Una Barbie virologa in onore alla co-creatrice del vaccino Astrazeneca!

(In collaborazione con Science CuE – Close-up Enginering)

CategorieBIOLOGIA · COVID-19 – La vaccinologa britannica co-creatrice del vaccino contro il Covid-19 Oxford/AstraZeneca, Sarah Gilbert, ispira anche il mondo delle Barbie. L’azienda Mattel, infatti, ha lanciato in suo onore una bambola con le fattezze da scienziata e con un aspetto simile a quello della ricercatrice. Inoltre sono state lanciate altre cinque bambole che potessero rappresentare cinque donne professioniste nel mondo dell’ingegneria, della medicina, della tecnologia e della matematica. I loro aspetti fisici vanno oltre qualsiasi tipo di pregiudizio che possa essere legato al colore della pelle, alla formo degli occhi, ai tatuaggi sulle braccia, ai capelli. Si tratta di una forte azione di sensibilizzazione da parte dell’azienda produttrice delle Barbie. Si legge infatti sull’account ufficiale Instagram che: “Barbie si impegna a supportare modelli che stanno avendo un impatto positivo in questo momento difficile. Oggi siamo orgogliosi di onorare sei lavoratrici in prima linea da tutto il mondo“.

Oltre alla Gilbert ci sono Amy O’Sullivan (infermiera americana che ha curato il primo paziente Covid a New York), Audrey Cruz (dottoressa americana in prima linea a Las Vegas contro le discriminazioni), Chika Stacy Oriuwa (psichiatra canadese), Jaquelin Goes de Jesus (ricercatrice brasiliana) e Kirby White (medico australiano che ha inventato un camice adatto a chi combatte contro il Covid).

Sarah Gilbert, co-fondatrice di Vaccitech e co-creatrice del vaccino anti COVID-19

Sarah Catherine Gilbert è una biologa e imprenditrice inglese, professoressa di vaccinologia all’università di Oxford, nonché co-fondatrice di Vaccitech. La Vaccitech, fondata nel 2016, è un’azienda attiva nello sviluppo di vaccini e immunoterapie per malattie infettive e cancro, come l’epatite B, l’HPV e il cancro alla prostata, mediante

Allo scoppio della pandemia a Wuhan, in Cina, si è fin da subito adoperata con il suo team di ricercatori presso la Vaccitech, per lo sviluppo di quello che diventerà noto come “vaccino anti COVID-19 AstraZeneca. Assieme a lei hanno lavorato medici e scienziati, tra cui Adrian Hill, Andrew Pollard, Teresa Lambe, Sandy Douglas e Catherine Green.

Vaccino Vaxzevria

Il nome in codice è AZD1222, mentre il nome commerciale è Vaxzevria. Si tratta di un vaccino a vettore virale basato sull’adenovirus ChAdOx1, sviluppato presso il Jenner Institute dell’Università di Oxford in collaborazione con la società AstraZeneca e l’italiana IRBM Science Park. Il vaccino è entrato della Fase III di sperimentazione nel dicembre 2020. Il 29 gennaio 2021, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha autorizzato l’immissione in commercio.

Vaccino Astrazeneca

La nuova Barbie virologa

L’obiettivo della Mattel con queste nuove bambole è quello di scrollarsi di dosso le critiche legate alla figura di una Barbie per lo più stereotipata, lontana dalla realtà. Per molto tempo la Barbie è stata quasi il simbolo di un sogno utopico irrealizzabile, non accessibile a tutte le bambine. Al contrario, queste sei bambole invitano le giovani di tutto il mondo ad inseguire il proprio sogno fin da piccole. Invitano a seguire un modello di donna le cui qualità non sono legate esclusivamente all’aspetto fisico.

Oxford vaccine professor honoured with Barbie, hopes to inspire next generation of girls into Stem. Credits: The Telegraph

La ricercatrice Sarah Gilbert, a tal proposito ha dichiarato: “Voglio ispirare le prossime generazioni di bambine alle carriere Stem, spero che quelle che incontreranno questa Barbie scopriranno quanto le professioni scientifiche possono contribuire al mondo attorno a noi”.

Barbie e la lotta alle differenze di genere

Negli ultimi anni l’azienda si è impegnata a proporre bambole che andassero oltre i classici stereotipi: dalle bambole con taglie più adatte alla realtà, a quelle che indossano il velo islamico, da quelle che svolgono professioni come vigili del fuoco, medici e astronaute, a quelle dalle tonalità di ‘pelle’ più scure o con capelli afro.

Credits: Barbie

Inoltre, seguendo la stessa direzione, fin dal 2018 Barbie continua a promuovere il progetto Dream Gap Project con l’obiettivo di aiutare le bambine a credere in loro stesse. Con queste bambole vogliono mostrare a tutte le giovani che donne prima di loro ce l’hanno fatta e che loro potranno essere le prossime. Risulta evidente come molte aziende ormai stiano lavorando e sfruttando il loro impatto sociale per combattere la lotta contro il gender gap.

Laureanda in Ingegneria dei Materiali e delle Nanotecnologie. Amante dei viaggi e dell’astronomia, che sogna di diventare una ricercatrice scientifica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Hot news

Telefono Donna, la festa a Foggia per quasi 30 anni di attività

Stato Donna, 28 novembre 2022. Telefono Donna compie 26 anni e per celebrare questo lungo periodo d’impegno in prima linea, contro ogni forma di...

La violenza contro le donne (e non solo) è anche virtuale e sentimentale

Stato Donna, 23 novembre 2022. È questa la settimana in cui siamo tutti d'accordo. In cui aborriamo la violenza che adesso non è neanche...

“Addio a Gucci”, Alessandro Michele lascia la maison dopo 20 anni

Stato Donna, 26 novembre 2022. "Ci sono momenti in cui le strade si separano in ragione delle differenti prospettive che ciascuno di noi può...

L’attrice pugliese Sofia D’Elia nel film sulla vita di Alda Merini

Stato Donna, 27 novembre 2022. Sono terminate a Torino da pochi giorni le riprese del film tv sulla figura di Alda Merini. Si chiama...

Marica Monachese, pasticcera di Foggia per passione e tradizione

Stato Donna, 27 novembre 2022. Il suo bisnonno era un pastore abruzzese che scendeva nel Tavoliere per la transumanza. “Aveva tanto di quel latte...