Roma. “Caro Matteo sono assolutamente certa della mia buona fede e della correttezza del mio operato. Credo tuttavia necessario, per una questione di opportunità politica, rassegnare le mie dimissioni da incarico di ministro. Sono stati due anni di splendido lavoro insieme. Continuerò come cittadina e come imprenditrice a lavorare per il bene del nostro meraviglioso Paese.” La ministra Federica Guidi si è dimessa dopo la bufera sull’intercettazione agli atti dell’inchiesta della magistratura di Potenza sullo smaltimento dei rifiuti legati alle estrazioni petrolifere.

Biografia (WIKIPEDIA). Figlia di Guidalberto Guidi, già vicepresidente di Confindustria[2] e membro di numerosi consigli di amministrazione di importanti industrie italiane, tra cui FIAT e Ferrari[3], Federica Guidi si è laureata in giurisprudenza, lavorando successivamente per due anni come analista finanziaria. Lasciata la carriera finanziaria, nel 1996 è entrata nell’azienda di famiglia, la Ducati Energia, della quale è diventata successivamente amministratore delegato[4]. Dal 2002 al 2005, è stata presidente regionale dei Giovani imprenditori dell’Emilia-Romagna e vicepresidente degli imprenditori della regione. Dal 2005 al 2008, ha affiancato Matteo Colaninno come vicepresidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, e al termine di questo periodo, sotto la presidenza di Emma Marcegaglia, ne è diventata presidente. Successivamente, seguendo le orme del padre, è diventata vicepresidente di Confindustria.

È membro del Gruppo della Regione Europea della Commissione Trilaterale. Il 22 febbraio 2014 viene nominata Ministro dello sviluppo economico nel Governo Renzi.

Dopo la sua nomina, per evitare potenziali conflitti di interessi, ha rinunciato a tutti gli incarichi operativi nelle imprese controllate dalla famiglia, che partecipano ad appalti pubblici ed intrattengono importanti relazioni commerciali con le aziende di proprietà statale. Tuttavia i senatori del Movimento Cinque Stelle presentano nei suoi confronti una mozione di sfiducia, ma l’aula del Senato ne respinge la calendarizzazione.

Le dimissioni. Il 31 marzo del 2016 vengono inserite, tra gli atti di una inchiesta della Magistratura (per cui vengono arrestate cinque persone), alcune intercettazioni telefoniche avvenute nel dicembre 2014. In una di queste il Ministro informava il compagno, Gianluca Gemelli, ora indagato nella stessa inchiesta, che nella legge di stabilità che sarebbe stata votata da lì a poco, sarebbe stato inserito un emendamento che avrebbe favorito le sue aziende che avrebbero così ottenuto sub appalti per oltre due milioni di euro. Nella stessa intercettazione il Ministro fa anche riferimento al fatto che l’inserimento dell’emendamento sarebbe avvenuto se fosse stato d’accordo anche il Ministro Maria Elena Boschi (le opposizioni parlamentari hanno chiesto anche le dimissioni di quest’ultima). Si dimette il giorno stesso. (it.wikipedia.org)

Redazione Stato Quotidiano.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here