La creatività e lo stile della maison Napolitano Trotta, storia di una passione

StatoDonna, 4 novembre 2021.Ogni abito ha una propria anima, indossandolo con eleganza gli si dona vita” è il leitmotiv che ispira le collezioni bridal Napolitano Trotta Maison. Ogni abito diventa un manufatto artigianale unico nel suo genere.

Leonardo Napolitano e Nicola Trotta, veri figli d’arte, vivono ogni giorno il loro atelier sposa operando ogni giorno una continua ricerca sartoriale.

Un sogno tutto italiano diventato realtà, una storia d’amore per la moda sposa italiana e per le spose. Nell’intervista di seguito le risposte sono di Leonardo Napolitano.

Da quanto tempo, è nata la tua Napolitano Trotta Maison e cosa ti ha ispirato ad aprirlo?

La Napolitano Trotta Maison nasce 9 anni fa da un progetto, nato tra Nicola Trotta e da me Leonardo Napolitano;entrambi abbiamo deciso di aprire questo studio sartoriale per ideare e proporre abiti da sposa seguendone tutte le fasi di elaborazione, dal disegno alla lavorazione artigianale. L’essenza della Napolitano Trotta Bridal Atelier è regalare un sogno a tutte le donne con una creazione  prestigiosa da indossare in un giorno unico e indimenticabile.

Disegnare, cucire per poi creare capolavori sartoriali è un pregio della nostra Italia infatti siamo il primo settore al mondo per la moda. Come ti sei avvicinato alla moda? E da quanti anni fa hai iniziato questo lavoro creativo da stilista?                 

Mi sono avvicinato sin da ragazzo al mondo della moda perché ho sempre amato l’estetica del vestire, mi hanno sempre affascinato gli anni 50, quando la moda aveva un’ alta rappresentazione artistica. Ho iniziato durante la mia adolescenza ad ideare e disegnare per poi intraprendere gli studi in Accademia di Belle Arti e conseguire successivamente un master in Art fashion design. Inizialmente mi sono avvicinato alle realtà tessili industriali per poi riscoprire la mia verve artistica quando ho incontrato Nicola Trotta erede di una tradizione sartoriale tramandata in famiglia, con conseguente esperienza formativa presso l’importante sartoria Tirelli. Lavorando nei teatri Nicola ha acquisito una grande abilità nel taglio storico sartoriale che ci ha permesso di utilizzare in seguito nel nostro atelier il taglio contemporaneo con molta facilità.

All’inizio della nostra carriera eravamo molto itineranti, realizzavamo le collezioni nel nostro studio cercando di comprendere i trend di mercato in Abruzzo e non solo.
In questa fase iniziale abbiamo realizzato molti lavori per soddisfare ogni singolo desiderio delle clienti ed i risultati positivi nelle vendite dei capi non sono tardati ad arrivare confermandosi in Abruzzo, in Italia e negli Stati Uniti.

Nell’estate del 2017 abbiamo deciso di aprire lo showroom e atelier sposa in una location giovane e dinamica come Pescara, dove amiamo incontrare personalmente le nostre clienti, per le quali creiamo abiti esclusivi e inimitabili sempre in perfetta linea con la loro essenza e femminilità.

In questo tuo atelier crei il mix del fascino dell’artigianalità ai tempi attuali, per rispondere alle esigenze di una società in continua evoluzione: cosa vogliono le donne oggi?

Le donne oggi in realtà sono molto confuse perché sono completamente attratte da immagini visualizzate sui social in particolar modo Pinterest, Instagram in cui le immagini patinate contribuiscono a disorientarle completamente.
In alcuni casi le clienti ci propongono nel nostro Atelier idee ispirate a foto photoshoppate che poi riusciamo realmente a realizzare una volta indossato il capo.

Qual è la sfida più difficile quando si lavora con la creatività?

Quando si lavora con la creatività fondamentalmente si è liberi, la sfida è poi rendere quel prodotto che hai creato vendibile e quindi spesso ci si scontra con la realtà accettando qualche compromesso con fatica. Però basta avere i piedi per terra e quella stessa idea creativa può evolversi in uno splendido risultato finale, connubio perfetto tra lo stile unico di una nostra creazione e l’essenza della donna che lo indossa.

Tutti abbiamo sogni nel cassetto, c’è un sogno che vorresti realizzare?

In effetti abbiamo già aperto il nostro cassetto e piano piano stiamo assaporando il nostro sogno, sicuramente vogliamo realizzare una Maison molto più grande, ben consolidata sul mercato e che possa soddisfare tutte le donne del mondo, renderle felici nel loro giorno più bello. Questo è il nostro obiettivo sul quale lavoriamo ogni giorno concretamente affinché diventi realtà e in futuro continueremo a credere in tutto questo.

A cura di Barbara Starace, novembre 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

“Mò vene Natale”, storie foggiane di presepi, santi e zampognari

Stato Donna, 4 dicembre 2022. “L’Auditorium della Biblioteca La Magna Capitana è una sede perfetta per raccontar cantando le tradizioni, le storie, i Santi, i...

Pallavolo Cerignola vs Star Volley 3-0, PalaDileo arena da pantere fucsia

Stato Donna, 4 dicembre 2022. Torna subito alla vittoria la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola che, dopo l’opaca prova contro la capolista Fasano di sette...

Carmen Martorana: “Miss Italia Puglia è stato qualcosa di meraviglioso”

Stato Donna, 3 dicembre 2022. Ma la finale di miss Italia si farà o no? È questa la domanda che poniamo a Carmen Martorana,...

Terziario Donna Confcommercio: ‘ Un patto fra generi e generazioni”

(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Sono quasi 1,4 milioni le imprese femminili in Italia, il 22,1% del totale. Di queste, i due terzi...

‘Trans non è Drag’, violinista HER e comunità Lgbt contro consigliere di Fdi

Stato Donna, 2 dicembre 2022. “Erma Pia Castriota, in arte H.E.R., violinista multipremiata e transgender, è stata attaccata per la sua esibizione per il...