Da un quartiere di periferia nasce il sogno di Stella per il cinema

STATODONNA.IT, Foggia 09 ottobre 2021. È iniziato il viaggio distributivo del cortometraggio “Stella di periferia” scritto e diretto dal regista foggiano Lorenzo Sepalone per l’istituto Dante Alighieri” e in rete con il  “Notarangelo – Rosati”. Il progetto rientra nell’ambito del piano nazionale di Cinema per la scuola” promosso da MiBac e Miur. Ai primi di ottobre è stato visibile sul canale Vimeo di Sepalone e sul sito della scuola Dante Alighieri, nei prossimi mesi prenderà parte a festival e rassegne cinematografiche, in Italia e all’estero.

Racconta la storia di Stella, un’adolescente appassionata di cinema che vive con la madre in un quartiere periferico di Foggia. Nelle riprese si vede la zona sud della città e l’architettura di una chiesa moderna, circondata da giardino e con i campi di calcio, che si staglia sullo sfondo, quella di S. Antonio. L’opportunità di partecipare al casting di un film diventa la possibilità di realizzare, per Stella, un sogno.

 

“A distanza di cinque anni dalle riprese di ‘Ieri e Domani’- ha commentato Sepalone- sono tornato a girare nella periferia di Foggia, in alcuni luoghi che evocano, dentro di me, indelebili ricordi e forti emozioni. Con “Stella di Periferia” ho raccontato il desiderio di una rivincita, il sogno di una ragazzina che diventa la possibilità di riscatto di un’intera comunità, l’attimo in cui improvvisamente nel buio comincia a brillare una stella. Da parte nostra c’è anche la volontà di accendere nei ragazzi l’entusiasmo che li farà studiare per diventare attori, tecnici, registi”.

 

Nella sua recensione, Geppe Inserra ha definito il lavoro di Sepalone “molto di più di un cortometraggio sulla settima arte. È un atto di fiducia sul cinema come possibile strumento di riscatto delle periferie, dei giovani, e sul cinema come possibilità di esprimersi e raccontarsi. In questo senso è un film “politico”, anche se non parla direttamente di politica, almeno nel senso convenzionale del termine. Anzi, come sempre, la narrazione è minimalista, mette al centro la poesia della vita quotidiana”.

La protagonista della storia, Stella, è Miriana Favia, studentessa della I.C Dante Alghieri, al suo esordio cinematografico. L’attrice Viviana Altieri ha interpretato il ruolo della madre, nel cast recitano anche gli attori Giovanni Mancini, Simona Ianigro e Sara Maldera. Luca La Vopa ha firmato la fotografia del cortometraggio, Sara Palmieri la scenografia e Niccolò Notario il montaggio. I costumi sono di Vize Ruffo, il suono di presa diretta di Tommaso Damisi, il sound design porta la firma di Thomas Giorgi, il trucco di Linda Hand. Le musiche originali sono composte da Francesco Petronelli. Alla registrazione della colonna sonora ha partecipato anche il noto bassista, autore e produttore musicale Roberto Costa, storico collaboratore di Lucio Dalla.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Hot news

L’attrice pugliese Sofia D’Elia nel film sulla vita di Alda Merini

Stato Donna, 27 novembre 2022. Sono terminate a Torino da pochi giorni le riprese del film tv sulla figura di Alda Merini. Si chiama...

Cosplayer Winx, è la foggiana Roberta Tomaiuolo la migliore fata

Stato Donna, 29 novembre 2022. Sul palco di Milan Games Week & Cartoomics 2022, si è tenuto sabato scorso il raduno ufficiale dei cosplayer...

Al Lanza di Foggia ‘La casa di Paolo’, una storia per i giovani e per il futuro

Stato Donna, 28 novembre 2022. 14 omicidi in tutta la provincia di Foggia dall’inizio dell’anno, uno, il quindicesimo, successo da poche ore, ha i...

Baguette patrimonio Unesco, si scatenano i fan del pane pugliese

Stato Donna, 1 dicembre 2022. La baguette, pane tipico della Francia, è stata inserita nella lista del patrimonio immateriale dell'umanità dell'Unesco. Sono le competenze...

Natale nei Grandi Giardini Italiani fra storia, tradizione e magia

Stato Donna, 28 novembre 2022. Dal Nord al Sud del Bel Paese gli “scrigni botanici” hanno in serbo una serie di iniziative da vivere...