Bari. Scegliere la Puglia a Natale può diventare una esperienza particolare per immergersi nella tradizione, a cavallo fra sacro e profano e comunque sempre con grandi soddisfazioni del palato. Dopo gli eventi che si sono snodati per la Puglia in un “autunno dai mille colori”, InPuglia365, il progetto di allungamento della stagione turistica in Puglia che scaturisce dal Piano Strategico del turismo, propone nel week end dell’Immacolata un calendario di eventi per far festa nei centri storici, sempre gratuiti e selezionati per il Natale dalla Regione tramite Pugliapromozione. L’associazione di Comuni “Cuore della Puglia”, ha organizzato, dal 3 al 28 dicembre, con un focus nel weekend dell’Immacolata, “Dicembre nel Cuore della Puglia”, incrociando i cartelloni dell’Immacolata e natalizi di Acquaviva delle Fonti, Andria, Cellamare, Casamassima, Cassano, Gravina in Puglia, Putignano, Rutigliano e Turi dove sabato e domenica scorsi si è svolto l’evento inaugurale “Chiostro in Festa” che ha avuto fra l’altro come special guest la scrittrice Dacia Maraini. Apertura oggi 6 dicembre nel suggestivo centro storico di Rutigliano, con i falò, le musiche di bassa banda e i fuochi pirotecnici nella “Notte di San Nicola”.

Acquaviva, invece, svelerà a partire dal sette dicembre “i Segreti del Borgo Antico” nella sua “Notte Bianca del Centro storico”, nella quale è previsto, in Cattedrale, il concerto de “Il Soffio dell’Otre”, un ensemble di cornamuse e ciaramelle. Aperture straordinarie della sala Anagrafe di Palazzo de Mari, “Acquaviva in Fiera!” – Scorci, antichi mestieri e personaggi storici di Acquaviva delle Fonti in 84 carte da gioco”, l’incontro con l’economista e storico locale, Nunzio Mastrorocco, allietata da un concerto e da una mostra di abiti d’epoca, esibizioni con armi antiche, spettacoli per bambini, visite guidate ai pozzi e alle chiese del centro storico, incursioni teatrali di “Onirica Poetica Teatrale”, artisti di strada, una mostra di vini con etichette storiche, visite alle cantine Chiaromonte, cioccolata calda, pettole e vin brulè.

Il giorno dell’Immacolata, ad Andria, nella storica piazza Catuma e a piazza Duomo, si festeggerà con uno spettacolo itinerante di Umberto Sardella e altri attori, cantastorie e artisti vari. La manifestazione si intitola “Andria Travel” e prevede percorsi nel centro storico con aperture di siti d’interesse culturale, artistico e religioso come “Porta Santa”, “San Domenico” e la “Cripta della Cattedrale”, nonché altri scorci meravigliosi del centro storico come la “stradina più stretta del mondo”, larga meno di 50 centimetri. Previsti anche visite nei frantoi cittadini e il mercatino di Babbo Natale in piazza Duomo, nonché la ricostruzione in una mostra del complesso benedettino con la Chiesa della Trinità antistante la Cattedrale.

A Cassano, l’8, il 10 e l’11 dicembre, c’è il Natale Cassanese, con l’apertura straordinaria del Palazzo Miani Perotti, Animazione turistico culturale con concerti e artisti di strada , casa di Babbo Natale nella Pinacoteca del Palazzo, street band, mostre, cori gospel e artisti di strada. Il 9 dicembre, nel Castello di Cellamare, è prevista la presentazione dell’evento “Il Presepe Vivente nel Borgo Antico”, che andrà in scena il 27 e 28 dicembre e il 6 gennaio.

A Gravina, il 10 dicembre dalle 17:00 alle 23:00 – “I Tesori di Gravina”, concerti e degustazioni nel Chiostro del Convento di San Sebastiano, Mostra archeologica, nel Chiostro di San Sebastiano. A Putignano, il 10 e l’11, “Il Palazzo ritrovato: visita anteprima al Palazzo Romanazzi Carducci. Un quartetto d’archi, “Strings Song”, allieterà i visitatori all’interno del Palazzo.

Infine, nei giorni di Santa Lucia, l’11, il 12 e il 13 dicembre, a Casamassima, l’Attrazione dei Talenti, una mostra nel Complesso delle Monacelle, con il concerto “Gloria in cielo e pace in terra”, con coro e orchestra, nel Complesso delle Monacelle di Santa Croce

A Capurso per l’Immacolata si svolge la festa più antica del borgo, la Fanoje (falò). La sera del 7 dicembre per tradizione si dava inizio ai preparativi del Natale accendendo falò in ogni strada del paese. Dalle campagne venivano portati rami di ulivo e stralci di vite coinvolgendo anche i bambini per preparare i falò da ardere.

Secondo la leggenda i falò servivano alla Madonna per asciugare i pannetti di Gesù Bambino mentre sul fronte del profano servivano a cacciare dal paese gli spiriti del male, rappresentavano la purificazione ed erano di buon auspicio per il nuovo anno di lavoro nei campi e nelle stalle.

Oggi la Fonje è una sola che si accende nella piazza principale dando il via ad una festa popolare di piazza con un concerto di musica popolare, mercatino di Natale, artisti di strada e un percorso enogastronomico per le vie del centro storico dove è possibile degustare vini, prodotti locali e piatti della tradizione, fresedde, ceci fritti, il calzone di cipolla. Apertura straordinaria con una mostra fotografica e una mostra di pittura della Biblioteca comunale D’Addosio.

A Nardò invece dal 7 al 12 dicembre sarà protagonista il Parco Naturale di Portoselvaggio e Palude del Capitano, dove troviamo antiche masserie ed evidenze archeologiche e il mare sempre a vista. Oltre agli itinerari consolidati come “Nardò Bacco & Barocco” e “Dalla torre al Borgo” saranno inaugurati due nuovi percorsi: “Le vie del sale e dei briganti” e “Le calcare di Porto selvaggio”. Infine il concerto del gruppo delle “Malmaritate” a ridosso della Torre dell’Alto denominata “La dannata” per via di una leggenda che riguarda una bella ragazza di Nardò che, in procinto di sposarsi, era stata chiesta dal signorotto locale in base allo “jus prime noctis” e che per sfuggire al suo destino decise di buttarsi dalla rupe. Le“Malmaritate” è un progetto della cantante Carmen Consoli che coinvolge via via donne musiciste, danzantrici, attrici, mimi e pittrici. Natale nelle grotte meraviglie d’inverno.

A Castellana Grotte, in concomitanza con le date della rappresentazione “Hell in the cave”, lo spettacolo unico e suggestivo nella grave sulla prima cantica della Divina Commedia, si inaugura proprio alla Immacolata la serie di iniziative “Natale nelle Grotte – Meraviglie d’inverno” con aperture straordinarie e visite guidate nel centro storico.

Ad Ascoli Satriano invece apertura straordinaria del Polo museale, Parco Archeologico dei Dauni e Villa Faragola. Sempre al Polo si inaugura il 13 dicembre una mostra dei Presepi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here