Le lotte per pane e lavoro, in scena al Verdi di S. Severo “Donne della rivolta”

Stato Donna, 12 marzo 2022. Andrà in scena venerdì 18 marzo, al teatro Verdi di S. Severo, lo spettacolo “Donne della rivolta”. Racconta dell’arresto di un gruppo di donne a seguito della partecipazione allo sciopero del 23 marzo 1950 a San Severo.

All’interno della cella le confidenze, i racconti delle loro vite, il dramma dei figli abbandonati loro malgrado, il Partito e il futuro. I rapporti con un’altra donna molto lontana dal loro mondo porterà tutte le protagoniste a vivere momenti intensi ed irripetibili. L’attesa trepidante del giudizio dopo 2 anni e 13 giorni di carcere da innocenti e la liberazione. Il 23 marzo 1950, a seguito della famosa rivolta, 180 persone vengono arrestate per insurrezione armata contro i poteri dello stato e portate in carcere.

Lo spettacolo di Elvira Cannelonga e Antonella Tenace, con Marinella Buoncristiano, Elena Carafa, Gabriella Pennacchia, Antonella Tenace e la regia Francesco Gravino, focalizza l’attenzione su tre detenute. Le condizioni delle donne in carcere negli anni ‘50 sono molto difficili, tuttavia, le protagoniste emergono per temperamento e fierezza, senso di sacrificio ed integrità. Di loro si sa poco, troppo poco. Attraverso i loro racconti, lo spettatore conoscerà il senso di attaccamento al Partito, le lotte appassionate per pane e lavoro e per i diritti delle donne, l’antifascismo prima di tutto.

San Severo, 23 marzo 1950. Alcune donne arrestate vengono tradotte al carcere di Lucera. maddalenarobinblog.wordpress.com/
Foto d’epoca giornaldi.com

 La storia. Il 23 marzo 1950 i lavoratori di San Severo, all’indomani di uno sciopero generale, insorsero contro le forze di polizia, innalzando barricate e assaltando le armerie e la sede del MSI. Gli scontri causarono un morto e circa quaranta feriti tra civili e militari, e l’esercito occupò coi carri armati le principali vie della città. Nei giorni seguenti, con l’accusa di insurrezione armata contro i poteri dello Stato, furono arrestate 180 persone con l’accusa di “insurrezione armata contro i poteri dello Stato”.

Nei due anni che intercorrono tra l’arresto e la loro liberazione, i loro figli, circa 70 bambini, sono “adottati” da famiglie di lavoratori del centro-nord, in segno di solidarietà sociale e politica sull’onda di un movimento collettivo di accoglienza dei figli degli incarcerati che già dal ’46 operava in Italia. Era già avvenuto per 70 mila bambini del centro e sud nel primissimo dopoguerra, tra il 1947 e il 1950, un esodo descritto da Giovanni Rinaldi nel suo libro I Treni della Felicità, e nel video documentario Pasta nera, di Alessandro Piva.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Confcommercio Foggia: consigli per le vetrine dello shopping natalizio

Stato Donna, 30 novembre 2022. “Vetrine ed interni devono essere abbinati, perché il cliente deve ritrovare all’interno del negozio una coerenza di messaggio con...

Gli allarmi di Ischia e il mito del titano Epimeteo incurante dei segnali

Stato Donna, 30 novembre 2022. Come tutte le mattine, anche oggi, 30 novembre 2022, c’è stata la rassegna stampa televisiva. Per Skytg24, nella rubrica...

Roberta Tomaiuolo nei panni di una fata Winx: “Cosplayer è gioia e recita”

Stato Donna, 30 novrembre 2022. "Avevo sei anni quando è uscita la prima stagione di questo fantastico cartone italiano ideato da Iginio Straffi… Come...

Cosplayer Winx, è la foggiana Roberta Tomaiuolo la migliore fata

Stato Donna, 29 novembre 2022. Sul palco di Milan Games Week & Cartoomics 2022, si è tenuto sabato scorso il raduno ufficiale dei cosplayer...

Al Verdi di S. Severo è tornata in scena “La Traviata, Maria Callas il mito”

Stato Donna, 29 novembre 2022. È stato dedicato al mito di Maria Callas e a Iannis Xenakis nei 100 anni dalla nascita l'appuntamento della...