Ida Di Masso “Passi in avanti nella carriera forense, ma resta il soffitto di cristallo”

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

La Regione delle donne ospita l’intervento di Ida Di Masso, avvocato, presidente della Commissione Pari Opportunità dell’ordine degli avvocati di Foggia, con cui termina lo speciale di Stato Quotidiano riservato ai temi di genere, e in vista del rinnovo del consiglio regionale.

 

“Spesso ripercorro le tappe dei miei quaranta anni di professione forense e mi pongo sempre il dilemma se e quanta strada  noi donne abbiamo fatto verso la parità di genere e quanta ancora ce ne resta da fare. Oggi è perfettamente  usuale vedere le aule di Tribunale frequentate da tante  donne  in qualità di avvocate, magistrate o dirigenti di cancelleria ma  raggiungere questo risultato è costato tanta fatica per affermare diritti, ideali e passioni, sconfiggere pregiudizi e stereotipi.

 

Pensiamo alla giovane Lidia Poet da Perrero che nel 1883 ottenne l’iscrizione nell’albo professionale, degli Avvocati di Torino, subito annullata dalla Corte di Appello di Torino  con motivazioni  inesistenti, fantasione ed offensive. La Corte sabauda  motivò la sua decisione  argomentando circa la  incapacità naturale della donna ad esercitare la professione, la inadeguatezza dell’abbigliamento femminile sotto la toga, la  capacitaà di influenzare e compromettere la serietà dei giudizi finali. Solo nel 1920 la Poet potè iscriversi all’Albo degli Avvocati perché nel frattempo era stata promulgata la legge n. 1179 del 17 luglio 1919, c.d. legge Sacchi, che abolì l’autorizzazione maritale e consenti alle donne di entrare nei pubblici uffici, nella politica e in tutti i ruoli militari . Nel 1920 la anconetana  Elisa Comani si iscrisse all’Albo degli Avvocati  facendo valere il suo talento in importanti processi quali, ad esempio quello c.d. dei bersaglieri.

 

Da tale epoca in poi,  la carriera forense delle donne  ha subito un lento e costante incremento sino a quando, negli anni 80/90, periodo  di  grande trasformazione della societa’ italiana che tentava di sradicare dal suo tessuto familiare, civile e sociale il  patriarcato, le iscrizioni salirono significativamente tanto che oggi il numero delle donne iscritte all’albo degli avvocati è pari a quello degli uomini .

 

Ma alla parità numerica non fa eco una parità sostanziale  poiché ancora molto poche sono le donne  titolari di studi legali  e, purtroppo, molte quelle che lasciano alla prima gravidanza, poche sono quelle  che rivestono ruoli ed incarichi apicali nelle massime assise forensi e non di poco conto è il fatto che i redditi delle avvocate sono di molto inferiori a quelli degli avvocati che guadagnano dal 50% al 70% in piu’ delle loro colleghe. Malgrado le capacità e gli ottimi percorsi  scolastici ed universitari,  alle donne vengono lasciate ancora gravose incombenze familiari e di cura che ne frenano la carriera, ne erodono tempo ed energie e le lasciamo a guardare quel famoso, metaforico  “soffitto di cristallo”, che forse molte di loro non oltrepasseranno mai.

 

Negli ultimi anni il mondo forense, grazie anche al lavoro  ed all’impegno di tanti operatori ed operatrici del diritto, ha cercato di colmare questo gap. Infatti la legge di riforma della professione forense, la n. 247/2012, prevede che nei Consigli degli Ordini degli Avvocati il riparto dei consiglieri sia effettuato in base ad un criterio che assicuri l’equilibrio tra i generi ed ha istituito i Comitati Pari Opportunità affinché svolgano le funzioni di promozione delle politiche di pari opportunità nell’accesso, nella formazione e qualificazione professionale, di prevenzione, contrasto e rimozione dei  comportamenti discriminatori sul genere e su qualsivoglia altra ragione e ogni ostacolo che limiti di diritto e di fatto la parità e l’uguaglianza sostanziale nello svolgimento della professione forense.

 

Dunque, se volgendo lo sguardo al passato si può senz’altro dire che molta strada è stata percorsa, guardando al presente ed al futuro bisogna prendere atto che molta altra si deve percorrere.

Per tali motivi è importante che le donne siano presenti in consessi, politici, culturali, sociali, lavorativi, rivestano cariche e ruoli di responsabilita’ e prestigio, perché solo così i  loro punti di vista  avranno visibilità, le loro esigenze potranno trovare voce, i loro bisogni potranno avere soluzione. E detta partecipazione sarà ancora più importante nei consessi ove si affrontano le peculiari problematiche territoriali, ove le istanze più direttamente vengono rivolte dalla base  agli organi ed istituzioni preposti alla loro gestione e risoluzione.

 

Ed in vista delle  prossime elezioni regionali mi auguro che molte donne vengano elette affinché si facciano portatrici di istanze, progetti e programmi di implementazione ed attuazione dei principi di pari opportunità, pilastri dei principi fondamentali della Costituzione Italiana, che si possano costruire, anche attraverso la buona politica, reti per mezzo delle quali le entità lavorative, professionali, culturali, sociali e di volontariato  facciano veicolare idee, buone prassi, risorse ed energie per migliorare le condizioni di vita dei nostri concittadini ed in particolare delle donne”.

Ida Anna Di Masso, Avvocata, Presidente Comitato Pari Opportunita’ dell’Ordine degli Avvocati di Foggia

 

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Discover

Sponsor

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img

Latest

Femminicidi. Quando le leggi non bastano e la prevenzione è difficile

E’ difficile celebrare in Italia il 25 novembre, dopo gli ultimi fatti accaduti pochi giorni fa. Una giornata che è per l’Onu l’inizio di...

Capone: “Mi prende il cuore la storia di Yvonne, conosco quelle emozioni”

Stato Donna, 28 novembre 2021.“Quanti ricordi con la bellissima storia di Ivonne, che a pochissime ore dalla nascita della sua piccola Lavinia, dal letto...

La felicità al tramonto e tutto quello che girava intorno alla miniera

Stato Donna, 28 novembre 2021. Le sono rimasti due denti soltanto. E nemmeno in corrispondenza l'uno dell'altro così, quando deve masticare, è una gran...

“Ti mangio il cuore” nel Gargano. “Elodie è una donna fantastica”

StatoQuotidiano.it, Manfredonia 26 novembre 2021. Breve pausa dalla lavorazione del film "Ti mangio il cuore" di Pippo Mezzapesa, con protagonisti Elodie, al suo esordio...

Isa, Cristina, Alessandra: “La nostra filosofia di vita? Quella del buon cibo”

StatoDonna - RadioManfredoniaCentro - StatoQuotidiano.it, Manfredonia 27 novembre 2021. "Noi siamo quello che mangiamo", è un vecchio detto, difficile confutare. Ed è proprio della...