Il karaoke del sindaco Decaro che si “autodenuncia” e difende Sanna Marin

Stato Donna, 23 agosto 2022. “In un paio di video che girano in rete da qualche giorno, vediamo la premier finlandese Sanna Marin che balla, canta e si diverte. Per questi filmati molti, nel suo Paese e nel resto del mondo, l’hanno attaccata violentemente, chiedendone le dimissioni. A questo punto sento il dovere di autodenunciarmi”.

Tra il serio e il faceto il sindaco di Bari Antonio Decaro riporta, in un post social, la polemica che ha coinvolto la premier finlandese Sanna Marin, ripresa in alcuni video dove balla a una festa. La questione è stata molto dibattuta sui social, donne finlandesi hanno postato scenette in cui fanno altrettanto, ballano solidali con Sanna. Una polemica che è sfociata anche nella contrapposizione politica e anche nei temi internazionali ed europei fra utenti dei social.

Decaro, sindaco e presidente dell’Anci, fa partire la sua “ammissione di colpa” accompagnandola con un video dove si esibisce in “Je so’ pazzo” di Pino Daniele, scena che repubblicabari.it ricorda di aver immortalato nel 2015.

“Confesso di aver cantato, in luoghi, modi e situazioni improponibili- dice Decaro- e di aver rivisto con fierezza le testimonianze filmate di tali imbarazzanti esibizioni che sono state pubblicate. Devo essere giudicato per questo? Devo vergognarmi del fatto che nel tempo libero faccio il karaoke con gli amici? Devo provare pudore per qualche momento di relax, magari dopo una lunga giornata di lavoro? Non credo. Così come non credo che Sanna Marin, ex vicepresidente del suo partito, ex ministra, ora premier, debba essere giudicata per come balla durante una serata tra amici.

Si può essere sindaci, ministri, premier, amministratori, ma siamo prima di tutto donne e uomini che hanno il diritto di godersi le proprie passioni. Qualcuno balla, qualcuno va a teatro, qualcuno fa trekking e qualcuno, come me in questo video, preferisce cantare (male) tra la gente. E siccome non siamo a Sanremo, io credo di dover essere giudicato per come guido l’amministrazione della mia città, non per come interpreto “Je so’ pazzo” in un concerto improvvisato”.

“Quindi, mi autodenuncio, sì, ma vi avverto (è una minaccia) che continuerò a cantare. Sotto la doccia, in auto con le mie figlie e quando me lo chiederanno, anche alle manifestazioni dei tifosi e sul palco della festa del mio quartiere. Così come Sanna Marin, ne sono certo, continuerà a ballare con gli amici, spensierata, in una sera d’estate qualunque. Per tornare, il giorno dopo, a guidare il suo Paese, come io torno ogni giorno a incontrare i miei concittadini che mi aspettano, agguerriti, nell’androne del Comune. Con buona pace dei moralisti della domenica, finlandesi o baresi che siano”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Natale nei Grandi Giardini Italiani fra storia, tradizione e magia

Stato Donna, 28 novembre 2022. Dal Nord al Sud del Bel Paese gli “scrigni botanici” hanno in serbo una serie di iniziative da vivere...

‘Succede sempre qualcosa di meraviglioso’, libro di terre e frasi memorabili

Stato Donna, 28 novembre 2022. Ha un titolo lunghissimo il libro "Succede sempre qualcosa di meraviglioso", autore Gianluca Gotto edito Mondadori. Dopo aver finito...

Telefono Donna, la festa a Foggia per quasi 30 anni di attività

Stato Donna, 28 novembre 2022. Telefono Donna compie 26 anni e per celebrare questo lungo periodo d’impegno in prima linea, contro ogni forma di...

Al Lanza di Foggia ‘La casa di Paolo’, una storia per i giovani e per il futuro

Stato Donna, 28 novembre 2022. 14 omicidi in tutta la provincia di Foggia dall’inizio dell’anno, uno, il quindicesimo, successo da poche ore, ha i...

Nel deserto con il capo scout a parlare di emozioni e sentirsi amici

Stato Donna, 27 novembre 2022. Mi ha detto complice prima di uscire "Mamma questo sabato voglio far fare ai ragazzi un po' di deserto", e...