Yoga space. La concentrazione (VI)

StatoDonna.it, 03 giugno 2022. Continuando il viaggio attraverso lo yoga, che svela come raggiungere e mantenere il benessere ed una condizione di serenità perpetua, è d’aiuto soffermarsi, come abbiamo fatto nel post precedente, oltre che sulla meditazione, oggi anche sulla concentrazione. È necessario infatti mantenersi calmi in una posizione comoda e intrattenersi ad osservare la propria materia sottile.

Non darò una definizione di materia sottile perché una sue spiegazione annullerebbe la curiosità e potrebbe addirittura risultare astrusa. Tuttavia, sapersi concentrare è il veicolo che apre l’osservazione su quel potenziale che poche tutti abbiamo ma che persone sanno di avere e che ancor meno persone usano. La concentrazione o “Dhyana” si può coltivare esercitando diversi modi oppure anche alcuni di essi insieme.

Vediamo quali sono questi strumenti. Del primo si è già letto, ovvero di quel naturale miracolo quotidiano, il cui controllo è di grande beneficio per la mente, ovvero la respirazione. A seguire abbiamo, l’uso di alcuni suoni prodotti in autonomia come i mantra o il suono della “Aum”, il suono delle campane tibetane o semplicemente di elementi naturali come acqua e foglie scosse dal vento, in fine la musica da meditazione.

Affatto secondaria, è la capacità di ritrarre la percezione sensoriale dall’esterno e di rivolgerla all’interno, portando appunto il focus dentro di sé. Convergere e proiettare verso l’interno le percezioni sensoriali o in Sanscrito “Prathyahara”.

Inoltre si possono adottare la visualizzazione, come quella di punti luce o forme geometriche colorate, fatta ad occhi chiusi ed in fine, il ritorno del pensiero su un concetto che ognuno sceglie a seconda della propria fase di crescita interiore.

Il mezzo sottile per rallentare i pensieri è la pratica del controllo del respiro, il che insieme alla concentrazione costituisce il veicolo per stare a contatto con sé stessi, imparare ad ascoltarsi e finalmente scoprire la propria vera natura. Una volta scoperta, questa affiora e la mente passa in secondo piano, oppure viene sopraffatta dallo stato di pace interiore che conferisce all’esistenza una nuova chiave di vita. Anche questo è benessere!

In fine, non è superfluo infatti specificare che tale condizione di profonda quiete non coincide con ritardi di reazione, come a volte si tende a pensare, altresì conferisce una carica effettiva ad ogni azione compiuta, e questo perché, attraverso concentrazione-Dhyana e meditazione-Dharana cambia la frequenza comunicativa del nostro corpo che ne risulta molto.

 

Simona Caputo, "Yoga Intelligence"
Simona Caputo, “Yoga Intelligence”

Profilo

Simona Caputo è laureata in Lettere e Filosofia Orientali (aree Russia e India) presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale.

Il suo approccio con lo Yoga dunque, parte con lo studio della storia e delle tradizioni olistiche della patria della Yoga per poi passare alla sua pratica personale dei primi 5 anni a Mosca con due maestri dello Hatha Yoga: Timur Rakitskji e Dimitri Belijaev, in cui grande attenzione è stata spesa nella respirazione (Pranayama). Poi a Londra, la pratica si è spostata verso la nuova variante di Yoga dal nome Vinyasa Flow e dopo altri 4 anni di pratica ha cominciato a dedicarsi all’insegnamento di quest’ultima disciplina a Londra.

In fine la sua formazione ha mosso i passi fino a Goa, con il corso per insegnanti presso il Sampoorna Village e con il corso di meditazione con il maestro Sudhir Rishi (Sthira Yoga School, Mandrem India). La conoscenza e lo studio con questo ultimo grande maestro è stato molto significativo per lei. Infatti, dopo i diversi anni di studio, insegnare e condividere la pratica catartica della “meditazione in movimento” è quello che rende entusiasmante la sua vita.

A cura di Simona Caputo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Hot news

Premio Laudato medico 2024? A una oncologa del Policlinico di Bari

Il premio "Laudato Medico 2024" nella categoria oncologi è stato assegnato alla dottoressa Stefania Stucci del Policlinico di Bari. Il riconoscimento dell'associazione Europa Donna arriva...

ORSA. Dall’America per scoprire Orsara: la visita di 27 ‘orsaresi’ della Pennsylvania

ORSARA DI PUGLIA (Fg) – Hanno compiuto un lungo viaggio dallo stato della Pennsylvania per visitare Orsara di Puglia, il paese dei loro nonni,...

Gargano. In ricordo di Antonio Facenna. Alla masseria didattica torna la festa della Transumanza

Gargano. A Carpino torna la FESTA DELLA TRANSUMANZA organizzata da MASSERIA DIDATTICA FACENNA, PRO LOCO CARPINO e dalla rivista enogastronomica LIKE. Appuntamento il 25 aprile 2024...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...

L’incontro tra Eccellenze: Lo Chalet Royal celebra i vini dell’Ornellaia (FOTOGALLERY – VIDEO)

L’incontro tra la cucina toscana e il palato pugliese ha celebrato uno dei vini italiani più pregiati e invidiati al mondo. L'atteso evento enogastronomico "Chalet...