Yoga Space (XV) Il settimo Chakra dimora della coscienza

Stato Donna, 10 settembre 2022. L’ascolto e l’osservazione dei moti dell’anima, degli stati di stress, e dello scorrere più o meno libero delle energie che ci portiamo dietro, costituiscono un buon punto di partenza per l’osservazione di talune condizioni fisiche, le cui conseguenze cominciano ad assumere un carattere certo grazie alla ricerca bio-medica.

Ad esempio, la meditazione ha un grande effetto sull’attività dell’amigdala. Quest’ultima costituisce un crogiolo di nuclei nervosi situati nella calotta cranica dietro le cavità oculari, gioca un ruolo centrale negli stati di ansia ed è comprovato che attraverso la meditazione, la sua produttività rallenta, e si riducono così pensieri che veicolano stati d’ansia e di paura.

Sebbene normalmente, si cominci col descrivere il chakra della base o delle radici, io vorrei intraprendere un percorso al contrario.

Tale sede coincide fisicamente con la cosiddetta fontanella, di forma romboidale che sovrasta il cranio. Bisogna intendere tale chakra come dimora della coscienza, come una porta che si apre nei due sensi, uno rivolto verso i mondi superiori e un altro verso quelli inferiori. Esso è il precettore di tutta la consapevolezza, quella che contempla il tutto e che tutto trascende. Possiamo concepire il Sahasrara Chakra come un testimone, che detiene il pensiero, che ci aiuta a comprendere e a conferire significato.

Attraverso il pensiero e il significato, si sviluppa la comprensione e si realizza una connessione tra il sé individuale e quello universale. Concepire sé stessi come un micro universo, studiarsi e osservare con consapevolezza le concatenazioni e i legami tra le varie componenti personali, per poi trasferirle al macrocosmo, alla società intorno a noi, questo è possibile grazie al funzionamento del Sahasrara chakra , un veicolo di formazione della coscienza cosmica.

Se ci fermiamo e notiamo come ci dedichiamo alla ricerca di significato, possiamo capire dove opera questo chakra. Lì dove ci chiediamo perché è accaduto qualcosa, utilizziamo una coscienza cognitiva, mettiamo insieme in modo ordinato dei pensieri, analizziamo l’accaduto.

Qualche altra volta invece, lasciamo che la mente raccolga tanti elementi contemporaneamente e senza interrogarci sul perché o sul come, lasciamo che si sviluppi una meta coscienza, più libera e trascendente. L’immanenza è la consapevolezza del divino dentro di noi. Sia qui che lì, operiamo attraverso il settimo chakra.

Simona Caputo, 10 settembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...

Il “governo delle donne” da nord a sud, l’assessora di Bari: “Un bel regalo”

StatoDonna, 31 gennaio 2023. “Ho ricevuto un bel dono. Sono stata contattata per raccontare la mia storia professionale, politica e umana, come amministratrice per...

La forza di una madre con la figlia in carrozzella, fino all’ultimo istante

StatoDonna, 29 gennaio 2023. La guardavo dalla vetrina mentre spingeva la carrozzina. Solo la pioggia le fermava, ma purtroppo e per fortuna, come si...