Emma Gioseffi riparte dalla Cisl e da un’idea nuova di sindacato

Stato Donna, 15 luglio 2022. Nel passaggio di consegne fra Maria Tibollo, già segretaria territoriale della Cisl scuola ed Emma Gioseffi, che è subentrata, a suggellare e festeggiare il momento c’erano altre due donne, Ivana Barbacci, segretaria nazionale Cisl scuola, e Carla Costantino, segretaria Cisl Foggia. Quattro donne, insomma, non diciamo una rarità ma quasi. Quando la chiamiamo per aggiornarci sul lavoro cominciato, è alle prese con una nuova inaugurazione di una sede Cisl, dopo Orsara, a Cerignola.

Emma Gioseffi entra nel sindacato tre anni fa, comincia a farsi notare per la capacità di venire incontro alle esigenze degli iscritti: “Mi ero sempre data da fare anche nelle associazioni universitarie con la compilazione di moduli, domande, richieste, è stata una cosa naturale per me”.

Maria Tibollo, che ora ricopre un incarico regionale, è una figura storica del sindacato: “Certo, io seguo i suoi insegnamenti e mi sta ancora accanto, non è la stessa cosa occuparsi degli iscritti come collaboratore e avere la responsabilità di ogni ordine di scuola da segretario generale. Resto ferma sulla sua scia di valori, non solo quella del sindacato come supporto per i docenti ma parliamo anche di valori come condivisione e solidarietà che devono sempre ispirare il nostro lavoro”.

Sappiamo, e ce lo conferma, che da qualche mese tiene con sé in casa una madre ucraina e suo figlio di 17 mesi: “Mio marito e mia figlia- oggi adolescente, cosa che mi permette di essere più libera e quindi di dedicarmi al sindacato- condividono pienamente la scelta, diversamente non avrei potuto. Qualche anno fa è stata con noi una ragazza brasiliana che è cresciuta con mia figlia”.

Maria Tibollo

Adesso una nuova esperienza di accoglienza ma diversa perché sono ospitate persone che fuggono da una guerra: “Quando madre e figlio sorridono la nostra gioia è immensa, magari sarebbero stati chissà dove in questo momento, in un bunker”. Il sindacato non c’entra con questa scelta personale ma Emma precisa: “Come sindacato ci siamo schierati da subito contro la guerra e contro l’aggressore”.

Carla Costantino, Ivana Barbacci, Emma Gioseffi

Il conflitto, il Covid, la crisi economica, anche questo ha cambiato la quotidianità sindacale: “Ci sono tante persone che hanno perso il lavoro e vengono da noi per sapere come possono utilizzare il loro diploma, oppure persone che non hanno trovato i 200 euro in più nel cedolino di luglio e che si sono allarmate. Questo è un segnale di forte disagio sociale”.

Parliamo di scuola molto “femminilizzata” in particolare nell’infanzia e nella primaria, e qualche presenza maschile in più che si nota nella secondaria, in particolare di 2° grado. “È vero, si ha l’idea che la maestra sia una seconda mamma, eppure io, alle elementari, ho avuto un maestro, un uomo, che per me è stato importante. Penso che proprio lui mi abbia trasmesso l’amore per la cultura e per lo studio”.

Laureata in lettere e in scienze pedagogiche, si è iscritta a Bari al corso di laurea in scienze dello spettacolo e le resta poco per finire: “Durante il Covid, che ha bloccato anche l’attività del sindacato, ho deciso di fare qualcosa che mi piacesse e mi fosse utile. Pensavo a un insegnante che lavora con un alunno diversamente abile e che in certe attività risponde molto di più che in altre. Credo molto anche nella formazione digitale, “formare” non “addestrare” come ha detto il ministro, e abbiamo in programma, da settembre, una serie di iniziative per i nostri iscritti. Il mio obiettivo è quello di svecchiare l’idea che la gente ha del sindacato, un’idea ormai superata che si basa, semplicemente, sull’aiuto pratico nel fare una domanda, o nel cercare risposte per utilizzazioni, trasferimenti o altro.

Oltre questo vorrei raccogliere intorno a me una squadra di insegnanti con le loro competenze, organizzare con loro appuntamenti letterari, culturali, con ospiti del territorio e di fuori. Il motto della Cisl è ‘esserci per cambiare’ e dobbiamo metterlo in pratica, cambiamenti positivi in una città che di buone notizie ne ha molto poche. Noi ci occupiamo anche del futuro dei nostri ragazzi, siamo dei formatori e su questo dobbiamo puntare. Cruciani dice che Foggia è brutta? Ma a me interessa più il fatto che una città dia o meno futuro ai giovani, e in questo momento la risposta è che è necessario più sviluppo per il nostro territorio”.

A proposito dell’interlocuzione con gli enti e con il Comune, Gioseffi fa riferimento alla battaglia per tenere le scuole comunali aperte, almeno alcune: “Non abbiamo avuto, come scuola, altri momenti di confronto. I commissari, in questa città, devono puntare fortemente sulla legalità e sulla cultura, perché al punto in cui eravamo arrivati era impossibile continuare.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

A metà fra lady Oscar e l’uomo perfetto, altro che cultura di genere

StatoDonna, 3 febbraio 2023. Sono una donna di cinquantatré anni e sono arrabbiata. Lo devo dire. Sono arrabbiata con questa cultura nella quale siamo...

Miss Italia Lavinia Abate sceglie il Carnevale pugliese a Sammichele di Bari

StatoDonna, 2 febbraio 2023. L’edizione 2023 del Carnevale di Sammichele di Bari è nel vivo dei festeggiamenti. Come da tradizione, protagonisti sono i festini,...

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...