In un mondo come quello moderno dove le relazioni personali sono scandite e dipanate dal mondo virtuale dei social media, in un mondo moderno dove anche il cibo viene presentato attraverso la asetticità dei social media, ecco che nascere e profilarsi all’orizzonte una nuova figura: la “Chesse Storyteller”.

Una figura d’altri tempi che, attraverso la competenza e la professionalità, avvia un percorso realizzato attraverso i cinque sensi che trasporta la persona attraverso un viaggio multisensoriale; un tragitto, un percorso, un viaticum che permette di far riscoprire il tempo passato dove le emozioni erano reali, concrete, avvolgenti.

La Cheese Storyteller é quindi una “cantastorie” moderna; un personaggio che attraverso competenze, amore e professionalità accompagna l’appassionato, il cultore o il semplice fruitore ad avere un rapporto diverso con ciò che mangia; in questo caso il formaggio.

Questa nuova figura che, già da oltre un anno scandisce la propria vita in funzione della sua passione e opera lavorativa, é una donna 38enne, Rosamaria Derosa, che dopo essersi laureata in economia e commercio decide di intraprendere la strada solcata dal padre, produttore caseario, cercando di dare un valore aggiunto alla azienda familiare creando i presupposti per una nuova professione; una professione che che intende riportare le tradizioni in un mondo dove la standardizzazione e l’appiattimento del mondo del cibo, in particolare quello del formaggio, ha fatto dimenticare ciò che di più bello comunica il cibo: la vita!

La Dott.ssa Derosa afferma che: “Degustare un formaggio non è solo il semplice e scontato atto meccanico di portarlo in bocca e apprezzare il suo gusto, ma vi é un intero universo dietro quel gesto. Dietro il formaggio e la sua produzione vi é un mondo; un mondo fatto dal territorio, dalle tradizioni, dalla storia, degli animali e dall’uomo. La mia esperienza nel mondo della caseificazione mi ha reso consapevole di quanto vi sia, da parte del pubblico, voglia e volontà di apprendere quante più cosa possibili sul mondo del formaggio. Tutto questo mi ha reso conscia di quanto il formaggio sia veramente poco conosciuto. Un formaggio raccontato, parlato, sviscerato, descritto, favoleggiato è quindi in grado di coinvolgere non solo i 500 mila ricettori che abbiamo sulla lingua, ma tutti i sensi e, nello stesso tempo, dare quelle emozioni che sono frutto anche del coinvolgimento che colei o colui che racconta sa trasmettere. Da questo nasce l’esigenza, la mia necessità, la mia consapevolezza di divenire una cantastorie di formaggi, di storie, di uomini, di tradizioni, di territori, di sapori.
Storie, uomini, tradizioni e territori sono alla base di quello che é un formaggio particolare, unico e dalle mille caratteristiche, particolarità, tipicità, specialità, singolarità, specificità e esclusività: il Pallone di Gravina“ .

Con la sua personalissima idea di Storyteller la Derosa é stata ospite di Rai Tre – Geo&Geo (gennaio 2017), di Rete 4 – “Ricette Italiane” (maggio 2017), Rai Uno – “Soliti Ignoti – il Ritorno” (ottobre 2017) e in altre trasmissioni. Il tutto portando all’attenzione dei media quella territorialità, quella storicità quella intraprendenza tutta made in Gravina: una terra, una gente, una storia, una tradizione unica.

La Dott.ssa Derosa, imprenditrice gravinese, grazie alla sua professionalità ed esperienza, ricopre diversi ruoli locali e nazionali nell’ambito della caseificazione e della imprenditoria nazionale, che ne fanno un personaggio altamente qualificato. Tra i compiti ricoperti ricordiamo: Presidente Cna Città Metropolitana di Bari, Presidente regionale Lattiero-Caseari Cna, Presidente Ass.ne Pallone di Gravina, Consigliere Direzione Nazionale Cna, Consigliere CCIAA Bari, Consigliere Gal MurgiaPiu, Consigliere MAAB Puglia
La Dott.sa Derosa, laureata in Economia e Commercio all’Università degli studi di Bari, vive e opera a Gravina di Puglia ed é spostata con un Ing. Aerospaziale e Astronautico della Nasa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here