Per anni gli aperitivi hanno dominato le nostre serate estive, andando via via espandendosi e diventando “aperitivi rinforzati”, dunque includendo buffet e stuzzichini in abbondanza. Qualcuno avrà quindi pensato: perché non unire le due cose, creando un aperitivo ma anche una cena? Ed ecco che è nata l’apericena: una tendenza che negli ultimi anni ha conquistato sempre più italiani, in quanto ha saputo mescolare con maestria il cibo agli aperitivi, creando un momento divertentissimo da passare tutti insieme, fra una chiacchiera, un cocktail, uno stuzzichino ed una risata. Ma come organizzare un’apericena di successo a casa nostra?

 

Apericena di successo? Si parte dalle bevande

 

Un’apericena non può dirsi tale, senza un bel tavolo ricco di bevande, alcoliche e analcoliche. Alcuni esempi virtuosi di super-cocktail da apericena? Si parte ovviamente dall’immortale Spritz: un grande classico degli aperitivi, a base di Aperol, prosecco e soda. Poi, a seguire, troviamo altri cocktail molto conosciuti, come il Negroni e la sua versione “sbagliata”, con lo spumante al posto del gin. E si conclude con altri must da apericena, come ad esempio il mojito (fresco e saporito), il bellini (chic e gustoso), il daiquiri e ovviamente la regina dei cocktail analcolici: il Florida. Pronti a fare incetta di bottiglie, dunque? Se volete evitare poi la fatica di trasportare pesanti bottiglie di vetro, l’ultima novità del momento è la spesa online, con la quale potete comprare i vostri aperitivi alcolici direttamente su internet, grazie a servizi come Easycoop, che ha addirittura una sezione dedicata ai vostri desideri alcolici per una perfetta apericena.

 

Si continua con il buffet: cosa mangiare?

 

Non solo alcool, dato che il cibo è altrettanto importante. Sennò non si parlerebbe di apericena. Ma cosa mangiare? Ricordate sempre la regola: al bando gli alimenti pesanti, perché la digestione deve avvenire in modo quieto, visto che poi la festa proseguirà a ritmo di musica. E allora via libera a portate gustosissime ma anche poco impegnative, come le insalate di pasta e di riso, condite magari con tonno, basilico, limone ed un filo di olio evo. Anche i finger food sono un’ottima trovata per un’apericena, come ad esempio le crocchette di verdure, i taglieri con salumi magri e formaggi, le tartine ed i cocktail di gamberi o di scampi. Ricordate che dovrete non solo soddisfare palati differenti con un menu variegato, ma che dovrete anche realizzare dei piatti agili, dato che l’apericena non prevede tavoli.

 

Musica e atmosfera: come chiudere un’apericena?

 

Non è detto che si finisca a ballare, ma questa è un’eventualità da tenere sempre in conto, perché la musica rappresenta un obbligo, soprattutto per una questione di atmosfera. Il sottofondo musicale, che potrà ad esempio essere rilassato durante la cena e poi più accelerato quando gli ospiti avranno finito di mangiare, dovrà essere sempre presente, e soprattutto idoneo ai diversi momenti della serata. Meglio optare per un po’ di lounge music e a basso volume, per consentire agli invitati di chiacchierare in santa pace, e poi – a seconda dei vostri desideri – provare a forzare un po’ la mano con musica latina o commerciale, per vedere se l’atmosfera, da rilassata, possa poi animare la “pista”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO