Il modello “Holly Hepburn” per riprendersi se stesse con l’eleganza

Stato Donna, 24 novembre 2021. Sono trascorsi più di sessant’anni dal romanzo di Truman Capote ambientato nella New York degli anni Quaranta, che ebbe un successo rumoroso grazie al film del regista Blake Edwards e che vide come protagonista l’impareggiabile Audrey Hepburn nei panni di Holly, donna che celebra il trionfo dello stile e dell’eleganza.

La Holly interpretata da Audrey Hepburn è uno dei personaggi femminili più memorabili del nostro secolo, è l’immagine sacra della donna provocatoria, una donna perseguitata dalla sua autentica incapacità di ricambiare amore e fedeltà. È una ragazza che non si preoccupa di riflettere se sia importante dare un nome alle cose, ai legami e ai sentimenti, lei trasuda vanità e accoglie la solitudine per vivere da unica protagonista la propria storyline, difende la propria autonomia e si illude che sia giusto rinunciare all’amore che nella sua mente ha la forma di una gabbia in cui gli uomini la vorrebbero rinchiudere.

Holly è libera, abbandona tutti, e abbandona con disinvoltura anche l’unico essere a cui sembra legata, Gatto, al quale non dà mai un nome per non assoggettarlo e renderlo familiare, lei non vuole che le appartenga nulla e non vuole appartenere. Lei desidera il lusso, i gioielli lo splendore dei party che gli restituiscono una sensazione di cui è stata privata, quella di benessere.

La Holly Hepburn fa rivivere la Holly Capote attraverso una donna con una  personalità di una profondità infettiva che esalta con raffinatezza e stile la ricchezza più feroce che demolisce la mediocrità in tutta la sua interezza, capace di interpretare il lusso di Tiffany attraverso una classe che respinge l’esibizionismo più ordinario e rozzo, è una che si acquieta passeggiando tra le vetrine di Tiffany senza sembrare inopportuna e superficiale, mai scomposta nei movimenti. E ammira e si fa ammirare.

 

Foto: Vanity Fair

Colazione da Tiffany non racconta di una donna il cui nome è Holly, ma rielabora un modello antropologico: un essere umano indulgente con sé stesso e unidirezionale a tratti primordiale e fragile per antonomasia, che si nutre d’istinto e di cambiamenti, e che è accessibile solo se accolto e rispettato. Nonostante sia una donna posseduta da un cortese scetticismo esibito anche con audacia è in tutta la sua costituzione segno rappresentativo di raffinatezza e di ammirazione, è l’evocazione dell’eleganza senza alcun effetto speciale o filtro. Vorremmo essere tutte Lei, già.

La verità è che alla bellezza esteriore, della forma, conservata nella sua originalità e natura corrisponde una personalità anticonformista e indipendente dalle manipolazioni. Si ricerca la bellezza in stereotipi che non sono autentici, schizzi di profili innaturali. Ci si impasta per diventare più belle, più sottili, più femmine, più armoniose, per appartenere. A chi? A cosa? E se ciò che mancasse oggi è l’eleganza? La classe senza inutili orpelli, la bellezza pulita, chiara e vera. Se solo imitassimo, nella sostanza, il modello antropologico “Holly Hepburn” impareremmo che è fondamentale rinvigorire l’individualità. Null’altro. Scomoda verità.

Eugenia Pagone, 24 novembre 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

A metà fra lady Oscar e l’uomo perfetto, altro che cultura di genere

StatoDonna, 3 febbraio 2023. Sono una donna di cinquantatré anni e sono arrabbiata. Lo devo dire. Sono arrabbiata con questa cultura nella quale siamo...

Miss Italia Lavinia Abate sceglie il Carnevale pugliese a Sammichele di Bari

StatoDonna, 2 febbraio 2023. L’edizione 2023 del Carnevale di Sammichele di Bari è nel vivo dei festeggiamenti. Come da tradizione, protagonisti sono i festini,...

Anna Di Pace e Romeo Tigre campioni di marcia dell’Università di Foggia

StatoDonna, 1 febbraio 2023. La prof.ssa Anna Dipace, docente Unifg e coordinatrice del CdS in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e l'avv. Romeo Tigre,...

Fernanda Wittgens prima direttrice di Brera nel film tv di Rai 1

StatoDonna, 1 febbraio 2023. Fernanda Wittgens, prima direttrice della Pinacoteca di Brera e tra le prime donne in Europa a ricoprire un ruolo così...

Sport e superstizione: i gesti scaramantici più curiosi

Chiunque abbia assistito a un evento sportivo sa bene che gli atleti possono essere molto superstiziosi. Alcuni di loro hanno talmente tanti rituali pre-partita...