Foggia. E’ un lavoro di Gaetano Narducci, 26enne foggiano, studente di Filologia Moderna, ad aver vinto la seconda edizione del Foggia Student Film Festival. Il suo cortometraggio “Il prof. di filosofia” è stato scritto a quattro mani con un altro film maker foggiano, Fabrizio Rinaldi, ed è stato premiato “Per aver fatto riflettere con arguzia dialogica sul mondo accelerato dei social e sul rapporto tra estetica della finzione e finzione etica, ricorrendo a pochi elementi (due attori e una panchina) coniugati da una regia essenziale e allo stesso tempo ben funzionale.”

Il tema del festival era “elogio della lentezza, omaggio alla riflessione” e Gaetano Narducci assieme a sua sorella Noemi, produttrice del cortometraggio e autrice del soggetto, l’ha subito interpretato in chiave tecnologica, cioè come rapporto dei giovani con “l’information overload” ossia il flusso ininterrotto e rapidissimo di informazioni a cui siamo esposti giornalmente. Da questa suggestione è nato “il prof di filosofia” che racconta l’incontro fra uno studente e un istrionico professore di filosofia alla fermata dell’autobus. Le parole dell’insegnante permetteranno al giovane di cambiare (forse) prospettiva sul modo di interagire con la tecnologia e di vivere la vita “vera”. Solita (e inflazionata) paternale di un over 50 “analogico” ad un nativo digitale, su quanto sia bello spegnere il telefonino e guardare il tramonto? Assolutamente no! Guardare per credere!

Narducci parla de “Il prof. di filosofia” come di un corto “divertente, che fa bene il suo dovere principale d’intrattenere. Però qualche mio amico si è anche commosso” ha aggiunto. Probabilmente è anche merito dell’interpretazione di Roberto Galano, direttore artistico del Teatro dei Limoni di Foggia, perfetto nei panni del professore: “Io e Fabrizio Rinaldi, mentre scrivevamo la sceneggiatura abbiamo subito pensato a lui per il ruolo del prof.-continua- ed è stata una fortuna che Roberto abbia accettato. Lui è un attore straordinario, ed è stato abilissimo nel conferire al personaggio una grande vibrazione umana”. Lo studente ha invece il volto di Christian di Furia, anch’egli interprete e sceneggiatore del Teatro dei Limoni, che “ha saputo rapportarsi alla sceneggiatura con grande intelligenza e misura, soddisfacendo pienamente le esigenze di scena.”

Passando dal cinema alla vita, chiediamo quale sia il rapporto di Gaetano Narducci con la tecnologia “Cerco di fare un utilizzo consapevole sia dei social che della tecnologia in generale -racconta- ma spesso è facile perdere un po’ la mano. Mi capita ogni tanto di perdermi per diverse ore nella timeline di Facebook, di sfogliare per ore articoli di Wikipedia dimenticando cosa ero andato a cercare sul sito in principio, o ancora di saltare da un video all’altro di Youtube apparentemente senza logica: cerchi un video della scansione metrica dei versi di Virgilio e due ore dopo stai guardando ‘Goats Yelling like Humans’.

Gaetano studia Filologia Moderna all’Università di Foggia ed ama gli studi umanistici, ma fa fatica ad immaginare un futuro dietro una cattedra: “Quella dell’insegnamento è una prospettiva edificante, ma credo che insegnare non sia per tutti- afferma -come nel mio cortometraggio, i docenti che incontri nella vita determinano in parte quello che sei e quello che puoi diventare. Io mi sento fortunato ad aver spesso incontrato grandi insegnanti, ma non sono sicuro di essere in grado di poter fare lo stesso per un ipotetico studente”. Si sente invece un creativo e più che un regista si ritiene “uno sceneggiatore che ogni tanto dirige”.

“Il prof. di filosofia” sarà visibile gratuitamente a partire da oggi pomeriggio sulla sua pagina Facebook al seguente indirizzo https://www.facebook.com/ilprofdifilosofia/, ma dopo il Foggia Student film Festival Gaetano Narducci si aspetta ulteriori soddisfazioni dalla sua “creatura”. “La speranza è quella di mandarlo ad altri festival, e ovviamente di raccogliere altri premi. Penso sia tratti di un corto che ha qualcosa da dire, ma se lo dice in maniera interessante e gradevole, questo lo decide il pubblico.”

(A cura di Annapina Rinaldi – aprinaldi@alice.it)

————————————————————————————————————————–
INFO. Il prof. di filosofia è un cortometraggio comedy-drama del 2016 diretto da Gaetano Narducci. Vincitore della seconda edizione del Foggia Student Film Festival, è stato scritto a quattro mani da Gaetano Narducci e Fabrizio Rinaldi, che ne ha curato anche la produzione esecutiva. Le riprese del cortometraggio sono state ultimate a marzo 2016.

Regia – Gaetano Narducci
Sceneggiatura – Gaetano Narducci e Fabrizio Rinaldi
Soggetto – Noemi Narducci
Produttore esecutivo – Fabrizio Rinaldi
Produttore – Noemi Narducci
Aiuto regia – Marco Adabbo
Segretario di edizione – Giuseppe Rinaldi
Assistente di produzione – Giovanni Rinaldi
Fotografia – Giuseppe Bruno e Fabrizio Rinaldi
Operatore – Giuseppe Bruno
Assitente operatore – Daniele Bisceglia
Fonico di presa diretta – Roberto Ugo Ricciardi
Fotografo di scena – Giuseppe Formiglio
Montaggio e color grading – Fabrizio Rinaldi
Musiche originali – Leonardo Manna

con Roberto Galano (il Professore) e Christian di Furia (il Ragazzo)

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO