Il direttore d'orchestra Gianna Fratta
Foto per MAG - Il direttore d'orchestra Gianna Fratta

Foggia – Lungo tour di concerti per l’ensemble «Umberto Giordano» di Foggia, in partenza il primo ottobre per Libano e Sudafrica. Il gruppo, fondato dalla direttrice d’orchestra e pianistaGianna Fratta e dal violinistaDino De Palma oltre 10 anni fa, si è esibito in tutto il mondo; molte le tournée in Israele, India, Corea del Sud, Germania, Spagna, Argentina, Uruguay, Brasile, Svezia, Lituania, Turchia, Stati Uniti con debutti nei teatri piú importanti del pianeta: nel 2010 l’esibizione alla Carnegie Hall di New York,quindi al Seoul Art Center, al Teatro Coliseum di Buenos Aires, al Teatro Solis di Montevideo, al Givatayim di Tel Aviv, al teatro di Sao Pedro di San Paolo del Brasile, alla storica Smetana Hall di Praga e tanti altri.

Nato con l’intenzione di promuovere e far conoscere la musica di Umberto Giordano nel mondo, l’ensemblesi avvarrá nel prossimo tour «Lebanon & Southafrica» della collaborazione di artisti, strumentisti e cantanti per portare in scena 4 spettacoli originali ideati dalla direzione artistica dell’ensemble. Sette i concerti, che toccano cittá come Beirut, Byblos, oggi chiamata Jbeil, Johannesburg, Cape Town, Pretoria, Sasolburg per un tour che vedrá la messa in scena degli spettacoli «Italian Chamber Opera in Lebanon», «Pocket Opera from Italy to South Africa», «La vera storia di Violetta Valery – La Traviata», «Taste of Italian Opera», tutti finalizzati alla promozione dell’opera italiana e della figura artistica e musicale di Giordano.

Il lungo tour, che inizia i primi di ottobre, vede alternarsimusicisti e cantanti molto noti in Italia e nel mondo, come, tra gli altri, i soprani Teresa Di Bari e Artemisa Repa, il tenore Cataldo Caputo, il baritono Federico Longhi, il violoncellista Luciano Tarantino, il violinista Dino De Palma, la pianista Gianna Fratta, questi ultimi ideatori e organizzatori dell’intero tour.
Tra gli autori italiani proposti al pubblico libanese e sudafricano, Verdi, Puccini, Donizetti, Rossini, oltre ad Umberto Giordano, di cui si eseguiranno brani dell’Andrea Chènier. Organizzato col supporto di numerosi partners internazionali, come la Notre Dame University NDU di Beirut, l’Istituto Italiano di Cultura di Pretoria, il Consolato d’Italia di Cape Town, il teatro «The Fringe» di Johannesburg, l’Istituto Italiano di Cultura di Beirut, l’Universitá Americana di Beirut e molti altri, il tour gode del supporto di Puglia Sounds Export.

Redazione Stato Quotidiano @riproduzioneriservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here