L’emicrania può rappresentare un vero e proprio incubo per alcuni soggetti. L’emicrania cronica, in particolare, risulta davvero invalidante, impedendo ai pazienti il normale trascorrere delle giornate.

Da oggi però si potrà prevenire grazie ad un vaccino. La scoperta arriva dal San Raffaele di Roma. Grazie a un “anticorpo intelligente”, costruito in laboratorio, che va a individuare il peptide CGRP (peptide correlato al gene della calcitonina), il cui eccesso è implicato nell’emicrania.

Un risultato di tutto rispetto che porta il San Raffaele ad essere il primo istituto in Europa a raggiungere tale scopo con anticorpi nonoclonali anti-CGRP.
Come spiega Piero Barbanti, responsabile del Centro per la diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma:

I risultati sperimentali pubblicati finora  sono molto promettenti e indicano una riduzione degli attacchi superiore al 62% dopo 3 mesi e un’alta percentuale di responder (74%).

L’anticorpo viene somministrato iniettandolo sottocute una volta al mese per alcuni mesi consecutivi. Il trattamento è, per ora, destinato solo ai soggetti con emicrania cronica (almeno 15 giorni di mal di testa al mese, per almeno 3 mesi consecutivi). Ma si conta di effettuare nel corso del 2016 anche trattamenti rivolti ai pazienti emicranici in forma episodica.

Redazione Stato Donna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here