“La meraviglia di essere unici”, quello che vorrei dire ai miei ragazzi

Stato Donna, 10 settembre 2022. Seduta davanti ad un’alba che si crede d’essere un tramonto, infuocata e scura, avvolta in un plaid leggero che mi ricorda di essere a settembre senza dirmelo perché è ancora tutto troppo verde in questa valle, bevo il mio caffè amaro e bollente che non è solo una citazione ed un omaggio, ma è anche l’unico modo in cui concepisco il caffè la mattina. E poi, tanto.

Una caffettiera da tre, ma solo mia. È questo il momento per me, della giornata. Spesso l’unico. Quello in cui leggo i messaggi che non ho visto e che mi costano vocali di amici che reclamano vendetta o sequele di punti interrogativi, come a dire “Beh?”. Quello in cui leggo. Quello in cui mi prendo qualche raggio di sole, nel mio personale saluto che esprime la gratitudine per vederlo anche oggi e per goderne.

Il momento in cui i gatti sono tutti miei e reclamano carezze e attenzioni, Geronimo altero e attento a tutto sulle gambe e Riccardo vicino ma non troppo, perché anche se sono passati diversi anni, non dimentica di essere stato maltrattato prima che, un sabato mattina, non arrivassimo io e Francesco a portarlo via. E lui ringrazia continuamente, con la dolcezza che gli è propria, anche se ferita.

E Ginevra, che ha perso un occhio forse per un trauma, non si sa, ed è arrivata dalla Puglia una notte in un trasportino dell’Enpa. La dolcezza fatta gatto. E poi Rocco Schiavone sempre corrucciato che per questo si chiama così, abbandonato, lui vecchio ed infeltrito, davanti alla farmacia con una copertina come gli infanti nella ruota del convento. Saggio e riflessivo, non chiede mai nulla e può rimanere giorni senza mangiare se non ci pensi tu. Ed è diventato maestoso.

“Uno zoo, praticamente”. Cito con sentimento. E penso, guardandoli, che essere grato all’altro che si prende cura di te, che si ricorda di te, che ti accoglie e a volte ti raccoglie, è un viaggio andata e ritorno. È riconoscere l’uno all’altro la bellezza di essersi trovati, è sapere di avere un nome, un posto nel mondo, un compito da svolgere con dignità.

Che tu sia il gatto o chi ti salva dalla strada. Perché la cosa brutta è sentire di non contare nulla, di non essere importante, di non piacere a nessuno, di non saper far nulla. Tutte cose che diventano “non essere”.

Credere di non essere. Fino a quando a qualcuno non viene offerto il privilegio di scoprirti, di vederti. E allora ti vedi pure tu, e magari ti piaci anche, e prendi forza e diventi migliore e anche altri iniziano a vederti, a notare quello che eri anche prima. E quelli che sembravano difetti diventano punti di forza.

E adesso che inizia la scuola, quella scuola un po’ particolare dove insegno, vorrei dirlo ai miei ragazzi, quelli che sono difficili, complicati, emarginati, confusi, persi. Vorrei portare in aula i miei gatti per scalfire cinismi usati come scudi, silenzi come coperte, risate per nascondere lacrime, orgogli e appartenenze come bandiere. Dirò loro che di sbagliare può succedere, che si può tornare sui propri passi, chiedere scusa e ricominciare.

Inizierò io a vederli, perché poi si vedano loro e imparino anche a vedere gli altri. In un circolo che diventi un abbraccio.

Simonetta Molinaro, 10 settembre 2022

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Capacità di intendere e volere per l’analisi psichiatrica: i casi Cecchettin e Pifferi

Il fatto: chiusa l'indagine Cecchettin (16/5) e condannata la madre Pifferi della bimba Diana (13/5). 3 domande per scoprire  quanto è importante l'analisi psichiatrica forense...

ULTRAMINIMAL. Così Alessandra Celletti festeggia Satie

Roma. Alessandra Celletti torna al Teatro "Miela" per omaggiare Erik Satie portando per la prima volta dal vivo il suo nuovo album ULTRAMINIMAL. L'artista romana...

“Delay”, il nuovo singolo di Carla Schiavano in collaborazione con Katia De Lorenzis

Lecce, Italia – Oggi 13 Maggio 2024, il panorama musicale accoglie un nuovo e avvincente Inedito firmato Carla Schiavano, talentuosa cantautrice salentina. Il singolo,...

Bellissima. A Sveva Alviti le serate di apertura e chiusura di Venezia 81

Sveva Alviti aprirà l’81. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto 2024, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione...

Festa a Foggia per il “Welcome day per gli specializzandi di Area medica dell’Università”

Foggia, 6 maggio 2024. Si è svolta questa mattina presso l'Aula Turtur del Policlinico Riuniti la prima edizione del Welcome day dedicato agli specializzandi di...