“Perdonaci Yusupha, non era questa l’accoglienza che avevi immaginato…”

Stato Donna, 28 giugno 2022.Perdonaci, fratello. Perdonaci, perché il Paese che ha promesso di accoglierti ti ha confinato in un ghetto, in una baracca di cartone e lamiere.

Perdonaci, perché un incendio – l’ennesimo, inevitabile incendio – ha carbonizzato i tuoi sogni, vanificato i tuoi sacrifici, il lavoro nei campi, sotto il sole rovente delle nostre estati, la fame, la sete, la clandestinità, la negazione dei tuoi legittimi e sacrosanti diritti.

Gli ospiti del Gran Ghetto di Rignano non godono di alcuna assistenza sanitaria, se si escludono le iniziative sporadiche di pochi volontari, che visitano in condizioni rocambolesche nei ritagli di tempo. Perdonaci, perché non era questa l’accoglienza che avevi immaginato.

Perdona ciascuno di noi, che abitiamo in appartamenti confortevoli e climatizzati a pochi chilometri dal ghetto Torretta Antonacci, in cui ieri notte hai trovato la morte”.

Dedico questo pensiero a Yusupha Joof che, a soli 35 anni, ha perso la vita nel modo più atroce, nel terribile incendio sviluppatosi ieri notte intorno alle 3:15 nel Gran Ghetto di Rignano, a causa della indecorosa precarietà delle condizioni in cui gli ospiti di Torretta Antonacci versano ormai da anni, nella più completa indifferenza di tutti.

Il Ghetto di Rignano non ha allacci delle reti elettrica, idrica, fognaria; non gode di alcun tipo di assistenza sanitaria, fatta eccezione per le visite sporadiche di operatori volontari. L’insediamento è costituito da rudimentali e pericolanti baracche di cartone e lamiere, caravan dismessi, ruderi di prefabbricati, vecchie automobili. Il Ghetto ha bisogno di noi, ha urgente bisogno di ciascuno di noi. È completamente improprio definirsi “cristiani” se, di fronte a simili realtà, si resta serafici e indifferenti. Almeno, questo è il mio punto di vista.

“Vi ho lasciato un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amato”. Gesù di Nazareth.

Ciao, Yusupha. Perdonaci, se puoi.

Daniela Marasco, 28 giugno 2022

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...