cuore, non sbaglia mai. Come la pelle. Il romanzo è “La Segnatrice” di Elena Magnani (Giunti editore).

Infatti, è la Toscana della Garfagnana, di Lucca, dell’ appennino Tosco-emiliano, terra dell’anima, delle mie vacanze da quando ero in fasce fino alle soglie dell’ università, che è lo scenario incantato di questa storia.

Anna, la Segnatrice, è una giovane partigiana nella terra occupata dai tedeschi in ritirata. Odiosi, pieni di rancore, per esser stati traditi e a ridosso dell’ eccidio orribile di Sant ‘Anna di Stazzema. Ci sono i nemici da combattere e lei che ha l’arte di “segnare”, di convogliare le forze del bene (anche del male) tramite antichi rituali, connessi anche con gli elementi naturali, per la guarigione di corpi e anime. Un potere grande, antico, tramandato.

Anna è prescelta dalla zia Maria per la trasmissione. Come lo è stato suo padre, morto in guerra. È un vortice di personaggi che ruota, attorno ad Anna. Sua, madre, il fratello partigiano, l’altro fratello Andrea che è soldato e non torna, le bande partigiane. Tutta una comunità che la conosce e rispetta, lei la “Segnatrice”, umile, forte, bellissima fanciulla in fiore, sconvolta dall’amore. Quello peggiore, proibito, per il nemico, che ha gli occhi verdissimi, del tenente Mathias, di nobile famiglia, pieno di demoni interiori, risoluto nel riscatto della sua famiglia in rovina.

Ma, in questa storia fluida dalla scrittura e struttura liscia, limpida anche se vorticosa di sentimenti come un fiume di montagna -che sa tanto di Suite Francese, di Paziente Inglese, oltre la drammaticità di “Una questione privata” di Beppe Fenoglio- il coraggio è tutto. Contro una guerra maledetta, il tradimento che aleggia ovunque, la violenza ottusa, assurda, la miseria morale e materiale. Intrepida, Anna affronta tutto come solo una donna sa fare. Prende, vive il suo amore infrangendo anche i demoni di Mathias.

Lei, che “segna”, che toglie il male, come tante donne anche della mia terra, quelle che tolgono “la fascinatura”, al confine dell ‘arcano. Una dimensione del sacro, dove la donna matriarca e genitrice, é protagonista assoluta, sia nel bene che nel male, se vuole. Dimensione e racconto del potere salvifico della vita connesso con le forze potenti della natura che parlano solo a chi sa e può ascoltare.

Esseri straordinari come Anna connessa con la sincronia universale. Questa è la potenza e il fascino narrativo di questo romanzo. Anna fa fiorire, dona, ama fino in fondo con tutta la forza indomita della rinascita e della speranza come il canto solitario di un usignolo all’alba. Quella della vita, della natura, che non si arrende mai.

Concetta Melchionda, 12 settembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....

MolFest: oltre 70.000 presenze a Molfetta. “Entusiasmo alle stelle per il Festival POP”

Si è conclusa domenica 30 giugno la prima edizione di MolFest, il festival della cultura POP a ingresso gratuito che ha animato le vie del centro storico...