Daniela Marcone: “Per troppo tempo abbiamo accettato come ‘normali’ le infiltrazioni della mafia”

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

STATOQUOTIDIANO.IT, Manfredonia 14 ottobre 2021. Si è tenuto nella serata di ieri, al Luc di Manfredonia, il convegno organizzato “Discrimine legalità ed infiltrazioni mafiose”, organizzato dall’associazione “Pop officine popolari” di Manfredonia.

Tanti gli ospiti, tra cui Daniela Marcone, vice presidente nazionale della nota associazione “Libera” fondata da Don Luigi Ciotti, Pippo Cavaliere del comitato di solidarietà per le vittime dell’estorsione e dell’usura, Pierpaolo D’Arienzo, sindaco di Monte Sant’Angelo, Gaetano Prencipe, candidato sindaco di Manfredonia ed infine Vincenzo Signoriello e Miriam Grassi del progetto “Un’impresa per amica”, con moderatore Toni Augello.

L’attenzione dei ospiti della serata è stata naturalmente concentrata, all’unisono, sul fenomeno mafioso molto radicato nel nostro territorio, non solo come manovalanza criminale e dedita ai traffici illeciti ma pienamente infiltrata nelle istituzioni, prova ne è il fatto che ben quattro comuni del foggiano sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose. Ma come sradicare il fenomeno mafioso?

Daniela Marcone è chiara: “Facendo rete, rete tra di noi con le istituzioni in cammino per sradicare il fenomeno partendo da una profonda presa di consapevolezza e senza paura di leggere fino in fondo le relazioni di scioglimento dei diversi comuni per infiltrazioni mafiose”. E’ in effetti accaduto qualcosa che negli anni passati è stato sottovalutato, ossia la presenza mafiosa. “La base è cambiare la mentalità della gente, per troppo tempo abbiamo considerata normale la violenza, come per le estorsioni ma occorre denunciare senza paura”.

La mafia annovera tra le sue file giovanissima manovalanza, senza lavoro ed attratta da lauti guadagni, in tutto questo spesso la politica è sorda alle problematiche sociali del territorio.

“La politica deve porre attenzione al territorio, depresso dal punto di visto economico, avere maggiore sensibilità. A partire dalla politica nazionale ci deve essere una inversione, prendendo coscienza del fatto che tutti i nostri comportamenti devono essere governati da una scelta etica e soprattutto i comportamenti di un amministratore e di un politico”.

Antonio Castriotta

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

“Foggia sarà bellissima per il Natale, ci abbiamo pensato noi”

Statoquotidiano.it, Foggia, 28 novembre 2021. Anche a Foggia i commercianti cercano di rendere più piacevoli le feste per i propri clienti: in varie zone...

Femminicidi. Quando le leggi non bastano e la prevenzione è difficile

E’ difficile celebrare in Italia il 25 novembre, dopo gli ultimi fatti accaduti pochi giorni fa. Una giornata che è per l’Onu l’inizio di...

Capone: “Mi prende il cuore la storia di Yvonne, conosco quelle emozioni”

Stato Donna, 28 novembre 2021.“Quanti ricordi con la bellissima storia di Ivonne, che a pochissime ore dalla nascita della sua piccola Lavinia, dal letto...

La felicità al tramonto e tutto quello che girava intorno alla miniera

Stato Donna, 28 novembre 2021. Le sono rimasti due denti soltanto. E nemmeno in corrispondenza l'uno dell'altro così, quando deve masticare, è una gran...

“Ti mangio il cuore” nel Gargano. “Elodie è una donna fantastica”

StatoQuotidiano.it, Manfredonia 26 novembre 2021. Breve pausa dalla lavorazione del film "Ti mangio il cuore" di Pippo Mezzapesa, con protagonisti Elodie, al suo esordio...