Capone: “Mi prende il cuore la storia di Yvonne, conosco quelle emozioni”

Stato Donna, 28 novembre 2021.Quanti ricordi con la bellissima storia di Ivonne, che a pochissime ore dalla nascita della sua piccola Lavinia, dal letto d’ospedale e con la piccola tra le braccia, ha discusso da remoto la sua tesi di laurea all’Università di Lecce. Mi prende il cuore. Le conosco quelle emozioni”.

La presidente del consiglio regionale Loredana Capone riprende la storia di Ivonne, che si è laureata a poche ore dal parto e che ha commosso per la sua determinazione, per le coincidenze che non aspettano i tempi scanditi dalle nostre previsioni, dal fare i nostri calcoli su tutto. Arrivano, ti chiedi come farai e così vai avanti. Sul filo del ricordo di madre e di avvocato, che fa l’esame con il pancione e subito dopo avverte le contrazioni, Capone si congratula con la neomamma.

Storia di Yvonne. 110 e lode dopo il parto, discute tesi cullando la figlia

Foto Ansa

“La felicità di due risultati così grandi: la vita, la bellezza della nascita, e la soddisfazione per essere riuscita a raggiungere un traguardo importantissimo. Essere riuscita a tenere insieme lo studio, e contemporaneamente, a prenderti cura di quella creatura magnifica, che la guardi e dici: com’è possibile? Come è potuta succedere una cosa così bella? E lui accanto, con l’amore, la paura, il rispetto, l’orgoglio. Felice. Un compagno vero. E un grande papà”.

Poi racconta di sé: “Quando mi comunicarono la data degli orali dell’esame di avvocato, mi venne un colpo: coincidevano con la data in cui il mio ginecologo prevedeva la nascita di Mariachiara. Poi quel giorno arrivò e io non sentivo contrazioni, allora decisi di presentarmi lo stesso, con l’idea che, se le avessi avvertite, sarei subito corsa in ospedale. L’interrogazione durò più di un’ora, ricordo ancora le domande, il pancione sotto la scrivania, ogni tanto un piccolo colpetto, come a ricordarmi che lei era con me e mi faceva coraggio, poi la comunicazione del risultato, la gioia di un istante, subito coperta dall’altro pensiero.

Le contrazioni erano arrivate. La corsa in ospedale, quella tensione mista al dolore, il respiro affannoso e i consigli dell’ostetrica: stai calma, concentrati, spingi. In quel momento sei tu e quella creatura che stava nello schermo dell’ecografo e che adesso vuoi vedere quanto più in fretta possibile. La bambina con cui hai parlato per nove lunghi mesi, con cui hai lavorato, camminato, ascoltato musica. Tu, in lotta col dolore, forte della speranza. È nata! Ed è davvero un’altra vita: la guardi e piangi, è una sensazione di liberazione, di gioia, di emozione, di grandezza: di Dio, della Natura, dell’Universo. Grazie Ivonne, auguri a te, a Lavinia e al suo papà”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Donne sul lavoro: quali sono le ultime novità?

Le donne sul lavoro stanno affrontando un periodo di cambiamenti significativi e nuove opportunità. Con l'evoluzione del panorama lavorativo e delle politiche aziendali, sempre...

Stati generali del Cinema: in arrivo un Manifesto per migliorare il sistema audiovisivo italiano

Si sono conclusi al Castello Maniace di Siracusa, sull'isola di Ortigia, gli “Stati generali del Cinema”: tre giorni di dibattiti, talk e tavole rotonde, con oltre...

“Voce al bene”. Roberta Giallo feat. Samuele Bersani

VOCE AL BENE è il nuovo singolo di Roberta Giallo in duetto con Samuele Bersani, un brano senza tempo, onirico-mitologico. Racconta la storia miracolosa di una nave senza...

Il cuneese Faber Moreira lancia la sfida alla maratona dj più lunga al mondo

Tra il 15 e il 26 maggio Saluzzo ospiterà una prova epica: 240 ore di maratona dj set per entrare nel Guinness dei primati.  A lanciare quella che...

2014-2024, l’Ospedale della Murgia compie dieci anni: un presidio diventato “grande” con il territorio

Un decennio segnato dal progressivo aumento della capacità di garantire assistenza sanitaria ai cittadini: 16 reparti di degenza, 234 posti letto (+67%), 7.200 ricoveri...