Yoga Space. Sonno benefico (I)

StatoDonna.it, 28 aprile 2022. Lo stile di vita contemporaneo incide sulla salute di ognuno in modo diverso. Quasi il 90% dei lavoratori, senza distinzione tra uomini e donne, soffrono di disturbi del sonno, diventano incapaci di rilassarsi, a seconda del metabolismo, del carattere e della personale reazione allo stress, accumulano tensione che condiziona parti diverse del sistema neuro muscolo-scheletrico.

A distendere il tessuto connettivo e a donare freschezza alla mente e al corpo può intervenire un metodo, una disciplina millenaria e insieme moderna attorno alla quale a volte aleggia uno spesso velo di scetticismo.

Molti a sentire “Yoga” pensano a qualcosa di noioso e statico.

Oggi, al contrario lo yoga si può vivere in modi diversi e a seconda dei gusti più svariati, purché si sia disposti ad abbandonare le vecchie idee erronee che la inquadrano come una setta o una religione e ci si avvicini all’universo yoga con pura curiosità.

Nel particolare, lo yoga racchiude norme etiche rivolte a sé stessi, nonché a quello che ci circonda e all’ambiente. L’etica che ascolta il sé realizza quel contatto con la propria mente, con il proprio corpo e con tutto il macrosistema che ogni persona comprende. In occidente ci hanno insegnato per educazione a chiedere -Come va? Come stai? – ma a pochi e molto raramente è stato insegnato a rivolgere la domanda a sé stessi.

Oggi, il ritmo di vita chiarisce a chi si interessa di yoga, che già prima dell’età adulta porsi questa domanda è fondamentale. Si è troppo preoccupati a dare importanza a quel che si vuol fare o possedere, ma troppo raramente ci si rivolge al come ci si sente.

Per cominciare e prima di arrivare a parlare di serotonina e melatonina, sicuramente essenziali per dormire bene, lo yoga insegna ad ascoltare i propri organi, ad osservare la propria mente e quindi a riacquistare la capacità di rilassarsi durante l’esercizio fisico, per riacquisire dunque il prezioso stato sano e sacro del buon sonno.

Simona Caputo, "Yoga Intelligence"
Simona Caputo, “Yoga Intelligence”

Profilo

Simona Caputo è laureata in Lettere e Filosofia Orientali (aree Russia e India) presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale.

Il suo approccio con lo Yoga dunque, parte con lo studio della storia e delle tradizioni olistiche della patria della Yoga per poi passare alla sua pratica personale dei primi 5 anni a Mosca con due maestri dello Hatha Yoga: Timur Rakitskji e Dimitri Belijaev, in cui grande attenzione è stata spesa nella respirazione (Pranayama). Poi a Londra, la pratica si è spostata verso la nuova variante di Yoga dal nome Vinyasa Flow e dopo altri 4 anni di pratica ha cominciato a dedicarsi all’insegnamento di quest’ultima disciplina a Londra.

In fine la sua formazione ha mosso i passi fino a Goa, con il corso per insegnanti presso il Sampoorna Village e con il corso di meditazione con il maestro Sudhir Rishi (Sthira Yoga School, Mandrem India). La conoscenza e lo studio con questo ultimo grande maestro è stato molto significativo per lei. Infatti, dopo i diversi anni di studio, insegnare e condividere la pratica catartica della “meditazione in movimento” è quello che rende entusiasmante la sua vita.

A cura di Simona Caputo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...

L’incontro tra Eccellenze: Lo Chalet Royal celebra i vini dell’Ornellaia (FOTOGALLERY – VIDEO)

L’incontro tra la cucina toscana e il palato pugliese ha celebrato uno dei vini italiani più pregiati e invidiati al mondo. L'atteso evento enogastronomico "Chalet...

Premio Laudato medico 2024? A una oncologa del Policlinico di Bari

Il premio "Laudato Medico 2024" nella categoria oncologi è stato assegnato alla dottoressa Stefania Stucci del Policlinico di Bari. Il riconoscimento dell'associazione Europa Donna arriva...

Gargano. In ricordo di Antonio Facenna. Alla masseria didattica torna la festa della Transumanza

Gargano. A Carpino torna la FESTA DELLA TRANSUMANZA organizzata da MASSERIA DIDATTICA FACENNA, PRO LOCO CARPINO e dalla rivista enogastronomica LIKE. Appuntamento il 25 aprile 2024...