Rientro a scuola, addio alla Dad e alle mascherine obbligatorie

Stato Donna, 29 agosto 2022. Il ministero dell’Istruzione ha inviato ieri alle scuole un vademecum con le principali indicazioni per il contrasto della diffusione del Covid-19 in ambito scolastico in vista dell‘avvio dell’anno scolastico. Dopo due anni di dad e le lezioni dello scorso anno, con le mascherine obbligatorie, il controllo della temperatura, l’attivazione della did (la didattica integrata a distanza per gli alunni che avevano contratto il Covid) e il resto della classe in presenza, ecco i punti principali del testo inviato alle scuole. Nei giorni scorsi il ministero aveva già diffuso la nota sul venir meno dell’obbligo vaccinale per il personale della scuola e sono circa 10mila i docenti “no vax” che potranno tornare in cattedra.

Il vademecum sintetizza i documenti elaborati dall’Istituto superiore di sanità nelle scorse settimane, già inviati agli istituti e ai loro dirigenti, e la normativa vigente.

Misure di prevenzione. La permanenza a scuola è consentita a bambini e studenti con sintomi respiratori di lieve entità ed in buone condizioni generali che non presentano febbre. Il solo raffreddore è condizione frequente e non può essere sempre motivo di non frequenza o allontanamento dalla scuola.

Mascherine. L’utilizzo di dispositivi di protezione respiratoria (FFP2) e protezione per gli occhi riguarda gli alunni e il personale scolastico rischio in base alle indicazioni del medico competente.

Rientro a scuola. Le persone risultate positive al test diagnostico per SARS-CoV-2 sono sottoposte alla misura dell’isolamento. Per il rientro a scuola è necessario l’esito negativo del test antigenico rapido o molecolare con esito negativo, anche in centri privati a ciò abilitati al termine dell’isolamento.

In continuità con gli anni precedenti, si conferma “l’attivazione del sistema di monitoraggio” per valutare gli impatti che la diffusione del virus ha su tutti i gradi del sistema educativo di istruzione e di formazione. Con successiva nota verranno fornite alle istituzioni scolastiche le istruzioni operative per la compilazione della rilevazione che verrà resa disponibile prima dell’inizio delle lezioni.

Per accedere ai locali scolastici non è prevista alcuna forma di controllo preventivo da parte delle scuole, ad es. misurazione della temperatura corporea. Ma, se durante la permanenza a scuola, il personale scolastico o il bambino/alunno presentano sintomi indicativi di infezione da Sars-Cov-2 viene ospitato nella stanza dedicata o area di isolamento, appositamente predisposta e, nel caso dei minori, devono essere avvisati i genitori.

Gli alunni positivi non possono seguire l’attività scolastica nella modalità della didattica digitale integrata, la normativa speciale per il contesto scolastico legata al virus SARS-CoV-2, che consentiva tale modalità, cessa i propri effetti con la conclusione dell’anno scolastico 2021/2022.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...