“Peggio delle classifiche di Foggia ultima c’è chi pensa siano dicerie”

Stato Donna, 16 novembre 2021. Hanno sdoganato gruppi musicali dando loro un canale per esibirsi. Come? “Con il passaparola o attraverso la rete, artisti che non hanno mai avuto spazio in città e che si sono esibiti a Parco Città, che hanno scritto sul nostro giornalino”.

Mariano Orillo è uno dei tre fondatori di “Sfoggia”, con Samira Carità (a sin. in foto) e Silvia Colecchia ha organizzato il gruppo un anno e mezzo fa perché “potesse lasciare un segno prima che andiamo via, da qualche altra parte, segnalando i nostri bisogni e le opportunità che la città ha perso perché non è riuscita a rispondere ai loro bisogni”. Frequentano tutti la scuola superiore e non sanno, appunto, se resteranno qui o andranno via.

La protesta di “Sfoggia” ad ottobre scorso sull’illuminazione carente in alcune strade cittadine

Ma avete già deciso che non resterete qui?

Non lo sappiamo, per ora seguiamo il nostro progetto che è artistico- perché abbiamo promosso anche artisti delle arti figurative, musicali, come ho detto, gente che “spacca” nel proprio ambiente- abbiamo parlato nei nostri articoli di diritti, intervistato ragazzi che prima non conosceva nessuno, talenti che ci sono in città e non hanno mai avuto spazio per esprimersi.

Ce l’avete con la politica?

Foggia è imbarazzante, roba che lascia una lacrima sul viso, tutti ricordano che siamo ultimi in classifica e lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

E chi lo ricorda, scusa?

Quando andiamo fuori viene ricordata per questo.

Ma voi pensate di candidarvi nella prossima tornata elettorale?

Sinceramente non lo sappiamo, ci teniamo lontani, siamo sempre stati apartitici e non ci siamo mai schierati, certo abbiamo contestato il sindaco che ha fatto venire Salvini al Comune ma non siamo schierati dall’altra parte.

Cioè non siete di sinistra?

Non spetta a noi occuparci di politica.

Il Cappellone delle Croci (foto tripadvisor.it)

Le sardine vi piacciono, vi siete riconosciuti in quel movimento?

Io no, mai, non so gli altri.

Di questa fase commissariale al governo di Foggia cosa pensate?

Non è che va via un sindaco e tutti i problemi si risolvono, non è un singolo ruolo che può risolvere i problemi della città, per il commissario c’è un grande lavoro da fare e non credo sia facile.

L’avete mai incontrata la commissaria Marilisa Magno?

No, mai.

I ragazzi della Società Civile, sì, hanno chiesto insistentemente un incontro. Siete un po’ gelosi?

Ma no, i loro temi sono anche i nostri temi, anche noi siamo parte di “Società Civile”.

E allora perché non state insieme?

Noi manteniamo la nostra autonomia.

Avete tappezzato alcune strade di cartelli sulla mancanza di illuminazione.

Sì, il commissario Marilisa Magno non ha ci ha risposto.

Di quali strade parlavate?

Per esempio le tre corsie di fronte al tribunale, per esempio viale Europa, anche per le piste ciclabili è un problema, a Foggia la pubblica illuminazione è una grande pecca.

Ci avete pensato a chiedere un incontro alla commissaria?

Sarebbe oro, abbiamo anche un progetto nostro, una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata tradotto in dialetto.

Tradotto da quale testo?

La raccolta differenziata dell’Amiu, il documento è dell’azienda, pensiamo che una campagna di sensibilizzazione in dialetto raggiungerebbe tutti.

A proposito di classifiche, hai visto l’ultima sulla qualità della vita? Foggia è terzultima

Quello che è peggio è la gente che quelle classifiche le smentisce, anche dei miei coetanei le definiscono “dicerie”, che è assurdo dato che ci sono dei parametri, vedi la raccolta differenziata.

Il 30 novembre terrete una manifestazione dal titolo suggestivo, “Rapsodie visive”. Di cosa si tratta?

Una mostra di arti figurative per cui abbiamo contattato ragazzi delle scuole, docenti, studenti dell’Accademia d’arte. Ognuno di loro produrrà qualcosa e lo farà nel giardino della Chiesa delle Croci. È patrimonio Unesco e si trova fra case popolari e diroccate, come dire, una perla nel deserto, un fiore nel deserto, e noi vogliamo valorizzare il fiore. Il priore ci ha dato piena disponibilità. L’anno scorso pubblicammo in cartaceo la mostra fotografica per valorizzare la chiesa.

È un simbolo della città, credi che non sia abbastanza valorizzato?

L’anno scorso il Comune aveva stanziato dei fondi per una guida che accompagnava chi veniva da fuori e voleva fare questa tappa, ora non c’è più questa guida.

E quanti rapsodi verranno alla vostra estemporanea d’arte?

Finora una ventina, speriamo di averne tanti quel giorno.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Stornara, Martina Totaro: A Rimini proclamata Campionessa nazionale di Latin Style Show

Statoquotidiano.it, 19 luglio 2024 - Stornara. Un’eccellenza locale nella danza  conquista il titolo di campionessa a livello nazionale: è Martina Totaro, 21 anni, concentrato di...

La Norma di Bellini inaugura il 50° Festival della Valle d’Itria. Tutti gli ospiti

Si inaugura mercoledì 17 luglio a Palazzo Ducale di Martina Franca (ore 21) con la Norma di Vincenzo Bellini la 50ª edizione del Festival...

Allarme forfora? Cos’è, come combatterla e quali fattori incidono

Chiunque almeno una volta ha dovuto fare i conti con uno degli inestetismi tra i più fastidiosi che si possano presentare: la forfora. Parliamo...

Stornarella, Debora Ciocia: “Nella meccanica di precisione una donna può. Sono le competenze a fare la differenza”

Statoquotidiano.it, 06 giugno 2024. - Da Stornarella un’imprenditrice italiana con un’attività specializzata in un ambito considerato insolito per una donna, la meccanica di precisione. Giovane,...

Tiziana Caposena sul podio più alto del Titanum Classic di Lucera

C'è un'altra atleta sanseverese che ha meritatamente conquistato un alloro nella manifestazione denominata Titanum Classic che si è tenuta a Lucera nei giorni scorsi....