Per essere felici non ci resta che ridere e insegnare ai bambini a farlo

Stato Donna, 3 maggio 2022. Il sorriso è una delle prime abilità che sviluppano i neonati per comunicare con gli altri. Già dopo le prime settimane di vita il bambino sviluppa la volontarietà del sorriso, il cosiddetto sorriso sociale, che gli consente di interagire con familiari, animali e giochi. Secondo alcune recenti ricerche scientifiche entro il primo anno di vita si sviluppa addirittura il senso dell’umorismo ed entro i quattro anni, con l’esplosione del linguaggio, il bambino riesce anche a padroneggiare il suo humor riuscendo a fare ridere il suo interlocutore.

Fino ai sei anni di vita i bambini ridono dalle 400 a 600 volte al giorno, numero che si abbassa notevolmente con il passare dell’età. Gli scienziati ricordano che ridere contribuisce ad ogni età al benessere psicofisico, tanto che è stata istituita la giornata mondiale della risata. La ricorrenza ufficializzata nel 1998, poi fissata alla prima domenica di maggio, dal medico indiano Madan Kataria, fondatore dello Yoga della Risata.

Ma come è possibile incentivare i bambini a sorridere? Il difficile compito spetta ai genitori, che possono abituare i bambini ad allenarsi a sorridere alla vita affrontando con la giusta ironia le avversità quotidiane. Un allenamento quotidiano sulla quale è bene investire sin da subito per garantire il benessere futuro del piccolo. L’attenzione per le risate è sempre più alta negli ultimi anni in tutto il mondo, tanto che anche in Italia si sono moltiplicate le sedi che promuovono corsi di yoga della risata. Incontri in cui si impara a portare la risata nella quotidianità e a farla diventare lo strumento privilegiato per aumentare l’energia, ridurre lo stress, socializzare e godere di ogni situazione.

Esercizi nati dall’intuizione del Dottor Kataria, supportata da studi scientifici, secondo cui il nostro corpo non distingue la differenza tra una risata spontanea e una risata autoindotta. Pertanto una risata finta produce gli stessi ormoni del benessere, tra cui endorfine, i nostri antidolorifici naturali, e serotonina, il neurotrasmettitore del benessere, oltre a diminuire gli ormoni dello stress come il cortisolo. Pertanto per essere felico non ci resta che allenarci a ridere con o senza motivo.

Marilia Castelli, 3 maggio 2022

(Marilia Castelli è giornalista e blogger. Ha pubblicato per la casa editrice Dialoghi il libro “Mia figlia mi sta sul c***o)

https://www.edizionidialoghi.it/negozio/Mia-figlia-mi-sta-sul-c***o-p455626513

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

L’India va a nozze con il Gargano. Le immagini spettacolari

Gargano. Se in Valle d’Itria si discute delle sorti del mondo, negli stessi giorni del G7, ma sul Gargano, si sono assunti impegni ben più… vincolanti: è stato...

Ecco i vincitori del Campionato Italiano di Corsa in Montagna a Staffetta: la Puglia c’è

Gagliano del Capo, 16 giugno 2024_Ed è ancora atletica di altissimo livello. A pochi giorni dalla chiusura degli Europei di Atletica leggera a Roma...

La passione che unisce. “THUN CLUB GARDEN PARTY” nella magia del Castello Marchione di Conversano

Le Emozioni, la magia e l'incanto, uniti al caldo abbraccio che la famiglia Thun ha esteso a tutti i Soci THUN CLUB*, agli imprenditori...

Inizia a luglio la stagione concertistica 2024 dell’Orchestra Sinfonica di Matera

Con 33 concerti, con quasi 3.500 giornate lavorative di musicisti assunti, oltre 5.500 biglietti venduti in 6 mesi, circa 250 abbonamenti emessi per la...

“Festival d’arte Apuliae. Non soli, ma ben accompagnati” a Foggia

Sta per ripartire il Festival d'arte Apuliae - Non soli ma ben accompagnati, la rassegna organizzata dall'Associazione Spazio Musica e curata dal maestro Dino...