Abbiamo diritto allo svago e a vivere la nostra terra, e nessuno deve portarcelo via

Stato Donna, 1 settembre 2022. È stato un passaggio dal divertimento al panico generale quello di ieri al luna park di Manfredonia dove un uomo è stato ferito fra la folla. Gli inquirenti faranno le loro ricerche ma anche noi abbiamo sentito qualcuno che era lì, in quel momento, e che ci ha detto: “Sono un tipo coraggioso, ma ho avuto paura, mio fratello, stamattina è ancora scioccato da quanto avvenuto”. È un ragazzo di Manfredonia. Per il paese sul golfo ieri è stata una giornata particolare con l’arrivo del veliero Vespucci, il concerto di Facchinetti, la festa della patrona che da sempre si colloca a fine estate, cui si aggiunge l’arrivo di tante persone dalla provincia, fra cui molti foggiani, che sono soliti trascorrervi alcune serate.

“C’è stato il panico- ci dice questo ragazzo- i responsabili del Luna Park che dicevano “state giù”, genitori che hanno preso i loro figli in braccio dai passeggini e sono scappati via, scene da film, veramente”. C’è stato anche chi, solo per un puro caso, non è andato alle giostre perché non ha trovato parcheggio, dunque ci ha rinunciato, ma non a dire: “Ormai qui la mancanza di ogni rispetto è la regola, serve un cambio profondo di cultura, non puoi solo dire “militarizzare il territorio” perché di delinquenza in giro ce n’è troppa”.

I parenti, i genitori, madri, padri, hanno visto il terrore negli occhi dei loro cari, è stato un attacco al cuore della città, alla tranquillità delle persone in giro nel paese in festa. Il dato, oltre alle ricostruzioni della cronaca sull’uomo ferito è che, durante la festa a S. Severo per la vittoria agli europei di calcio, l’anno scorso, si è verificata una sparatoria. In una giornata d’agosto, a Marina di Lesina, un uomo è stato ucciso fra la folla che si dirigeva verso la spiaggia. Però, che mira, poteva succedere che ci andava di mezzo qualcun altro, come a S. Severo, come ieri sera.

Cos’è, è scoppiata una lite? E con un’arma nel bel mezzo delle giostre adrenaliche, quelle che fanno la gioia di tanti, a tutte le età, incluse come meta delle serate anche fuori città? Che bello, la gente si sposta, si ritrova dopo tanti divieti e tante limitazioni a causa della pandemia e viene gelata dagli spari, un’arma vera, non quella da luna park che, sei fai centro, ti danno il premio.

Abbiamo il diritto allo svago e al divertimento nella massima sicurezza dove ogni abuso- dico “abuso” che è tale anche se magari lo si tollera- viene sanzionato, abbiamo il diritto a vivere il nostro territorio in cui abbiamo visto tornare, quest’anno, i turisti tedeschi, francesi, inglesi che si crogiolavano al nostro sole e gustavano il nostro cibo. Abbiamo il diritto di partecipare a feste e concerti che riempiono piazze e teatri, magari senza organizzarne troppe contemporaneamente in un paese. È la vita normale, con i suoi svaghi e con il luna park.

Paola Lucino, 1 settembre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...

Il “governo delle donne” da nord a sud, l’assessora di Bari: “Un bel regalo”

StatoDonna, 31 gennaio 2023. “Ho ricevuto un bel dono. Sono stata contattata per raccontare la mia storia professionale, politica e umana, come amministratrice per...

La forza di una madre con la figlia in carrozzella, fino all’ultimo istante

StatoDonna, 29 gennaio 2023. La guardavo dalla vetrina mentre spingeva la carrozzina. Solo la pioggia le fermava, ma purtroppo e per fortuna, come si...