Politica Netflix: chi detta l’agenda nell’era dei social?

Stato Donna.it, 14 gennaio 2022. È una dinamica a cui siamo ormai abituati: i soggetti che non sono tradizionalmente politici – ad esempio social influencer, creator digitali, brand, artisti impegnati – prendono posizione su un tema politico che, amplificato dai social, diventa immediatamente centrale nel dibattito pubblico. Ma non per molto. Un problema che un giorno sembra ineludibile l’indomani viene superato da nuove priorità e l’attenzione nei confronti dell’attualità e delle cause sociali non si lega più a una visione del mondo organica e strutturata, ma è il riflesso dell’attenzione mediatica che di volta in volta, con un semplice colpo di scroll, si accende su singoli temi.

Sono questi i tratti distintivi di una nuova dinamica di agenda setting per cui l’analista politico Lorenzo Pregliasco ha coniato la definizione “politica Netflix”. Da questa intuizione è nata una riflessione collettiva che ha dato vita al libro Politica Netflix – Chi detta l’agenda nell’era dei social, scritto dagli autori e dalle autrici del team di Will, startup giornalistica nata all’inizio del 2020, insieme a Lorenzo Pregliasco e Giovanni Diamanti, fondatori di Quorum/YouTrend.

Nel libro l’intuizione della “politica Netflix” è adottata come chiave di interpretazione per rileggere alcune vicende al centro del dibattito degli ultimi anni: dal movimento #MeToo, ai documentari “The Social Dilemma” e “Seaspiracy”, fino al disegno di legge Zan. Un’analisi da cui emerge che mentre gli attori della politica Netflix sanno accendere un faro su un tema e imporlo nel dibattito pubblico, molte restano le incognite: quanto l’engagement social-mediatico si traduce effettivamente in un impatto concreto?

«Nell’inizio anno che ci aspetta ci sono diversi appuntamenti che saranno un banco di prova per la politica Netflix, come i referendum e il voto per il Quirinale – ha commentato Lorenzo Pregliasco – Già durante la raccolta firme per i referendum, come si è visto per cannabis legale ed eutanasia, gli influencer che avevano sposato la causa avevano avuto un grande impatto sull’aumento delle firme digitali. Anche per quanto riguarda il Quirinale, secondo molti osservatori, già nel 2013 i social ebbero un peso nell’orientare l’elezione: chissà se anche questa volta non assisteremo a prese di posizione, appelli e campagne social pro o contro qualche nome».

Alessandro Tommasi, fondatore e CEO di Will, ha dichiarato: «Abbiamo cominciato a parlare dei temi legati alla politica Netflix all’inizio del 2021, appassionandoci sempre di più. Will si pone in una posizione centrale tra l’informazione che si sposta anche su canali inediti e i nuovi soggetti che influiscono sull’agenda pubblica. Questa complessità deve essere compresa e spiegata per portare a un vero cambiamento».

La riflessione sull’informazione e sul dibattito social è fin dal primo giorno al centro del lavoro editoriale di Will Media che, nata come pagina Instagram, è diventata in breve tempo una delle realtà di riferimento nel panorama dell’informazione social in Italia. Nel suo primo anno di attività la redazione ha vinto il Premiolino 2020 per il miglior giornalismo e oggi la sua community conta oltre 1,5 milioni di follower.

Il libro Politica Netflix, che costa 15 euro e ha 184 pagine, è disponibile da dicembre 2021 solo con la formula print on demand e può essere ordinato a questo link: https://shor.by/WillMedia. Gli autori e le autrici del team di Will che hanno contribuito al testo sono Riccardo Haupt, Alessandro Tommasi, Silvia Boccardi, Riccardo Bassetto, Luca Castelli, Silvia Lazzaris, Carlo Notarpietro e Paolo Bovio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Confcommercio Foggia: consigli per le vetrine dello shopping natalizio

Stato Donna, 30 novembre 2022. “Vetrine ed interni devono essere abbinati, perché il cliente deve ritrovare all’interno del negozio una coerenza di messaggio con...

Gli allarmi di Ischia e il mito del titano Epimeteo incurante dei segnali

Stato Donna, 30 novembre 2022. Come tutte le mattine, anche oggi, 30 novembre 2022, c’è stata la rassegna stampa televisiva. Per Skytg24, nella rubrica...

Roberta Tomaiuolo nei panni di una fata Winx: “Cosplayer è gioia e recita”

Stato Donna, 30 novrembre 2022. "Avevo sei anni quando è uscita la prima stagione di questo fantastico cartone italiano ideato da Iginio Straffi… Come...

Cosplayer Winx, è la foggiana Roberta Tomaiuolo la migliore fata

Stato Donna, 29 novembre 2022. Sul palco di Milan Games Week & Cartoomics 2022, si è tenuto sabato scorso il raduno ufficiale dei cosplayer...

Al Verdi di S. Severo è tornata in scena “La Traviata, Maria Callas il mito”

Stato Donna, 29 novembre 2022. È stato dedicato al mito di Maria Callas e a Iannis Xenakis nei 100 anni dalla nascita l'appuntamento della...